SPETTACOLO SULLA MEMORIA EBRAICA TEATRO VILLA TORLONIA

LA MEMORIA EBRAICA TRA MUSICA E RACCONTI

“CHE NON ABBIANO FINE MAI…” AL TEATRO DI VILLA TORLONIA

 

Indelebili le ferite provocate dalla seconda Guerra Mondiale visibili negli animi e nei corpi di quanti hanno visto, vissuto e raccontato gli orrori di una tragedia senza precedenti che ha visto consumarsi il dramma più grande vissuto dall’umanità: lo sterminio degli ebrei nei lager nazisti. A distanza di anni quotidiani, documentari, film, romanzi, inchieste, interviste, hanno raccontato con intensità e forte spessore comunicativo la tragedia della shoah che ha lasciato attonito il mondo intero. Una pagina di storia atroce e agghiacciante che non va dimenticata come testimoniato da quanti sono sopravvissuti al massacro. Ma testimoni di un passato così oscuro e drammatico possono essere i giovani di oggi nel dare voce a sentimenti di speranza in cui vi sia più umanità e condivisione. A sostenerlo è il regista fantasista e musicista israeliano Eyal Lerner, residente in Italia dal 1995, che con il suo “Progetto Memoria” lancia questa sfida, ricercando nell’arte e nella didattica quella speciale relazione fra lo spettatore e il

La memoria ebraica tra musica e racconti spettacolo teatro Villa Torlonia
La memoria ebraica tra musica e racconti
spettacolo teatro Villa Torlonia

palcoscenico, coinvolgendo in particolare studenti e docenti in un percorso in continua evoluzione. E lo fa attraverso lo spettacolo “Che non abbiano fine mai … la Memoria ebraica fra musica e racconti” in programma il 31 gennaio 2017 a Roma al Teatro di Villa Torlonia a partire dalle 19.30.

Promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura, lo spettacolo, organizzato e sostenuto dall’organizzazione del Centro di Cultura Ebraica I Comunità Ebraica di Roma, entro una narrazione reale e poetica si sviluppa come racconto fra immagini, musica e partiture gestuali, creando un collegamento tra la memoria ebraica, i suoni e le narrazioni, aspetto che sottolinea l’eclettica esperienza didattica e artistica del regista e musicista israeliano.

Emergono domande sulla Seconda Guerra Mondiale e allo stesso tempo si apre uno squarcio intimo sulla tragedia della Shoah sul perché di tanta atrocità, entrando con gli occhi e la mente nei luoghi e nelle atmosfere della storia e della cultura ebraica dai cui osservare l’umanità. Malinconia e gioia, nostalgia e speranza si intrecciano in questo spettacolo concerto caratterizzato dalla musica dalle voci e dalla gestualità per restituire le atmosfere evocative di un dramma, per sempre nella memoria dell’umanità. L’arte e la storia, dove dominano suoni e immagini e la forza comunicativa della parola, diventano così occasioni uniche per riscoprire i sentimenti più autentici quali solidarietà e compassione, con cui dare vita a relazioni profonde, capaci di rafforzare la propria individualità.

Silvana Lazzarino

 

Che non abbiano fine mai….

la Memoria ebraica fra musica e racconti

spettacolo di e con Eyal Lerner

con la partecipazione degli studenti di scuole romane

Teatro di Villa Torlonia

Via Lazzaro Spallanzani, 1°- Roma

Martedì 31 gennaio 2017 ore 19.30

Per informazioni telefono 06.4404768

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria allo 060608

  Altri articoli pubblicati su Emmegiischia

http://www.emmegiischia.com/wordpress/valerio-adami-in-mostra-in-tre-sedi-a-roma/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/arte-in-memoria/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/92389-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/ricordare-le-vittime-della-shoah-memorie-dinciampo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2017-01-09/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/escher-in-mostra-a-milano/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/virginia-vandini-e-il-valore-del-femminile/

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana

http://www.ildispari24.it/it/beatrice-pediconi-alien-2016-performance-sonora/

http://www.ildispari24.it/it/le-civette-nellarte-a-villa-torlonia/

http://www.ildispari24.it/it/il-dispari-2017-01-23/

http://www.ildispari24.it/it/convegno-ad-albano-contro-la-violenza-sulle-donne/

http://www.ildispari24.it/it/terre-deuropa-per-non-dimenticare/

http://www.ildispari24.it/it/il-codice-del-volo-di-leonardo/

http://www.ildispari24.it/it/francesco-oggianu-personale-di-fotografia/

http://www.ildispari24.it/it/arte-in-memoria-a-cura-di-adachiara-zevi/

http://www.ildispari24.it/it/la-galleria-poggiali-presenta-faith-fathom/

http://www.ildispari24.it/it/memorie-dinciampo-ottava-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/sopravvissuti-fotografie-in-mostra-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/escher-in-mostra-a-palazzo-reale/

http://www.ildispari24.it/it/virginia-vandini-e-lassociazione-il-valore-del-femminile/

http://www.ildispari24.it/it/giovanna-sorbelli-ed-eudonna-aprono-il-nuovo-anno/

http://www.ildispari24.it/it/la-madonna-della-misericordia-di-piero-della-francesca-esposta-a-milano/

 

TERRE D’EUROPA PER NON DIMENTICARE

 Terre d’Europa un progetto di Gimmi Basilotta

al Teatro Villa Torlonia di Roma

Le ferite provocate dalla seconda Guerra Mondiale hanno lasciato una traccia indelebile negli animi e nei corpi di quanti hanno visto, vissuto e raccontato gli orrori di una tragedia senza precedenti che ha visto consumarsi il dramma più grande vissuto dall’umanità: lo sterminio degli ebrei nei lager nazisti Il ricordo di una pagina di storia tanto atroce deve protrarsi nel tempo, in questo tempo dove la memoria di quanto accaduto deve aiutare a migliorare la vita quotidiana in rapporto agli altri sconfiggendo l’intolleranza e il razzismo che creano solo allontanamento e odio.

Esempi di come l’arte possa rappresentare un veicolo per guardare a quanto accaduto e far si che il ricordo di tale dolore possa essere motivo per costruire un futuro migliore sono le “pietre d’inciampo” create dall’artista tedesco Gunter Demnig da cui è nato un percorso dal titolo “Memorie d’inciampo” e l’esposizione “Arte in Memoria, mostra internazionale di arte contemporanea” curati da Adachiara Zevi.

In occasione della Giornata della Memoria, il Progetto “Passodopopasso” ospitato in alcuni spazi per la cultura di Roma Capitale include la mostra TERRE D’EUROPA ideata dal regista teatrale Gimmi Basilotta che attraverso un’installazione artistica ha voluto intrecciare pensieri, parole e sensazioni a partire dall’esperienza del suo viaggio compiuto nel 2011 dal Piemonte alla Polonia. Un viaggio di 2.000 chilometri che il regista e attore ha compiuto a piedi in 76 giorni, per ripercorrere lo stesso itinerario che portò ventisei ebrei cuneesi da Borgo San Dalmazzo ad Auschwitz.

Terre d'Europa opere e installazioni di Gimmi Basilotta
Terre d’Europa opere e installazioni di Gimmi Basilotta

La mostra, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale, inaugurata a Roma a Villa Torlonia il 21 gennaio 2017 alle ore 18.30 si lega ad altre iniziative culturali sempre sullo stesso tema quali lo spettacolo VIAGGIOADAUSCHWITZa /r in programma il 1 febbraio alle 19.30 sempre a Villa Torlonia e la conferenza spettacolo “Parole e passi. Un cammino di memoria” il prossimo 31 gennaio alle 17.00 presso la Casa della Memorai e della Storia. Simboli di questo percorso riproposto da TERRE D’EUROPA sono le betulle portate con sé e piantate lungo il cammino, le terre portate da un punto all’altro e utilizzate per piantare le betulle ed infine gli oggetti che diventano testimoni silenziosi della storia.

Durante il loro cammino verso Auschwitz, i pellegrini di Passodopopasso hanno deciso di segnare le tappe del loro viaggio con tante piccole betulle, affidando agli amici delle comunità che incontravano il compito di accudirle e farle crescere. In cambio di ogni betulla lasciata in custodia ciascun pellegrino riceveva un sacchetto di terra che una volta giunti alla meta, davanti al binario morto su cui i treni dei deportati terminavano il loro viaggio, utilizzava per piantare l’ultima betulla concimata con le tante terre d’Europa raccolte. Parallelamente sono gli oggetti lasciati abbandonati sul ciglio delle strade, nei fossi, nei territori incolti, ai margini di pesi e città. Oggetti e cose usate, consumate e dismesse trovate lungo un cammino che qui diventano testimoni della memoria. Attraverso queste tappe la mostra suggerisce un cammino verso la vita, il cammino per una rinascita dell’uomo attraverso terre da guardare, da annusare, da sentire, da toccare con rispetto, che testimoniano passi, tracce infinite di uniche storie.

Silvana Lazzarino

 TERRE D’EUROPA

opere e installazioni di Gimmi Basilotta

Teatro di Villa Torlonia – Spazio Serra

Via Lazzaro Spallanzani 1/a Orario: tutti i giorni dalle ore 12 alle ore 17 (lunedì 23 e lunedì 30 gennaio chiuso) Per informazioni tel . 06.4404768 / tel. 060608; www.teatrodivillatorlonia.it

dal 22 gennaio al 1 febbraio 2017

Ingresso libero

Altri articoli pubblicati su Emmegiischia

http://www.emmegiischia.com/wordpress/valerio-adami-in-mostra-in-tre-sedi-a-roma/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/arte-in-memoria/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/92389-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/ricordare-le-vittime-della-shoah-memorie-dinciampo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2017-01-09/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/escher-in-mostra-a-milano/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/virginia-vandini-e-il-valore-del-femminile/

 

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana

http://www.ildispari24.it/it/la-galleria-poggiali-presenta-faith-fathom/

http://www.ildispari24.it/it/memorie-dinciampo-ottava-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/sopravvissuti-fotografie-in-mostra-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/escher-in-mostra-a-palazzo-reale/

http://www.ildispari24.it/it/virginia-vandini-e-lassociazione-il-valore-del-femminile/

http://www.ildispari24.it/it/giovanna-sorbelli-ed-eudonna-aprono-il-nuovo-anno/

http://www.ildispari24.it/it/la-madonna-della-misericordia-di-piero-della-francesca-esposta-a-milano/

http://www.ildispari24.it/it/alberto-burri-e-il-suo-percorso-rivoluzionario-in-mostra-a-citta-di-castello/

 

 

 

DONNE PERSEPHONE IN SCENA A ROMA A VILLA TORLONIA

DONNE PERSE(PHONE): SPETTACOLO A VILLA TORLONIA PER DIRE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

In occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne il 25 novembre al Teatro di Villa Torlonia a Roma nell’ambito degli appuntamenti con “Parco in scena” è la volta dello spettacolo Donne perse(phone). Voci di donne contro la violenza sulle donne: un dramma moderno diretto da Paola Sarcina e testo teatrale di Annalisa Venditti, ispirato dalle cronache dei nostri giorni che si ricollega al mito classico della dea greca Demetra e di sua figlia Persefone.

Tratto dai fatti di cronaca che evidenziano come il problema della violenza fisica e psicofisica contro le donne ancora sia presente in una società dove ciascun individuo ha diritto di essere rispettato come persona qualsiasi sia la sua identità fisica, ideologica o politica, il dramma è accompagnato dalle musiche di Bellini, Händel, Mozart, Purcel, Verdi, Vivaldi che sottolineano gli stati d’animo di queste donne vittime indifese della violenza, spesso impossibilitate a reagire a gesti aggressivi e .cruenti. E’ data voce attraverso questo recital alle vittime di una violenza che non ha giustificazioni e che vede purtroppo ragazze e donne uccise o abusate da un marito, un fidanzato o un compagno violento.

Donne Persephone in scena al teatro Villa Torlonia
Donne Persephone in scena al teatro Villa Torlonia

Il testo scritto da Annalisa Venditti che ha incontrato madri cui erano state uccise le figlie e che ha avuto modo di constatare e percepire il loro dolore, è centrato sul rapporto madre/figlia, un rapporto inscindibile cui neanche la morte può porre fine. In scena dunque sono le figlie che ritornano e lo fanno per raccontare alla madre gli ultimi momenti della loro vita e per ricucire quello strappo che – nonostante tutto – non potrà mai recidere un legame tanto forte e profondo quale quello tra una madre e una figlia. A differenza del mito antico, dove Demetra ha il permesso da Ade di poter rivedere la figlia per sei mesi l’anno, entro il contesto odierno questo non può accadere. La Persefone di oggi è morta, ma con lei sarà sempre sua madre.

Il recital dove protagoniste sono tredici dome non professioniste, eccettuata una, vuole portare alla luce il dialogo intimo tra madre e figlia, tra vita e morte, tra amore e violenza. Il mito di ieri e la storia di oggi si intrecciano: le atmosfere arcaiche e segrete del mito si confondono con quelle metropolitane evocate con le parole della cronaca nera, in una parabola di emozioni dove si consuma il mistero dell’esistenza.

Lo spettacolo è stato costruito anche attraverso un laboratorio che ha previsto due incontri di approfondimento con la psicologa Marinella Linardos.

Un’occasione per riflettere sulla piaga del femminicidio e come sostiene l’autrice Annalisa Venditti: “Il mio testo si fonda sul rapporto madre- figlia. Io credo che gli affetti più vicini, quelli della famiglia, possano essere il deterrente, la rete di salvataggio”. E prosegue “Come giornalista ho parlato, purtroppo, negli anni con molte donne cui era stata uccisa una figlia per mano di un compagno o di un marito violento. Le parole sono quelle di donne che ho conosciuto attraverso il ricordo commosso di madri che le hanno perse per sempre. Volevamo rendere lo spettacolo un evento particolare, così ho accettato la bella proposta di Paola Sarcina, regista e produttrice, portandolo in scena con delle donne non attrici (tranne una). Madri, moglie, professioniste che hanno voluto dare il loro contributo contro la violenza di genere, partecipando a un laboratorio teatrale”.

 Silvana Lazzarino

TEATRO DI VILLA TORLONIA

Il Parco in Scena

DONNE PERSE(PHONE Voci di donne contro la violenza sulle donne

Regia di Paola Sarcina, testo di Annalisa Venditti

Via Lazzaro Spallanzani 1 a- Roma

Per info: 060608

25 novembre 2016 ore 19.30

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana

http://www.ildispari24.it/it/roma-palazzo-odescalchi-asta-minerva-auctions/

http://www.ildispari24.it/it/giovanni-dal-ponte-e-lumanesimo-tardo-gotico-fiorentino

http://www.ildispari24.it/it/alfredo-pirri-rwd-fwd/

http://www.ildispari24.it/it/carlo-riccardi-artista-e-fotografo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2016-11-14/

http://www.ildispari24.it/it/mimi-quilici-buzzacchi-2/

http://www.ildispari24.it/it/il-maestro-micalizzi-e-la-big-bubbling-band/

http://www.ildispari24.it/it/alessio-deli-la-bellezza-e-la-ruggine/

http://www.ildispari24.it/it/espansione-della-materia/

 http://www.ildispari24.it/it/vesna-pavan-e-le-sue-fotografie/

http://www.ildispari24.it/it/marco-tullio-barboni-2/

http://www.ildispari24.it/it/artissima-torino/

http://www.ildispari24.it/it/teatro-villa-torlonia-di-roma/

http://www.ildispari24.it/it/minerva-auctions-2/

http://www.ildispari24.it/it/lopera-di-anghelopoulos/

http://www.ildispari24.it/it/massedo-in-mostra-a-firenze/

http://www.ildispari24.it/it/giuseppe-antonelli-e-il-suo-italiano-vero/

Altri articoli pubblicati su Emmegiischia

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2016-10-17/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/vita-ed-emozione-nei-disegni-di-frangi/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/giornate-europee-del-patrimonio/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/anghelopoulos-a-meeting-art/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/sara-santostasi-al-premio-musa-dargento/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/pignatelli-torna-pietrasanta/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/premio-pianeta-azzurro/