Francesca Di Sarno, Counselor, “Emozioni e Relazioni” con il Valore del Femminile

FRANCESCA DI SARNO, WORKSHOP: DIETRO LE MASCHERE, ALLA SCOPERTA DEL BAMBINO INTERIORE

 Per giungere ad una piena consapevolezza nelle scelte e nel costruire relazioni armoniche sono necessarie l’ascolto, l’accoglienza, ma il primo ascolto deve avvenire dentro se stessi riscoprendo e riconoscendo le emozioni.. Verso l’ascolto, l’amore e l’accoglienza conduce l’Associazione Il Valore del Femminile di cui è presidente Virginia Vandini sociologa, counselor trainer, specializzata in counseling scolastico e consulente in psicogenealogia e costellazioni familiari che insieme al suo staff formato tra gli altri da; Antonella Aloi, Elisa Mastrantonio, Anna Filippini, Francesca Di Sarno, Giuseppina Occhiuto e Maria Lavinia Biasi propongono corsi, seminari sempre molto interessanti lungo il “cammino del counseling”. Tra gli incontri proposti da IL VALORE DEL FEMMINILE inerenti corsi di formazione, seminari volti a far acquisire consapevolezza, fiducia in se stessi per trovare anche il coraggio di cambiare, va sottolineato  IL CICLO DI 8 WORKSHOP SULLE EMOZIONI E RELAZIONI condotto da FRANCESCA DI SARNO Counselor Trainer Olistico, ThetaHealer, Formatrice specializzata in “Tecniche di Rilassamento”, “Teatro-Counseling”, “Costellazioni Sistemico Familiari e Aziendali”, oltre che Responsabile Relazioni Esterne dell’Associazione “Il valore del femminile.

Francesca Di Sarno Counselor, Trainer Olistico, ThetaHealer, Formatrice specializzata in "Tecniche di Rilassamento", "Teatro-Counseling", "Costellazioni Sistemico Familiari e Aziendali"
Francesca Di Sarno,  Counselor, Trainer Olistico, ThetaHealer, Formatrice specializzata in “Tecniche di Rilassamento”, “Teatro-Counseling”, “Costellazioni Sistemico Familiari e Aziendali”

Il titolo di questo corso Dall’Amore per Te all’Amore per Me – Dall’Amore per Me all’Amore per gli Altri”,  formato da 8 workshop a carattere teorico esperenziale, in programma una domenica al mese- iniziato lo scorso novembre 2017 e che avrà durata fino a giugno 2018 – dalle ore 9.30 alle 18.30, permetterà di entrare in contatto con le proprie EMOZIONI per conoscere le ferite emozionali e le relative maschere per prendersi cura del proprio Bambino interiore. Saranno esplorate le dinamiche di coppia fino a riconoscere quelle tossiche che creano dipendenza, al fine di accrescere il proprio valore e migliorare la relazione con se’ sviluppando Amore per se stessi e di conseguenza costruire relazioni autentiche con gli altri. Dopo aver appreso nel primo workshop come entrare in ascolto delle proprie emozioni, nel riconoscerle entrando in contatto con esse attraverso il corpo, poiché sono alla base del modo con cui ci si relaziona nella vita di tutti i giorni confrontandosi con gli altri, si è passato nel secondo incontro al alle modalità con cui gestirle acquisendo una rinnovata consapevolezza di sé. Attraverso l’esercizio della drammatizzazione si è appreso come manifestarle senza reprimerle o farsi sopraffare da esse riuscendo a mantenere un controllo del proprio emisfero fisico ed emotivo. Riconoscere, gestire e comunicare le proprie emozioni, imparare in particolare a identificare quelle spiacevoli come rabbia, tristezza e paura, andando a cogliere gli aspetti positivi, aiuta a livello fisico e psicologico.

Francesca Di Sarno. Emozioni e Relazioni. Workshop 4 ° INCONTRO “ALLA SCOPERTA DEL MIO BAMBINO INTERIORE: COSA SI NASCONDE DIETRO ALLA MASCHERA?”
Francesca Di Sarno. Emozioni e Relazioni. Workshop 4 ° INCONTRO “ALLA SCOPERTA DEL MIO BAMBINO INTERIORE: COSA SI NASCONDE DIETRO ALLA MASCHERA?”

Durante il terzo workshop del 14 gennaio “Alla scoperta del Bambino interiore. Le ferite dell’anima” la Dott.ssa Francesca Di Sarno ha proseguito in questo affascinante percorso di riscoperta di se’ guidando i partecipanti alla scoperta delle ferite emozionali risalenti all’infanzia, ferite da mettere a fuoco per evitare che influenzino in modo negativo la vita futura. A riguardo si è parlato delle cinque tipologie di ferite emotive: Rifiuto, Abbandono, Umiliazione, Tradimento e Ingiustizia e di come fin dall’infanzia per adattarsi e sopravvivere alle ferite emotive si possano sviluppare e creare delle “maschere” quali forma di difesa con cui avere il controllo su una situazione subita. Un esempio: chi da piccolo si è sentito rifiutato (dal genitore dell’altro sesso) in futuro indosserà la maschera del fuggitivo. Alla ferita dell’abbandono corrisponde la maschera del dipendente, a quella dell’umiliazione la maschera da masochista, a quella del tradimento la maschera del controllore, e a quella dell’ingiustizia la maschera del rigido. Le cinque ferite rappresentano i principali condizionamenti dell’esistenza e solo con un attento lavoro ci si può liberare dagli strati di questa corazza che tiene bloccata la vera personalità.

Il 4° Workshop sempre a carattere teorico-pratico con Francesca di Sarno dal titolo Alla scoperta del mio Bambino Interiore: Cosa si nasconde dietro alla Maschera?” si terrà l’11 febbraio 2018 e sarà centrato sulle modalità per trasformare le ferite emozionali risalenti all’infanzia, rendendole utili per il proprio benessere. Per questo si capirà come riconoscere le ferite emozionali e le relative maschere, armature usate per proteggersi da quelle stesse ferite per prendersi cura del proprio Bambino Interiore.

I Workshop, frequentabili anche singolarmente, condotti con un approccio olistico prevedono l’utilizzo di diversi strumenti di mediazione artistica (teatro, musica, colori, scrittura creativa),

Silvana Lazzarino

 

FRANCESCA DI SARNO

IL CICLO DI 8 WORKSHOP SULLE EMOZIONI E RELAZIONI

Dall’Amore per Te all’Amore per Me – Dall’Amore per Me all’Amore per gli Altri”,

4 ° incontro “Alla scoperta del mio Bambino Interiore: Cosa si nasconde dietro alla Maschera?”

Associazione “Il Valore del femminile”

Via Lorenzo il Magnifico 50- 00162 Roma

orario: dalle 9,30 alle 18.30

domenica 11 febbraio 2018

Per informazioni e prenotazioni Cell: 340/58.88.027

Mail: f.disarno@ilvaloredelfemminile.it

 

I corsi si svolgono una domenica al mese da novembre 2017 a giugno 2018

I seguenti giorni: dalle 9,30 alle 18.30

11 febbraio, 18 marzo, 15 aprile, 6 maggio, 17 giugno del 2018

 

FRANCESCA DI SARNO

Sin da bambina spinta da una vorace curiosità e amore per la conoscenza, dall’esplorazione dell’ignoto celato nella mente e nell’animo umano è sempre stata affascinata dal mondo della Psicologia e della Spiritualità e si è sempre sentita attratta dal mondo dell’Arte, percepita come mezzo di espressione e di autoconoscenza. Negli anni trascorsi alla ricerca di se stessa ha divorato libri di crescita personale e navigato tra maree di laboratori teatrali, lezioni di canto e di ballo che le hanno permesso di sentire e comunicare in modo autentico le sue emozioni a se stessa e al pubblico. Con la sua ricerca spirituale è approdata da adulta al fantastico mondo del Counseling e i suoi interessi l’hanno condotta verso la Bioenergetica, la Psicosomatica, la Meta-Medicina, il Channeling, l’Antroposofia di Rudolf Steiner e la pratica sciamanica-animistica del Mantra Madre diffusa da Selene Calloni Williams. Il lavoro allo sviluppo della consapevolezza e conoscenza di sé l’ha stimolata a dare piena voce a ciò che sentiva interiormente: mettersi a servizio delle persone per contribuire alla loro crescita personale e spirituale. Così da anni lavora con un forte entusiasmo coinvolgente come Counselor Olistico Trainer, Formatrice in corsi teorici-esperienziali ideati da lei, in cui integra tutte le tecniche apprese, Docente di Teatro-Counseling presso la Scuola di Counseling Umanistico del C.I.C.U. (Centro Italiano Counseling Umanistico) e come ThetaHealer. I suoi progetti futuri sono orientati a scrivere libri di crescita personale e spirituale, tenere conferenze, oltre a continuare il lavoro di Counselor Olistico, ThetaHealer e Formatrice

 

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana Lazzarino 

http://www.ildispari24.it/it/freedom-manifesto-per-raccontare-limmigrazione/

http://www.ildispari24.it/it/giornate-europee-del-patrimonio-a-villa-giulia-museo-nazionale-etrusco/

http://www.ildispari24.it/it/daniel-gonzalez-imaginary-country-a-milano/

http://www.ildispari24.it/it/egle-budvytyte-tra-ciglia-e-pensiero-in-mostra-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/festival-remover-roma-con-santiago/

http://www.ildispari24.it/it/festival-del-giornalismo-culturale-v-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/alba-gonzales-e-il-premio-pianeta-azzurro-i-protagonisti-xvi-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/mao-jianhua-una-suggestiva-mostra-al-complesso-del-vittoriano/

http://www.ildispari24.it/it/andrea-trisciuzzi-realizza-il-premio-per-il-primo-memorial-oliviero-beha-assegnato-a-filippo-simeoni/

http://www.ildispari24.it/it/premio-nazionale-musa-dargento-2-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/rassegna-internazionale-arte-e-letteratura-a-cava-de-tirreni/

http://www.ildispari24.it/it/la-magia-del-colore-dei-dipinti-di-patrizia-canola-ad-ischia/

http://www.ildispari24.it/it/musica-nei-musei-a-roma-tra-classica-e-popolare/

http://www.ildispari24.it/it/solidarieta-e-spettacolo-con-il-photofestival-attraverso-le-pieghe-del-tempo/

http://www.ildispari24.it/it/miro-sogno-e-colore-in-mostra-a-bologna-palazzo-albergati/

http://www.ildispari24.it/it/geometrie-urbane-gli-scatti-di-bartesaghi-a-villa-sarsina-anzio/

http://www.ildispari24.it/it/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali-di-pietrasata/

http://www.ildispari24.it/it/mario-fratti-il-volto-della-drammaturgia-italiana-a-new-york/

http://www.ildispari24.it/it/a-san-gimignano-sulla-torre-grossa-alla-riscoperta-del-medioevo/

http://www.ildispari24.it/it/ad-agosto-appuntamento-con-lestate-romana/

http://www.ildispari24.it/it/toulouse-lautrec-racconta-la-belle-epoque-in-mostra-a-verona/

http://www.ildispari24.it/it/wunderkammer-raggi-cosmici-a-tolfarte-cin-eugenia-serafini-e-valerio-bocci/

http://www.ildispari24.it/it/fabio-viale-a-pietrasanta-con-stargate/

http://www.ildispari24.it/it/concerti-tra-classica-pop-e-folclore-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/patrizia-canola-al-tour-il-gusto-dellarte/

http://www.ildispari24.it/it/siena-al-museo-della-scala-in-mostra-le-fotografie-di-cristina-coral/

http://www.ildispari24.it/it/roma-e-la-sua-estate-tra-cultura-scienza-e-spettacolo/

http://www.ildispari24.it/it/siddhartha-in-anteprima-al-teatro-villa-torlonia/

http://www.ildispari24.it/it/daniele-pecci-interpreta-enrico-v-al-globe-theatre/

http://www.ildispari24.it/it/il-valore-del-femminile-e-il-progetto-unicita/

http://www.ildispari24.it/it/10451-2/

http://www.ildispari24.it/it/il-prof-sazesh-presenta-la-mostra-internazionale-di-santa-severina/

http://www.ildispari24.it/it/il-prof-sazesh-presenta-la-mostra-internazionale-di-santa-severina/

http://www.ildispari24.it/it/arianna-carossa-al-museo-villa-croce-di-genova/

 

Altri articoli pubblicati su Emmegiischia da Silvana Lazzarino

http://www.emmegiischia.com/wordpress/ischia-patrizia-canola-al-museo-etnografico-del-mare/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roma-i-musei-si-aprono-alla-musica/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/miro-sogno-e-colore-a-bologna/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/massimiliano-bartesaghi-e-le-sue-prospettive-urbane/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/98293-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/la-belle-epoque-con-toulouse-lautrec-a-verona/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/torre-grossa-a-san-gimignano-un-viaggio-nel-medioevo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/eugenia-serafini-e-valerio-bocci-a-tolfarte/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/stargate-di-fabio-viale-a-pietrasanta/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/lettura-interattiva-con-magic-blue-ray/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/97273-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/morhena_-solo-un-po-di-rabbia-e-gia-un-successo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/artemisia-gentileschi-e-milena-petrarca-a-pozzuoli/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/fulvio-bernardini-al-micro-arti-visive-di-roma/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2017-06-12/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/gioco-damore-di-angela-tiberi-a-pontinia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/menzione-donore-silvana-lazzarino/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sergio Martino tra commedia e thriller alla Casa del Cinema di Roma

SERGIO MARTINO: RASSEGNA DEI SUOI FILM ALLA CASA DEL CINEMA DI ROMA

Dalla commedia al genere erotico, dal poliziesco all’italiana al thriller, passando per il western e poi l’avventuroso, fino al documentario, Sergio Martino tra i registi che meglio hanno esplorato i diversi generi della cinematografia con acutezza e originalità, è protagonista della Rassegna presso la Casa del Cinema di Roma che si apre il 15 gennaio 2018. Ad aprire la Rassegna è la commedia gastronomica con “Spaghetti a mezzanotte” dove protagonisti sono Barbara Bouchet e Lino Banfi, mentre il poliziesco all’italiana Le città tremano con “Milano trema: la polizia vuole giustizia” in cui vi sono riferimenti all’attualità di quegli anni con il caso Calabresi, chiude la prima parte delle proiezioni il 29 gennaio.

Sergio Martino Rassegna di film Casa del Cinema di Roma
Sergio Martino Rassegna di film Casa del Cinema di Roma

Curata dalla Cineteca Nazionale, la rassegna“ Tutti i colori del cinema. I film di Sergio Martino”, promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale. in collaborazione con Rai; Rai Cinema 01 distribution, presenta alcune tra le pellicole più significative che hanno non soltanto contrassegnato la filmografia del regista, ma anche i cambiamenti e le trasformazioni culturali e antropologiche della società italiana degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta.  I film  di Sergio Martino  hanno fatto divertire e sognare per quella narrazione vivace, quella certa ironia stile anglosassone, e quelle simpatiche gag di Lino Banfi, e la sensualità di una Edwige Fenech quasi sempre irraggiungibile. E poi le suggestive atmosfere gotico-decadenti come in “Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave” ambientato in una cittadina veneta dove avvengono misteriosi omicidi, per non dimenticare il pastiche di generi (poliziesco, thriller, commedia) di “Morte sospetta di una minorenne” ambientato a Milano dove si susseguono numerosi crimini tra cui spicca la scomparsa delle minorenni, considerato dallo stesso regista tra i thriller preferiti. Recentemente è stata pubblicata la sua autobiografia “Mille peccati… nessuna virtù?”(Bloodbuster edizioni, 2017) che sarà presentata il 29 gennaio dopo la proiezione del film “Milano trema…la polizia vuole giustizia” durante l’incontro moderato da Steve Della Casa con Sergio Martino.  Del volume del regista Sergio Martino citiamo una sua dichiarazione: “Questa è la storia del lavoro di un “regista trash emerito”, come mi diverte considerarmi ora, cercando di bilanciare gli insulti dei critici all’uscita dei miei film, negli anni Settanta e Ottanta, e gli osanna delle nuove generazioni che hanno potuto apprezzare in dvd i miei film e rivalutarli, il tutto grazie alla stima di Quentin Tarantino, Eli Roth, Jaume Balaguerò e altri autori e critici stranieri, bontà loro”.

 

Silvana Lazzarino

 

PROGRAMMA rassegna dedicata a Sergio Martino

LUNEDÌ 15 GENNAIO  La commedia gastronomica

ore 15.30 “Spaghetti a mezzanotte” di Sergio Martino (1981, 92’)

ore 17.30 ”Cornetti alla crema” di Sergio Martino (1981, 98’)

 LUNEDÌ 22 GENNAIO Più rosso del nero… il thriller all’italiana

ore 15.30 “Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave” di Sergio Martino (1972, 96’)

ore 17.30 “Morte sospetta di una minorenne” di Sergio Martino (1975, 101’)

 LUNEDÌ 29 GENNAIO Le città tremano… il poliziesco all’italiana

ore 16.30 “Milano trema: la polizia vuole giustizia” di Sergio Martino (1973, 103’)

 

Rassegna

“Tutti i colori del cinema. I film di Sergio Martino

(Prima parte)

tutti  i lunedì’ dal 15 al 29 gennaio 2018

Lunedì 29 incontro con il regista romano e presentazione della sua autobiografia.

CASA DEL CINEMA

Largo Marcello Mastroianni, 1 Roma

Informazioni tel. 060608 www.casadelcinema.it www.060608.it Proiezioni con ingresso libero

 

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana Lazzarino

http://www.ildispari24.it/it/freedom-manifesto-per-raccontare-limmigrazione/

http://www.ildispari24.it/it/giornate-europee-del-patrimonio-a-villa-giulia-museo-nazionale-etrusco/

http://www.ildispari24.it/it/daniel-gonzalez-imaginary-country-a-milano/

http://www.ildispari24.it/it/egle-budvytyte-tra-ciglia-e-pensiero-in-mostra-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/festival-remover-roma-con-santiago/

http://www.ildispari24.it/it/festival-del-giornalismo-culturale-v-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/alba-gonzales-e-il-premio-pianeta-azzurro-i-protagonisti-xvi-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/mao-jianhua-una-suggestiva-mostra-al-complesso-del-vittoriano/

http://www.ildispari24.it/it/andrea-trisciuzzi-realizza-il-premio-per-il-primo-memorial-oliviero-beha-assegnato-a-filippo-simeoni/

http://www.ildispari24.it/it/premio-nazionale-musa-dargento-2-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/rassegna-internazionale-arte-e-letteratura-a-cava-de-tirreni/

http://www.ildispari24.it/it/la-magia-del-colore-dei-dipinti-di-patrizia-canola-ad-ischia/

http://www.ildispari24.it/it/musica-nei-musei-a-roma-tra-classica-e-popolare/

http://www.ildispari24.it/it/solidarieta-e-spettacolo-con-il-photofestival-attraverso-le-pieghe-del-tempo/

http://www.ildispari24.it/it/miro-sogno-e-colore-in-mostra-a-bologna-palazzo-albergati/

http://www.ildispari24.it/it/geometrie-urbane-gli-scatti-di-bartesaghi-a-villa-sarsina-anzio/

http://www.ildispari24.it/it/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali-di-pietrasata/

http://www.ildispari24.it/it/mario-fratti-il-volto-della-drammaturgia-italiana-a-new-york/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Daniela Mancini – Scrittrice Dirigente Scolastico

Daniela Mancini – Scrittrice

Daniela Mancini

Daniela Mancini - Scrittrice

Daniela Mancini, scrittrice, laurea in “Filosofia della scienza e logica” è Dirigente Scolastico di istituti superiori.

Chi è Daniela Mancini?

Dopo la laurea in “Filosofia della scienza e logica” si è dedicata all’insegnamento e da venti anni è Dirigente Scolastico di istituti superiori.

Nell’ambito dell’istruzione si occupa di formazione dei docenti sui temi del disagio e, anche per i colleghi dirigenti, sull’innovazione tecnologica.

Ha ideato due sceneggiature su questi argomenti: “La malaskuola” e “Resistenze”.

Appassionata di tradizioni popolari, ha pubblicato, in varie antologie, alcuni racconti sugli antichi mestieri e su altri vari argomenti.

Nel 2016 ha pubblicato”La tua storia nella mia”, il cui testo è stato introdotto dalla lettera di apprezzamento del Prof. Adriano Prosperi, Storico e Docente della Scuola Normale di Pisa.

Ha ricevuto il Patrocinio della Città Metropolitana di Firenze e dei Comuni di Empoli, Cerreto Guidi, Fucecchio, Vinci.

Nel 2017, con la stessa casa editrice dei precedenti volumi, ossia la Ibiskos Ulivieri, è uscito il suo romanzo “Per distrazione”.

Daniela Mancini ha vinto diversi premi letterari tra i quali citiamo il Premio Letterario Internazionale Sissa, il Padus d’oro come scrittrice dell’anno 2017, il Premio Letterario Domenico Rea- Città di Empoli e il Premio Letterario Firenze Capitale D’Europa 2017.

Avremo presto modo di parlare ampiamente di Daniela Mancini e di farvi leggere suoi articoli e stralci di sue opere letterarie.

Bruno Mancini

LA TRATTA DELLE NIGERIANE IN UN LIBRO DI ISOKE AIKPITANYI

LA TRATTA DELLE NIGERIANE IN UN LIBRO DI ISOKE AIKPITANYI

LA TRATTA DELLE NIGERIANE

LA TRATTA DELLE NIGERIANE

L’evento “Incontro con gli autori e artisti” ospita la scrittrice ex vittima della tratta

Sabato 2 dicembre alle ore 17.00.

Ugo De Angelis

Al Museo della Terra Pontina si terrà il terzo evento mensile: “Incontro con gli autori e artisti”, organizzato dalle Associazioni PF presentefuturo e Beethoven.

Porgeranno il proprio benvenuto Manuela Francesconi Direttrice del Museo e Claudio Moscardelli.

Sarà presente con un suo intervento l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Latina Patrizia Ciccarelli.

Daranno il loro contributo all’evento l’Associazione di Promozione Sociale “Gianni Ballerio” e Karubo Società Cooperativa Sociale Integrata Arl di Sezze che si occupa di donne vittima di tratta, mentre Assunta Gneo e Ugo De Angelis introdurranno l’ospite che questo mese di Novembre sarà proprio la scrittrice Isoke Aikpitanyi con il suo libro: “Le ragazze di Benin City. La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d’Italia”.

Isoke è stata insignita di vari riconoscimenti, tra cui il Premio Martin Luther King e il Premio Future.

Isoke è una ex vittima della tratta delle ragazze nigeriane che lotta per salvarle dalla schiavitù sessuale, lei ce l’ha fatta, è riuscita a scappare via da quell’inferno scampando alla morte, si è ribellata ai trafficanti ed oggi è una donna libera ed è sposata con Claudio Magnabosco.
http://www.huffingtonpost.it/2014/03/20/magnabosco-ex-cliente_n_4998105.html

Nel suo libro – “Le ragazze di Benin City. La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d’Italia” scritto a quattro mani con la giornalista di Panorama Laura Maragnani – racconta una realtà che la nostra società fa finta di non vedere ma che purtroppo esiste ed è visibile in tutta la sua tremenda realtà.

Isoke ore è presidente dell’associazione “Vittime della tratta”

che promuove iniziative finalizzate a contrastare lo sfruttamento sessuale riuscendo ad aiutare centinaia di ragazze a liberarsi dalla tratta, denunciare i propri sfruttatori e ricostruirsi una vita.

Ha pubblicato un secondo libro – “500 storie vere. Sulla tratta delle ragazze africane in Italia” in cui hanno un loro significativo contributo: il Dipartimento per le pari opportunità, lo scrittore Roberto Saviano, i musicisti Michael Nyman e David Mc Almont,l’artista americana Martha Rosler.

Oggi insieme a tante ragazze ha costituito un’associazione che ha aperto case di accoglienza in diverse città italiane dove si aiuta chi ancora subisce violenze, soprusi e abusi della criminalità.

La storia di Isoke Aikpitanyi è andato in onda in prima serata nel programma “La tredicesima ora Le scelte che hanno cambiato la vita RAI 3 commentato da Carlo Lucarelli che racconta l’attimo che cambia il destino

http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-8e389c98-3479-4e4e-88b9-c062974f3b3b.html

Alcuni brani del libro verranno interpretati nella performance artistica reading dagli attori Gina Ragazzo e Nicola Pagano, dove riappaiono storie coinvolgenti ma anche molto drammatiche e cruente, per questo gli organizzatori in questa prima parte della presentazione del libro consigliano la partecipazione ad un pubblico adulto.

Comunque questo connubio teatrale e letterario e artistico, spiegano gli organizzatori sicuramente stupirà gli spettatori anche nella seconda parte in una magica atmosfera di musica con il maestro Luka Hoti, la performance canora di Sabrina Fardello e la Piccola Orchestra Flauti della scuola primaria Matteo Domini di Sermoneta .

Oltre all’ingresso libero, alla conclusione dell’evento è previsto un buffet.

Pubblicato da Bruno Mancini, presidente Associazione culturale Da Ischia L’Arte – DILA”  per indicazione di Angela Maria Tiberi presidente della sede operativa DILA di Pontinia.

Caterina Guttadauro – Scrittrice

Caterina Guttadauro – Scrittrice

Caterina Guttadauro

Caterina Guttadauro La Brasca, nuova amica dei progetti culturali ideati da Bruno Mancini

Caterina Guttadauro La Brasca è nata e vissuta per molti anni in Sicilia dove ha completato gli studi classici.

Vive da 40 anni a Bologna. Sposata, è madre di una figlia, medico-psicoterapeuta.

È da sempre amante dello scrivere.

È stata Relatrice alla Fiera dell’Editoria World book International di Cattolica nel 2014.

È stata Presidente di Giuria a ben tre edizioni del Concorso Letterario Nazionale “L’Anfora di Calliope”, nonché Giurata al World Literary Price, Concorso Letterario Mondiale itinerante alla riscoperta delle capitali mondiali.

Nel 2015 ha ricevuto a Parigi il Premio alla Cultura; nel 2017, al Concorso Letterario Internazionale ”VOCI” di Abano Terme, ha ricevuto la medaglia al Merito del Senato della Repubblica Italiana per talento e meriti letterari.

Ha collaborato con la TV Umbra, nella trasmissione “Vita Vera”.

Scrive per Fattitaliani, per Agenparl Umbria, per Scrivonline (giornale online siciliano), per il Magazine La Macina, e per la Rivista parigina “La Voce” che diffonde la cultura italiana all’estero.

Il suo primo libro “La Barriera Invisibile”, pubblicato nel 2010, ha vinto il Premio  Speciale della Giuria al Premio Letterario Internazionale “Città di Cattolica”.

Ha fatto parte del direttivo dell’Associazione Culturale “Lo Specchio di Alice”, dove scriveva sulla Rivista Quaderni ed ha pubblicato un Romanzo Collettivo assieme ad altri scrittori.

Nel 2011 ha dato alle stampe il suo secondo romanzo: “Silenzi d’Amore” che ha vinto il Primo Premio per la Sezione “PIANETA DONNA” nella 2^ Edizione  del Premio Letterario Internazionale “Montefiore”; il Premio Speciale della Giuria nell’Edizione 2012 del Premio Letterario “Histonium”; il Premio assoluto della Critica al Concorso Letterario Internazionale  “Il Golfo dei Poeti”.

Nel 2012, “Silenzi d’Amore” è stato presentato dall’Autrice al Salone Internazionale del Libro di Torino, e a Roma alla Fiera del Libro ”Più Libri Più Liberi”.

Nel 2013 ha pubblicato il suo terzo libro “La Vita appesa ai muri” che ha vinto il Premio della Giuria al Concorso Letterario Internazionale “Città di Pontremoli” ed è tra i primi cinque ed unici vincitori per la Narrativa al Concorso Letterario “La Città del Tricolore”.

Caterina Guttadauro La Brasca, nuova amica dei progetti culturali ideati da Bruno Mancini

Antonella Aloi presenta l’Ascolto, terzo modulo del Progetto Unicità

L’ASCOLTO CON ANTONELLA ALOI: TERZO MODULO NELLL’AMBITO DEL PROGETTO UNICITA’ DI VIRGINIA VANDINI

Considerato nella sua unicità in quanto essere bio-psico-sociale, l’individuo trova la propria realizzazione all’interno di una società in cui avvertire accoglienza, ascolto e integrazione a partire dall’incontro tra energia maschile e femminile. Sono proprio questi valori quali l’ascolto, l’accoglienza e la condivisione a guidare l’uomo verso la cura di se stesso e degli altri, necessarie per vivere in armonia .

L’ascolto con Antonella Aloi nel progetto portatori di unicità

L’ascolto e l’accoglienza oggi più che mai sono fondamentali per vivere in armonia e nel rispetto di se’ e degli altri. In questi ultimi anni sempre più la società sta perdendo di vista l’importanza della comunicazione, quella verbale fatta di scambio diretto tra persone, per seguire standard di vita sempre più frenetici che rischiano di allontanare le persone, spesso indifferenti a quanto accade loro intorno. Verso un’ottica di ascolto di se’ e degli altri, a partire da un percorso di consapevolezza di se’ dove gestire emozioni e punti di criticità, conduce l’insieme delle attività proposte dal VALORE DEL FEMMINILE, associazione senza fini di lucro, di cui è presidente Virginia Vandini, direttore Centro Italiano Counseling Umanistico.

Sociologa, counselor trainer, specializzata in counseling scolastico e consulente in psicogenealogia e costellazioni familiari, VIRGINIA VANDINI insieme ad Antonella Aloi, Elisa Mastrantonio, Anna Filippini, Francesca Di Sarno, Giuseppina Occhiuto e Maria Lavinia Biasi, per citare alcuni nomi dello staff, attraverso corsi, seminari e attività propongono il “cammino del counseling” come percorso di crescita e rinascita in cui ciascuno possa ritrovare se stesso in armonia con l’altro.

PROTATORI DI UNICITA’

Sull’onda della riscoperta di se stessi e delle propria specificità con cui ridisegnare il proprio percorso e credere in se stessi si basa il progetto PORTATORI DI UNICITA’: INDIVIDUA IL TALENTO SVILUPPA LA SOLIDARIETA’ ideato e voluto da Virginia Vandini con il suo staff e realizzato in collaborazione con la Facoltà di Sociologia dell’università “La Sapienza” di Roma.

il progetto intende valorizzare l’unicità di ogni singolo proponendosi quale formula educativa volta a facilitare le persone nell’acquisizione di conoscenze, tecniche e strumenti e nello sviluppo di competenze e abilità per riconoscere la propria originalità e portare così i semi di questa esperienza nella vita di tutti i giorni. Ogni persona è portatrice di un proprio requisito unico da valorizzare, ogni persona ha in se diverse potenzialità da esternare e accrescere. Oltre a valorizzare le proprie qualità e risorse interiori, il percorso aiuta a sviluppare determinate abilità sociali quali empatia, profonda accettazione di sé e degli altri, compassione, gestione dello stress e dei conflitti sia interni sia esterni, e la capacitò di trasformare un problema in un’occasione per dare voce alle proprie risorse.

Virginia Vandini presidente de Il Vlore del Femminile e ideatrice del progetto Portatori di Unicità

Il percorso alla scoperta delle propria unicità è iniziato con ANDREA PIETRANGELI, artista a trecentosessanta gradi e comunicatore di grande spessore che ha presentato il primo modulo dedicato alla LIBERTA cui è seguito il secondo dedicato all’AMORE con DANIEL LUMERA  che ha indirizzato a dei percorsi per riconoscere se stessi e accettarsi quale atto di amore da restituire agli altri.

Il terzo modulo del percorso è con ANTONELLA ALOI il 1 e 2 dicembre 2017 presso la Facoltà di Sociologia e scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza”, che tratterà l’ASCOLTO quale occasione di apertura verso l’altro di cui accogliere il modo di essere e, l’essere unico. Ascolto è percepire se stessi nell’altro, è creare empatia giungendo ad una partecipazione reciproca per cercare di sentire nel profondo ciò che è vivo dentro di sé e nell’altro. Attraverso questo incontro si capirà come sia necessario eclissarsi da fattori esterni che non aiutano ad avvicinarsi al pensiero e alle emozioni dell’altro. Per ascoltare occorre uno stato di cecità che aiuti a vedere con il cuore senza giudizio.

L’ascolto con il progetto Unicità de Il Valore del Femminile

Supervisor counselor laureata in Comunicazione e Psicologia con specializzazione in Gestalt Art Counseling, Antonella Aloi è studiosa di discipline esoteriche e simbolismo, usa i Tarocchi come strumento di ascolto in sessioni individuali e di gruppo. I suoi studi, così come l’attività di counseling e formazione, mirano a indagare l’Oltre e la saggezza interiore presenti in ciascuno di noi. Insieme ad Anna Maria Moruscci executive coach e giornalista, Antonella Aloi è autrice del volume “Tarocchi Marsigliesi per tutti” (Lo Scarabeo, Torino 2016). Il libro fornisce gli strumenti fondamentali per leggere e interpretare i Tarocchi di Marsiglia, uno dei mazzi più famosi e diffusi al mondo e che ha in sé una forza evocativa che travalica il tempo, le mode e i contesti storici.

Al modulo dedicato all’ASCOLTO seguiranno con cadenza mensile altri incontri per proseguire in questa scoperta e riscoperta delle proprie possibilità e verità lasciate nell’ombra.

Matteo Ficara parlerà di RISPETTO a gennaio (nei giorni venerdì 12 e sabato 13), Francesca Di Sarno guiderà verso la scoperta e riscoperta della RESPONSABILITA nel mese di febbraio (venerdì 2 e sabato 3), e a marzo Virginia Vandini parlerà di ACCOGLIENZA (venerdì 2 sabato 3) . I corsi si terranno durante i fine settimana indicati con i seguenti orari: il venerdì dalle 14.00 alle 20.00 e il sabato dalle 9.00 alle 13.00 presso la sede della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università La Sapienza di Roma sita in Via Salaria, 113.

Silvana Lazzarino

ASCOLTO con Antonella Aloi

PORTATORI DI UNICITA’

INDIVIDUA IL TALENTO SVILUPPA LA SOLIDARIETA’

Sede. Università di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione

in Via Salaria, 113.

Orari: Venerdì dalle 14.00 alle 20.00 e Sabato dalle 9.00 alle 14.00

ASCOLTO nei giorni 1 e 2 dicembre con Antonella Aloi

RISPETTO nei giorni 12 e 13 gennaio con Matteo Ficara

RESPONSA

BILITA’ nei giorni 2 e 3 febbraio con Francesca Di Sarno

ACCOGLIENZA nei giorni 2 e 3 marzo con Virginia Vandini

Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.ilvaloredelfemminile.it; telefono 340/5888027

info@ilvaloredelfemminile.it

Alltri articoli  pubblicati su Emmegiischia da Silvana Lazzarino

http://www.emmegiischia.com/wordpress/ischia-patrizia-canola-al-museo-etnografico-del-mare/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roma-i-musei-si-aprono-alla-musica/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/miro-sogno-e-colore-a-bologna/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/massimiliano-bartesaghi-e-le-sue-prospettive-urbane/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/98293-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/la-belle-epoque-con-toulouse-lautrec-a-verona/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/torre-grossa-a-san-gimignano-un-viaggio-nel-medioevo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/eugenia-serafini-e-valerio-bocci-a-tolfarte/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/stargate-di-fabio-viale-a-pietrasanta/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/lettura-interattiva-con-magic-blue-ray/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/97273-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/morhena_-solo-un-po-di-rabbia-e-gia-un-successo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/artemisia-gentileschi-e-milena-petrarca-a-pozzuoli/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/fulvio-bernardini-al-micro-arti-visive-di-roma/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2017-06-12/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/gioco-damore-di-angela-tiberi-a-pontinia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/menzione-donore-silvana-lazzarino/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/uno-lo-street-artist-che-rielabora-lo-stile-pop/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/96784-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/grande-successo-a-latina-per-il-premio-magna-grecia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/walter-guidobaldi-e-il-suo-mondo-fantastico/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/alba-gonzales-in-mostra-a-bomarzo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/arturo-martini-e-fausto-pirandello/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/eugenia-serafini-premio-internazionale-e-mostra/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/96037-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/claudia-wieser-in-mostra-a-genova-museo-villa-croce/http://www.emmegiischia.com/wordpress/silvana-lazzarino-premiata/

 http://www.emmegiischia.com/wordpress/stanze-dartista-il-novecento-a-roma/

 http://www.emmegiischia.com/wordpress/bimba-landmann-e-le-immagini-della-fantasia/

 http://www.emmegiischia.com/wordpress/grande-concerto-del-maestro-franco-micalizzi/

 

http://www.emmegiischia.com/wordpress/luce-trionfo-di-colori-con-milena-petrarca/

 

 

NORMA: CONVEGNO GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

NORMA: MILENA PETRARCA, ANGELA E FLORA RUCCO ESPONGONO IN OCCASIONE del convegno “MAI PIÙ DA SOLA!” Assistenza e tutela delle donne in caso di violenza

Figlia d’arte, nata a Pozzuoli, ma attiva tra Latina e New York dove ha esposto in diverse rassegne e organizzato a New York il Cinquecentenario di Cristoforo Colombo con personali e collettive che le è valso il prestigioso riconoscimento “Artistic Achivement Award Gallery”, Milena Petrarca, oltre ad essere una pittrice di successo conosciuta non solo in Italia, ma soprattutto in America, è scultrice raffinata e poetessa dalla particolare sensibilità che racconta dell’uomo e delle sue emozioni tra passioni e speranze, gioie e

Norma convegno Mai più da sola giornata del 25 novembre e mostra d’arte con Milena Petrarca Angela e Flora Rucco

malinconie. Presenti nei musei italiani e americani e nelle collezioni più prestigiose americane, francesi, inglesi e cinesi, le sue opere racchiudono un qualcosa di magico che proietta verso una realtà sospesa tra sogno e poesia, immaginazione e mistero descritta attraverso figure femminili legate a miti, leggende, ma anche attraverso i paesaggi che ripercorrono luoghi a lei cari come le vedute delle coste campane e laziali.

Le figure femminili di Milena Petrarca raccontano mistero e nostalgia, sgomento e paura, ma anche dolcezza e sensualità della donna nel suo mostrarsi forte e fragile, solare e malinconica Milena Petrarca pe la sua capacità di restituire con grande sensibilità attraverso colori intensi e luminosi la bellezza e l’armonia dell’universo femminile palpitante di emozioni espresse in sguardi, gesti che svelano nostalgia, coraggio, passione e mistero, è stata invitata dal Comune di Norma (Latina) ad esporre le sue opere insieme ad Angela e Flora Rucco in occasione del convegno “Mai più DA sola!” -Assistenza e tutela delle donne in caso di violenza che si svolgerà il 25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Norma convegno e mostra di Milena Petrarca Angela e Flora Rucco. Milena e il suo dipinto Fanciulla violata

Il convegno, promosso dal Comune di Norma, dall’Assessorato alle Pari Opportunità e organizzato dalla Consulta delle donne di Norma, che avrà luogo presso l’Aula consiliare a partire dalle 17.00 propone un ricco e interessante programma che sarà introdotto dalla Sig.ra Luciana Lidano, Presidente Consulta delle donne di Norma. Dopo i saluti istituzionali del Sig. Gianfranco Tessitori Sindaco di Norma, e della Dott.ssa Elisa Ricci Vice Sindaco di Norma, seguiranno gli interventi del Dott. Mario Mellacina Primario Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera “Santa Maria Goretti” di Latina; della Dirigenza Superiore Polizia di Stato della Questura di Latina; Comando Provinciale dei Carabinieri di Aprilia; dell’Avv. Maria Antonietta Cestra Socia fondatrice della sezione FIDAPA Latina– Sermoneta; della Dott.ssa Carmela Cassetta Delegata ANCI Lazio, “Valigia Salvamamme”; e della Dott.ssa Irene Zara Psicologa-Psicoterapeuta, Responsabile Servizi Cooperativa “Utopia 2000. A moderare gli interventi sarà la Dott.ssa Teresa Faticoni, giornalista.

Nel corso dell’evento si potrà assistere a momenti musicali a cura del Centro musicale Orfeo e ammirare la suggestiva esposizione dei dipinti di MILENA PETRARCA, Angela e Flora Rucco.

Pur trattando diversi tematiche Milena Petrarca si sofferma con particolare attenzione sul tema della donna restituendo immagini sinuose e vibranti di luce che catturano attraverso sguardi e gesti proiettando il pensiero verso desideri lontani eppure possibili che parlano d’amore per la natura per l’uomo e l’intero

Norma convegno Mai più da sola
dipinto di Milena Petrarca Farfalla ferita

l’universo. Figure dai corpi aggraziati e sinuosi in cui si avverte armonia ed eleganza, candore e sensualità a raccontare storie di miti e leggende, di amori delusi e ritrovati, ma anche di amori perduti e di violenze come in “Fanciulla violata” e “Fanciulla dal fiore in bocca cancro di una vita strappata” dipinti dal forte impatto visivo ed emotivo che racchiudono tutto il dolore che le donne portano con sé dopo aver subito violenza: dolore impresso negli sguardi, nel corpo in cui si legge paura e smarrimento, ma anche voglia di ritornare a vivere.

Le donne di Milena Petrarca appartenenti al mondo sacro e profano, dalla carnagione luminosa sembrano l’incarnazione dei Miti antichi che proiettano in un mondo da sogno, quasi magico dove tutto può accadere. Donne in armonia con la natura e quanto le circonda come nelle figure legate alla Primavera in cui tutto rinasce a nuova vita. Quando dipinge Milena Petrarca è catturata da profonde emozioni, a riguardo afferma: “…..è tutto naturale ed inconscio …quando dipingo sono presa da profonde emozioni che cerco di afferrare e fissare nella materia cromatica con la velocità e la brillantezza di un raggio di sole ,tanto difficile a prendere… Il momento creativo è come un miracolo dove sensazioni bellissime ti rapiscono e le senti anelare in tutto il tuo spirito LA VITA, incomincia a palpitare e ti lasci prendere come in un sogno irreale dal turbinio di

Norma dipinto di Milena Petrarca Farfalla di fuoco

zampilli sfavillanti di colori che finalmente si chetano e si immortalano nell’opera attraverso il travaglio fisico e mentale del tuo processo creativo” . Nelle sue opere si avverte un nuovo modo di sentire il rapporto tra forma e colore: come lei stessa sottolinea si tratta di “un rapporto inedito tra forme e colori che permette d’inserire i personaggi nella composizione con una dinamica del tutto nuova ed originale:”

La donna nei dipinti di Milena Petrarca è portatrice di amore nel senso più ampio del termine: un amore che deve essere visto quale sentimento che unisce e consola, infonde forza e speranza per vincere odio e guerre, indifferenza e violenza, ipocrisia ed egoismi, E’ l’amore universale che consola e aiuta a superare il dolore, abbatte le distanze e supera le diversità ad incontrare l’altro.

Milena Petrarca, presente tra i più importanti artisti della corrente americana il “Realismo Magico” , in queste rappresentazioni di figure femminili racconta l’entusiasmo innanzi ai sogni in cui credere, ma anche nostalgia e tenerezza e quella paura per un senso di solitudine.

. Molti i premi ricevuti e le mostre realizzate tra l’Italia e New York. Vanno citate in particolare: la personale di pittura del 2009 alla Iadite Galleries a 413 Wall Street, la collettiva del 1992 (a New York) per il Cinquecentenario di Cristoforo Colombo presso la Galleria Paint and Brush a Manhattan e la personale di pittura del 1991al museo Meucci Garibaldi di New York. Da sottolineare tra i diversi successi con personali e collettive svolte durante l’anno in corso quello della mostra “Pittura Donna”. Mostra dedicata ad Artemisia Gentileschi presso il Bistrò Galleria—Apotecha — Art Port Solfatara di POZZUOLI chiusa lo scorso 30 settembre.

Tra le più note promotrici della cultura del Mezzogiorno in tutto il mondo, Milena Petrarca è ideatrice del famoso Premio Internazionale Magna Grecia Latina-New York, che si tiene a Latina e premia personalità del mondo della cultura e dell’arte italiana e straniera.

Silvana Lazzarino

 

 

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

CONVEGNO “MAI PIÙ DA SOLA!” -ASSISTENZA E TUTELA DELLE DONNE IN CASO DI VIOLENZA

Aula Consiliare del Comune di NORMA (Latina)

Sabato 25 novembre 2017 ore 17.00

ingresso libero

Altri articoli pubblicati su Emmegiischia da Silvana Lazzarino

http://www.emmegiischia.com/wordpress/ischia-patrizia-canola-al-museo-etnografico-del-mare/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roma-i-musei-si-aprono-alla-musica/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/miro-sogno-e-colore-a-bologna/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/massimiliano-bartesaghi-e-le-sue-prospettive-urbane/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/98293-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/la-belle-epoque-con-toulouse-lautrec-a-verona/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/torre-grossa-a-san-gimignano-un-viaggio-nel-medioevo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/eugenia-serafini-e-valerio-bocci-a-tolfarte/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/stargate-di-fabio-viale-a-pietrasanta/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/lettura-interattiva-con-magic-blue-ray/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/97273-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/morhena_-solo-un-po-di-rabbia-e-gia-un-successo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/artemisia-gentileschi-e-milena-petrarca-a-pozzuoli/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/fulvio-bernardini-al-micro-arti-visive-di-roma/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2017-06-12/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/gioco-damore-di-angela-tiberi-a-pontinia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/menzione-donore-silvana-lazzarino/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/uno-lo-street-artist-che-rielabora-lo-stile-pop/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/96784-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/grande-successo-a-latina-per-il-premio-magna-grecia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/walter-guidobaldi-e-il-suo-mondo-fantastico/

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana Lazzarino

http://www.ildispari24.it/it/freedom-manifesto-per-raccontare-limmigrazione/

http://www.ildispari24.it/it/giornate-europee-del-patrimonio-a-villa-giulia-museo-nazionale-etrusco/

http://www.ildispari24.it/it/daniel-gonzalez-imaginary-country-a-milano/

http://www.ildispari24.it/it/egle-budvytyte-tra-ciglia-e-pensiero-in-mostra-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/festival-remover-roma-con-santiago/

http://www.ildispari24.it/it/festival-del-giornalismo-culturale-v-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/alba-gonzales-e-il-premio-pianeta-azzurro-i-protagonisti-xvi-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/mao-jianhua-una-suggestiva-mostra-al-complesso-del-vittoriano/

http://www.ildispari24.it/it/andrea-trisciuzzi-realizza-il-premio-per-il-primo-memorial-oliviero-beha-assegnato-a-filippo-simeoni/

http://www.ildispari24.it/it/premio-nazionale-musa-dargento-2-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/rassegna-internazionale-arte-e-letteratura-a-cava-de-tirreni/

http://www.ildispari24.it/it/la-magia-del-colore-dei-dipinti-di-patrizia-canola-ad-ischia/

http://www.ildispari24.it/it/musica-nei-musei-a-roma-tra-classica-e-popolare/

http://www.ildispari24.it/it/solidarieta-e-spettacolo-con-il-photofestival-attraverso-le-pieghe-del-tempo/

http://www.ildispari24.it/it/miro-sogno-e-colore-in-mostra-a-bologna-palazzo-albergati/

http://www.ildispari24.it/it/geometrie-urbane-gli-scatti-di-bartesaghi-a-villa-sarsina-anzio/

http://www.ildispari24.it/it/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali-di-pietrasata/

 

 

Il Dispari 2017-11-20 Redazione culturale

Il Dispari 2017-11-20 Redazione culturale

Il Dispari 2017-11-20

Il Dispari 2017-11-20 Redazione culturale

Editoriale

BOOKCITY – MUDEC
Associazione culturale Da Ischia L’Arte – DILA

Il 18 Novembre 2017 nell’ambito del palinsesto del Bookcity Milano #BCM17, l’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”, durante l’evento che ha proposto nel Museo Delle Culture di Milano –MUDEC, ha comunicato i vincitori delle quattro sezioni in cui è stata articolata la sesta edizione del premio internazionale “Otto milioni” 2017.
Franco Maccioni ha vinto il premio “Poesia”.
Milena Petrarca ha vinto il premio “Arti grafiche”.
Liga Sarah Lapinska ha vinto il premio “Recensione”
Alvils Cedriņš ha vinto il premio “Inno musicale”.

Tra gli altri, hanno partecipato all’incontro culturale Paola Occhi (cantante), Maria Luisa Neri scrittrice), Stefano Degli Abbati (scrittore), Dalila Boukhalfa (scrittrice algerina), Milena Petrarca (pittrice), Patrizia Canola (pittrice), Lorenzo Milani (fotografo), Domenico Umbro (musicista), Alberto Ghirardini (Socio Fondatore DILA), Angela Maria Tiberi (scrittrice), Assunta Gneo (scrittrice), Abdeldjalil Amri (scrittore algerino), Ugo De Angelis (scrittore), Maria Teresa Tedde (scrittrice)

Ve ne diamo un’anteprima con le foto di Lorenzo Milani, rimandando alla prossima settimana la cronaca dettagliata dell’evento.

Bruno Mancini

 

Domenico Umbro – Il Dispari 2017-11-20

Foto di gruppo – Il Dispari 2017-11-20

Angela Maria Tiberi – Il Dispari 2017-11-20

Bruno Mancini e A – Il Dispari 2017-11-20

Stefano Degli Abbati, Milena Petrarca, Dalila Boukhalfa – Il Dispari 2017-11-20

Dalila Boukhalfa – Il Dispari 2017-11-20

Maria Luisa Neri – Il Dispari 2017-11-20

Milena Petrarca – Dispari 2017-11-20

Paola Occhi – Il Dispari 2017-11-20

Patrizia Canola – Il Dispari 2017-11-20

Foto di gruppo – Il Dispari 2017-11-20

Milena Petrarca, Dalila Boukhalfa, Bruno Mancini, Maria Luisa Neri, Paola Occhi – Il Dispari 2017-11-20

Stefano Degli Abbati, Milena Petrarca, Dalila Boukhalfa, Bruno Mancini, Maria Luisa Neri, Paola Occhi – Il Dispari 2017-11-20

Maria Luisa Neri – Il Dispari 2017-11-20

 

Il Dispari 2017-11-13

Il Dispari 2017-11-13 – Redazione culturale

Editoriale | Bruno Mancini

Sesta edizione del premio internazionale di poesia “Otto milioni

POESIE PREMIATE DAL NOSTRO GIORNALE

Una speciale Giuria nominata da Gaetano Di Meglio, Direttore di questa testata Il Dispari, ha scelto cinque poesie tra quelle risultate finaliste del premio made in Ischia Otto milioni”, ideato da Bruno Mancini ed organizzato dall’Associazione culturale Da Ischia l’Arte – DILA”.
Le poesie tutte classificate ex aequo al primo posto ricevono come premio la presente pubblicazione nella pagina culturale del giornale.

Con i complimenti del Direttore Gaetano Di Meglio e di tutta la redazione di “Il Dispari”, auguriamo grandi successi artistici e culturali ai cinque vincitori.

Cod. 08

Antonio Fiore
A mia madre

Non si potrà sottrarre
una sola briciola di tempo
per prorogare di quanto le stelle
hanno già scritto
nella nitida luce che arde,
ma che puntualmente si spegnerà,
a prescindere dal vento,
quando la notte scenderà
per addormentare le membra.

Colmo di speranza
l’anima si dilungherà
verso l’infinito sogno,
e su questa terra
che gela la polvere dei tuoi sandali,
nel freddo silenzio
mi ritrovo a respirare i mille ricordi
da riesumare per chi ha tanto amato
e resterà ad amarti.

Cod. 24

Antonio Mencarini
Per un amico scomparso

Un lampo di luce nel tempo
un nobile cuore guidato dal sentimento
l’ansia di fare il bene
di dare il bene
di ricevere il bene.
Un battito d’ali di gabbiano
sul mare della vita.
è durata un nulla la tua esistenza
ma sei riuscito a renderla degna di vivere.
Sei partito per non so dove:
una domanda mi attanaglia – Ti rivedrò?
Non so, non credo ma nei dubbi spero.
Addio amico mio
finché vivrò ti avrò nel cuore.

Cod. 13

Elīna Zālīte
Dedicata al musicista di strada

Nel sotterraneo di Riga: il blues.
Un sassafono ci versa suoni sopra i piedi.
I passanti non ascoltano. I passanti corrono
in fretta, al lavoro, al teatro, a casa.

Il blues culla il sotterraneo di Riga.
Nel tunnel gioca un eremita, silenziosamente.
C’è un posto dove i sogni e le speranze spingono.
C’è un posto dove l’anima viene spezzata a metà.

Nel sotterraneo di Riga risuona di nuovo il blues.
Monete cadano come schiaffi sulla guancia.
Riga ha i suoi talenti.
Poveri.
Nudi.

Cod. 20

Francesca Luzzio
Prego Maria

In chiesa suona malinconico il violino,
ed io muoio:
ogni nota è prova funerea,
è un passo verso la fine.

Socchiusi gli occhi, prego Maria.

Un raggio filtra e s’intravede la via:
verde intenso di colle si staglia
nell’azzurro del cielo
e crea contrasto armonico
di vitalità.

M’inerpico festosa
e tendo una mano:
nutro corpi che hanno fame,
ricamo stoffe bianche e nere…

Rinnovato sentimento di vita
prova propulsioni di utilità.

Cod. 19

Giuseppe Capoluongo
Dentro l’angolo

Come spiegare quell’angolo nuovo
dove misuro le vecchie parole
gli umori e le tante ragioni
mentre da solo rivango le zolle
indurite nel secco del tempo
e sogno la pioggia che lavi
quel profilo di vita vissuta
e nasca un’immagine nuova
da curare per riempire il mio vuoto
che ha sete ed ha fame
e raccoglie ora briciole
e pur s’accontenta
perché dentro all’angolo nuovo
matura un pensiero diverso
nel rimpianto di un pasto succulento
che non è dato avere per sempre
perché c’è gente che muore di fame
e soffre di non potere mangiare
alla mensa che offre la vita
e misura soltanto il suo bene
dentro l’angolo delle sue gelosie.

Programma Bookcity “Otto milioni” made in Ischia

Come già abbiamo ampiamente riferito su questa pagina, il prossimo 18 Novembre il made in Ischia proposto dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA potrà esprimere le proprie proposte artistiche nel prestigioso Museo Delle Culture MUDEC di Milano nell’ambito del palinsesto di Bookcity #BCM17.
Oggi completiamo l’informazione proponendovi per sommi capi il programma che presenteremo.

• Antonio MencariniMaria Luisa Neri: saluti al pubblico e presentazioni presentatori
Bruno Mancini: presenta L’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” e i premi “Otto milioni
Antonio Mencarini – Maria Luisa Neri: comunicano i vincitori dei 4 premi “Otto milioni” e leggono la poesia vincitrice
Paola Occhi: propone il programma di iniziative sociali e culturali proposto dalla sede DILA di Mirandola
Antonio Mencarini – Maria Luisa Neri: presentano la poetessa Roberta Panizza e leggono sue poesie
• Maria Luisa Neri – Patrizia Canola: Maria Luisa Neri intervista la pittrice Patrizia Canola
Domenico Umbro: propone un programma musicale per clarinetto
Maria Luisa Neri: propone il programma dell’Associazione musicale “Arte del suonare” gemellata con DILA
• Antonio Mencarini – Maria Luisa Neri: presentano il poeta Antonio Mencarini e leggono sue poesie
Milena Petrarca: propone la sua arte pittorica attraverso un video
Stefano Degli Abbati : spiega le caratteristiche dell’editore Il Sextante e quelle della rivista Eudonna in partenariato con DILA e presenta un volume della sua produzione letteraria
Angela Maria Tiberi – illustra i suoi programmi culturali e di iniziative sociali proposti dalla sede DILA di Sermoneta
Antonio Mencarini – Maria Luisa Neri: presentano lo scrittore Bruno Mancini e leggono alcune sue poesie
Dalila Bouhalfa: presenta il progetto dell’apertura della sede DILABLIDA in Algeria
Antonio Mencarini – Maria Luisa Neri: ringraziamenti e saluti finali


Twitterone

1) Il cantautore siciliano Enzo Salvia,

Socio Sostenitore di DILA, opinionista di questa pagina del quotidiano Il Dispari diretto da Gaetano Di Meglio, autore, con i testi di Bruno Mancini, delle canzoni “CoquilleNelle bugie dei sogni” “Ischia Torrenova” dedicate a Ischia e già vincitrici dei premi “Otto milioni”, approda oltre oceano con una sua dolcissima melodia, il cui testo è stato scritto in collaborazione con il poeta Antonio Fiore anche lui importante collaboratore dei progetti made in Ischia organizzati dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”.

Il brano che si intitola  “Io e te” è stato trasmesso dalla radio WCKG di Chicago, domenica 12 Novembre alle ore 16.00, in video streaming, durante la trasmissione “Domenica Insieme” , brillantemente condotta da Patrick Capriati e John Conenna.

La canzone rappresenta, come tutti i brani d Enzo Salvia, un momento musicale nuovo e diverso proposto attraverso un’esortazione a recuperare i grandi valori umani e sociali ormai sfortunatamente persi in gran parte.
Un grosso in bocca al lupo ai due grandi amici di Ischia e di DILA Enzo Salvia e Antonio Fiore.

2) Monica Santoro,

Direttrice della Biblioteca Dante Alighieri di Buenos Aires (Argentina) ha gradito in omaggio i libri che le sono stati inviati da Angela Maria Tiberi, Presidente della sede operativa DILA di Sermoneta e, prima di catalogare la nostra antologia “Otto milioni 2016” tra i volumi della biblioteca, ha mostrato il suo gradimento facendosi fotografare con i libri ricevuti.

Il Dispari 2017-11-06


Editoriale

Intanto che proseguono a ritmo intenso i preparativi per l’evento Made in Ischia “Otto milioni” di prossima programmazione nel calendario Bookcity #BCM17 (18 Novembre ore 10.30 – 13.30 Museo Delle Culture MUDEC Milano), anche le attività dei Soci dell’Associazione “Da Ischia L’Arte – DILA” non smettono di produrre nuovi contatti utili a valorizzare i progetti, le antologie e le nostre pubblicazioni su questa pagina culturale.

Infatti, grazie all’intraprendenza della Presidente della sede operativa DILA di Pontinia, Angela Maria Tiberi, abbiamo avuto il piacere e l’onore di vedere importanti rappresentati delle istituzioni culturali italiane, argentine e brasiliane fotografati con le nostre antologie che sono entrare a far parte dei patrimoni librari disponibili presso la Biblioteca Dante Alighieri di Buenos Aires, l’Archivio di Stato di Latina e il Comune di Cotiporã in Brasile.

Così come voluto dal Direttore di questo giornale, Gaetano Di Meglio, questa pagina si apre continuando la pubblicazione di tutti i testi pubblicati nell’antologia “Penne Note e Matite” edita da Il Sextante di Mariapia Ciaghi.

Oggi tocca a Roberta Panizza con le quattro poesie “Pensiero”, “No Mai!”, “Sedimenti”, “Cercando la rosa”, e con la presentazione dell’algerina Dalila Boukalfa.
Buona lettura!

Bruno Mancini

Angela Scarton Taffarel – Ivaldo Weirich Vice sindaco di Cotiporã Brasile – Adão Wons

Monica Santoro Biblioteca Dante Alighieri di Buenos Aires ARGENTINA

Natale Ceci e Angela Maria Tiberi Archivio di Stato di Latina


Roberta Panizza

I versi che ho scelto di inserire in questa antologia sono nati quasi tutti insieme al mio amore per la poesia. Alcuni persino prima.

A partire dal 2001, in un periodo non felice della mia vita, per distrarre il dolore interiore che pareva non volermi dare tregua, ho navigato spesso in un sito di poesia ora non più attivo (www.scrivi.com) e, dopo aver estratto e risistemato alcuni scritti in versi che tenevo nel cassetto, stralci di frasi appuntati su fogliacci fin dai tempi del liceo, e averli pubblicati su tale sito ottenendo l’apprezzamento di altri utenti, ho cominciato a scrivere qualcosa di nuovo oltre che a leggere quanto da altri era pubblicato o sullo stesso sito.

Poiché in quello spazio virtuale era possibile anche inserire commenti a quanto letto, è cominciato un proficuo scambio di idee ed impressioni che mi ha portata, oltre che a stringere sinceri legami di amicizia con altri appassionati di poesia, ad affinare la mie idee su questo argomento e a mettere insieme un certo numero di scritti che poi ho proposto ad una casa editrice di Roma.

Ne è scaturita una raccolta che è stata pubblicata nel 2003 con il titolo di “Le mille porte” che conteneva tutti i testi che potrete leggere qui di seguito, eccetto “Dolce esilio” del 2009.

Un autore ben difficilmente si esprime in modo uniforme nel corso del tempo, perché egli stesso non si mantiene uguale con il passare degli anni: aumentano il carico di esperienze e di letture, cambia il panorama delle sue emozioni e tanto altro ancora contribuisce al cambiamento dello stile e dei contenuti.

Guardo quindi ora con interesse a questi miei vecchi scritti che oltre a farmi provare sensazioni di rimpianto per un periodo ricco di stimoli e di scambi culturali con quelli che si sono rivelati veri e propri poeti, mostrano anche a me una giovane penna nella quale comunque ancora mi riconosco.

Pensiero

Atomico io
s’espande
oleosa goccia
nel profondo
immenso
liquido nero.

Spudorato gioco.

Intuizione
fugace riverbero bianco
oscurando annichilisce
breve attimo
la ragione.

Euforica delusione.

Oltre la meta
ancora infinito.

 

No mai!

Achille sorride
ripensando alla gara
ed io, prigioniera
del mio intorno aperto,
vedo te il capo scuotere
oltre.

Potrò certo accarezzarti
quando termineranno
le ore, ma caparbia
i miei passi si
allungano sopra il tuo
nero.

 

Sedimenti

… e non si fanno roccia
palpiti
caduti e stanchi
deserti bianchi
dove crescendo
vibra
rumore di passato
che non riposa.

Scuce talvolta
qualche pensiero
e finalmente dormo
la mente doma.

 

Cercando la rosa

Tracciano scomposti
sentieri pensieri
di sabbia.

Il vento accarezza
oasi di pietra
sotto amori stellati.

È così grande la notte.

E intanto lontane
conducono fiori
al riparo
lente carovane.

Roberta Panizza

 

Sezione affidata a DILABLIDA, Sede operativa in ALGERIA

per conto dell’Associazione Da Ischia L’Arte – DILA
Presidente DILABLIDA
Dalila Boukhalfa

Dalila Boukhalfa

Per gli amici Caroline Dali, è nata a Oran in Algeria il 26 Dicembre 1968 e vive a Blida.
Insegnante di francese presso la scuola media e il centro di lingue stranieri dell’università di Soumaa.
Da sempre appassionata di lingue, di libri e di poesia, ha saputo trasmettere con notevole successo questi interessi ai suoi studenti.

Ha partecipato a diverse manifestazione di carattere culturale in Algeria.
Scrive a titolo personale: storie per ragazzi e poesie.

Per molto tempo il suo sogno è stato quello di organizzare e partecipare ad eventi artistici e culturali in Italia e in Algeria, facendo affidamento sulla cooperazione, sincera e continua, con l’Associazione culturale DILA, in modo tale da creare e riaffermare rapporti, tra artisti italiani e algerini, che abbiano in lei e nella sua volitiva presenza un collante forte e determinante.

Così, nel Luglio 2017, l’Associazione culturale Da Ischia L’Arte – DILA, riconosciuta l’ampia positiva divulgazione dei propri progetti ottenuta grazie alle attività professionali e sociali realizzate dalla Professoressa Dalila Boukhalfa, ha deliberato di nominarla Presidente della sua Sede operativa DILABLIDA ubicata in Algeria nella città di Blida.

Dalila Bouhkalfa

Arte, immagine e musica in ambito educativo

Ripercorrendo la storia del pensiero educativo ci accorgiamo che molti pedagogisti: Montessori, Malaguzzi, Munari, Bruner… hanno dimostrato che il bambino sin dai primi anni di vita pur non avendo conoscenza del passato, perché nasce senza storia, è capace di mettere in atto attraverso l’arte (intesa come esperienza diretta con le cose, le persone) ciò che il linguaggio ancora non gli permette di pronunciare, inoltre, essendo l’arte qualità creativa, attivando il processo di crescita, rafforza nel bambino l’apprendimento.

Dal punto di vista cognitivo l’arte consente al bambino il controllo e le soluzioni dei piccoli problemi che incontra. Da quello sociale è invogliato a socializzare, comunicare, manipolare.

L’arte è creatività, immagine, musica, bellezza e trova il suo sviluppo nel disegno, nel libro non solo come portatore d’immagini, illustrazioni di favole, ma anche, come lettura.

Leggere vuol dire apprendere, arricchire il proprio mondo culturale, sociale, artistico, musicale.

La lettura attraverso le immagini, lo ascolto, il gioco, consegna ai bambini il passato invogliandoli a spaziare con la mente, a fantasticare, a creare nuovi libri.

I libri perché ricchi d’immagine facilitano l’apprendimento, stimolano la fantasia e suscitano nozioni.

L’immagine, in quanto simbolo, aiuta a comprendere altre culture, a condividere usi, costumi e tradizioni di altri popoli, a integrare persone che abbandonano le loro terre e famiglie per guerra, fame, ricerca di lavoro.

Anche la musica è arte, e come l’immagine dà al bambino la possibilità di esternare i propri sentimenti e le emozioni attraverso le melodie, le liriche, il canto.

La musica ha linguaggio mondiale, quindi è condivisa, esaltata, amata dagli esseri umani.

Oggi molti bambini incoraggiati dai propri genitori intraprendono la scuola di musica e la usano per comunicare emozioni, segreti, per aprire al mondo il loro cuore.

In ambito pedagogico l’arte si arricchisce di esperienze educative: contatto con la natura, uso di strumenti e materiali, tecniche e uso dei laboratori di scultura, pittura, teatro, di lettura capace di stimolare in loro la voglia di vivere la scuola come luogo di benessere insieme ai compagni.

In questo periodo i loro affetti si allargano, essi non hanno bisogno soltanto di affetti familiari, ma anche sociali da vivere e condividere con i pari e gli adulti in un ambiente creato per loro: la scuola.
In questo luogo i bambini si confrontano, si accettano e ricevono gli altri senza discriminazioni perché sono coinvolti in un lavoro di collaborazione.

Ritornando all’arte e ai suoi mezzi in uso nella scuola possiamo affermare che anche la lettura è arte perché introduce i bambini in un mondo nuovo, ricco di fantasia, immaginazione e cultura.

I bambini amano la lettura di racconti, favole, storie e con molta fantasia s’introducono in essi e una volta assorbita la lettura, modificano le storie entrando e uscendo a loro piacimento e condividendole.

Terminando, possiamo affermare che l’arte per i piccoli rappresenta l’esternazione del loro mondo interiore: fantastico, immaginario, morale, fisico cognitivo e affettivo, valori morali che l’umanità non può escludere dal vivere quotidiano.

Tina Bruno

Il Dispari 2017-10-30

Editoriale

Cresce di giorno in giorno l’interesse per l’eventoOtto milioni organizzato dall’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” e ammesso nel palinsesto Bookcity Milano 2017 #BCM17 (MUDEC Museo Delle Culture sabato 18 Novembre ore 10.30 – 13.30).


Hanno confermata la loro partecipazione Artisti, Editori e Sponsor provenienti praticamente da ogni regione d’Italia e finanche dall’Algeria. Infatti, hanno annunciata la loro presenza Dalila Boukhalfa ed altri Artisti dall’Algeria; Milena Petrarca, Angela Maria Tiberi, Maria Luisa Neri, Manuela Ranaldi, Assunta Gneo dal Lazio; Francesca Luzzio dalla Sicilia; l’Editore Il Sextante dal Trentino; Silvana Arbia dal Veneto; Antonio Mencarini, Patrizia Canola, Lorenzo Milani dalla Lombardia; Paola Occhi e una rappresentanza della Nazionale Cantanti Lirici dall’Emilia Romagna; Maria Teresa Tedde dalla Sardegna; Domenico Umbro e un suo gruppo di Artisti dalla Calabria, Il Dispari di Gaetano Di Meglio dalla Campania e poi Jessica Boni, Giulia Parisella, Denise Parisella, Pasqualino De Simone, Valerio Raponi, Alessandro Petrarca, Enzo Pellegrini, Simona e Doris e Greta e Viola e Chiara Umbro ecc.

Sapete già che l’incontro culturale abbraccerà varie forme d’arte,

dalla musica alla pittura e dalla letteratura alla poesia, proponendo testi ed opere finaliste dei premi “Otto milioni” che sono stati pubblicati nell’antologia Penne Note Matite”, così come sapete che in questa rubrica daremo spazio a tutte le pagine pubblicate nel volume

un mix di poesia, prosa, arti visive, recensioni, biografie, incontri musicali, questo e tanto altro ancora vi verrà svelato dalla lettura dell’antologia “Penne Note Matite” (ad Ischia in vendita presso l’edicola della Piazzetta San Girolamo) della quale abbiamo già pubblicato, nello scorso mese di Settembre, l’introduzione scritta da Mariapia Ciaghi patron della casa editrice Il Sextante, nelle scorse settimane la pagina n.3 nella quale è stata proposta la dedica scritta da Liga Sarah Lapinska a Vilis Vizulis, poi le poesie di Angela Maria Tiberi Amicizia, di Giovanni Arbonelli Spacciatore, di Franco Maccioni Nello spiraglio di luce e di Antonio Fiore A mia madre, più la pagina n.22 con la presentazione di Liga Sarah Lapinska.

Oggi proseguiamo con:

«Cod. 09 – Angela Maria Tiberi
Cancellarmi

Cancellarmi dal tuo cuore vorresti,
ma in fondo alla tua anima
ci sono i ricordi di quei meravigliosi
momenti vissuti insieme
nel rito di quell’amore immenso che ci ha unito
fino all’estremità del cielo.
I sussurri sono dentro di noi
come lo scroscio di una cascata fresca
che accarezza ancora la nostra pelle di ricordi
indimenticabili siamo noi uniti nelle nostre anime,
anche se il silenzio ci vuole chiudere nell’oblio.
C’è una luce in noi… esiste il nostro amore
che tu vorresti cancellare come avrei voluto io.
No, non si può il nostro calore lo conosce anche il cielo.
Tu rimani in me come io in te,
e tu lo sai anche se smetti di sentirmi,
ormai vivi in me come io in te.

Silvana Arbia

Magistrato – Presidente della Fondazione internazionale Silvana Arbia.

Già alla Corte d’Appello a Milano, poi ad Arusha (Tanzania) col Tribunale penale internazionale per i crimini commessi in Ruanda (nove anni come chief of prosecutions nella Procura generale), adesso alla Corte penale internazionale dell’Aja con un mandato di cinque anni, eletta a capo della Registry, uno dei quattro organi in cui si articola la Corte penale internazionale.

Silvana ARBIA partecipò, come membro della delegazione italiana, alla conferenza tenutasi nel 1998 a Roma, in cui venne scritto lo statuto di quella che poi sarà la Corte Penale Internazionale.

Il 28 Febbraio 2008 viene eletta Registar (cancelliere) presso il Registry, il principale organo amministrativo della Corte Penale Internazionale.

Il suo compito è fornire supporto amministrativo ed extra-giudiziario nel perseguimento delle strategie della Corte.

La protezione e l’assistenza delle vittime e dei testimoni, la cooperazione giudiziaria, l’amministrazione del centro di detenzione, e della difesa, l’organizzazione e la gestione dei field offices, la gestione finanziaria e la sicurezza della Corte sono funzioni chiavi del Registry.

In questo ruolo è coinvolta nei casi attualmente trattati dalla corte: fra questi, il procedimento contro il presidente sudanese Omar Hasan Ahmad al-Bashir e le indagini sulle violenze occorse nel 2008 in Kenya, quelle in Libia, in Costa d’Avorio.

RICONOSCIMENTI

• Premio “Nicola Sole” 2010
• “Paul Harris” (da Rotary Catania)
• Premio “Carlo Levi” 2012
• Premio “Donne Zonta” 2012
• “Paul Harris” (da Rotary Basilicata) 2012
• “Peace Prize” da Soroptimist International of Europe 2013
• Il 29 Agosto 2015, l’Amministrazione Comunale di Pomarico le conferisce il Premio Lucania Oro per la Cultura Giuridica
• Chèvalier de la Legion d’Honneur.
• Ultimo libro: Mentre il mondo stava a guardare – Vittime, carnefici e crimini internazionali: le battaglie di una donna magistrato nel nome della giustizia, pubblicato da Strade Blu – Mondadori, nel novembre 2011. Premio Carlo Levi 2012.

Angela Maria Tiberi intervista Silvana Arbia sui “Bambini soldato”.

D – Si parla spesso in questi giorni di “Bambini soldato”, “Child soldiers”, “Enfants soldats”, e simili e pare che nonostante i numerosi sforzi per arginare tale pratica, centinaia di migliaia sono i bambini coinvolti in operazioni militari e il mondo rimane cieco e sordo, spesso tollerante.

R – La definizione di bambini soldato, come stabilita nel 1997 nei c.d. Principi di Città del Capo comprende non sono quelli armati e che combattono, ma anche quelli che sono utilizzati dagli eserciti e dai gruppi armati come esche, corrieri o guardie, per svolgere azioni logistiche o di supporto, come trasportare le munizioni e le vettovaglie, posizionare mine ed esplosivi, fare ricognizioni.

La situazione più grave è quella delle bambine soldato che oltre a essere adibite alle operazioni militari sono anche usate come schiave sessuali.

Nonostante l’adozione di convenzioni internazionali dirette a tutelare i diritti dei minori (si ricordano la Convenzione di New York sui diritti dei minori entrata in vigore il 2 Settembre 1990; il Patto sui diritti civili e politici; il Patto sui diritti economici, sociali e culturali e la Carta Africana sui diritti e il benessere dei bambini del 1999), risulta che ancora oggi, secondo fonti UNICEF, la pratica di arruolare bambini esiste in Africa (in Somalia in cui tra il 1991 e il 2004 sono stati registrati 200.000 minori, Sierra Leone, Repubblica democratica Congo, Uganda, Mozambico, Liberia, in Ruanda durante il genocidio del 1994 i militari hanno coinvolto minori nei combattimenti); in Asia (In Afganistan i Talebani usano i bambini come suicide bomber: in Burma si contano 70.000 minori che servono nell’esercito), in America latina, in particolare in Bolivia 40% dell’esercito è composto da minori, dei quali 50% sono minori di anni 16.

Occorreva un mezzo per rendere giustiziabili le violazioni del divieto di usare i minori in operazioni militari e nel 1998 con l’adozione dello Statuto di Roma, atto costitutivo della Corte Penale Internazionale, l’arruolamento di minori di anni 15 è definito crimine di guerra (le prime sentenze su tali crimini sono state emesse dalla Corte speciale per la Sierra Leone che tuttavia ha un mandato limitato nel tempo e riguarda soltanto una determinata area geografica).

Il primo processo della Corte penale internazionale ha riguardato proprio il crimine di guerra dell’arruolamento dei bambini, nel caso Lubanga, un capo dell’UPC, operante nella regione dell’Itturi, nella repubblica democratica del Congo, ricchissima di diamanti, è stato dichiarato responsabile e condannato definitivamente per aver arruolato bambini, i kadogos.

Ho avuto il privilegio di essere il Registrar della Corte penale internazionale proprio al tempo in cui si è iniziato e si è concluso questo primo processo, con la condanna del capo militare e con ordine di riparazione alle vittime.

Innumerevoli sono state le difficoltà, anche per ottenere la cooperazione degli Stati, al fine di assicurare la protezione dei testimoni e delle vittime, tra cui vi erano ex bambini soldato devastati, con poche speranze di futuro normale.

Numerose sono state anche le questioni sulla riparazione da accordare a quelle vittime.

Si è sottolineato che, tra le misure riparatrici, vi è la non stigmatizzazione degli ex bambini soldato.

I kadogos sono vicino a noi, non possiamo ignorarli, specialmente nel momento storico attuale, in cui gli standard di tutela di diritti fondamentali che sembravano acquisiti, stanno vacillando, cedendo a esigenze di mercato e di finanza mondiali, specialmente se pensiamo che spesso i minori si fanno arruolare volentieri per riscattarsi dalla povertà estrema, situazione che ci ricorda quella di tanti bambini in Italia, che sono ingaggiati dalla criminalità organizzata, assicurando manovalanza criminale a basso costo e non punibile.

Un compito per le donne si delinea netto e ineludibile: proteggerli.”

Ringraziamo Silvana Arbia del suo intervento e le auguriamo successi per la pace mondiale tramite la sua Fondazione internazionale, costituita a San Marino per tutelare i diritti dell’infanzia coinvolta nei conflitti armati.

La Fondazione si propone di prevenire il fenomeno dei bambini soldato nella regione dei Grandi Laghi Africani, attraverso l’informazione, la sensibilizzazione e il rafforzamento delle capacità degli adulti, vicini ai minori, di proteggerli e di garantirne il diritto all’educazione e allo sviluppo.
http://www.arbia.foundation.com»

Bruno Mancini

The registrar of the International Criminal Court Sylvana Arbia is seen during a news conference in The Hague November 22, 2010. REUTERS/Michael Kooren (NETHERLANDS)

 DILA

Vendite antologie Penne Note Matite

Vendite antologie Penne Note Matite

Ischia 12 Ottobre 2017

Vendita antologie Penne Note Matite CS pdf

CS| DILA

Ischia 12 Ottobre 2017

Vendite antologie

L’Associazione culturale

Vendite antologie Penne Note Matite

“Da Ischia L’Arte – DILA” mette in vendita un limitato numero di copie dell’antologia

“Penne Note Matite” (prima edizione a colori).

L’offerta sarà valida fino al 16 Novembre 2017 (e comunque fino ad esaurimento scorte) al prezzo di 22 € spedizione in Italia compresa (per l’estero si pagherà la differenza postale).

Le copie dovranno essere richieste esclusivamente a dila@emmegiischia.com

Il pagamento andrà effettuato sul conto paypal di DILA (ossia su paypal dila@emmegiischia.com), oppure con bonifico bancario all’IBAN di DILA che sarà fornito singolarmente a coloro che chiederanno di acquistare i volumi.

A partire dal 20 Novembre 2017

saranno messe in libera vendita due nuove edizioni della stessa antologia: una a colori al prezzo di 46 € + IVA + spese di spedizione, e una in bianco e nero al prezzo di 22 € + IVA + spese di spedizione.

In tal caso, i volumi saranno acquistabili esclusivamente on-line attraverso Lulu, Google libri, Amazon ecc. indicando gli ISBN che pubblicheremo con un ulteriore CS.
Le modalità di pagamento, gli eventuali sconti ecc. saranno indicati dai singoli venditori.

Bruno Mancini

Presidente DILA

Associazione culturale DILA