sabato, Agosto 15, 2020

Olio d’oliva: attenti alla frode

Must Read

Tromba d’aria a Lacco Ameno, panico tra i bagnanti

Tanta paura e agitazione, stamattina, nella baia di San Montano a Lacco Ameno. Una...

Il Barano ha presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza

Il Barano ha appena presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza. La dirigenza del club bianconero ha...

Ragazza americana si frattura bacino e femore alla Corricella

Una vera e propria giornata da bollino rosso quella emergenziale vissuta sull'isola di Procida. Ben sette gli...

Olio extravergine di nome ma non di fatto: è frode in commercio il reato che il pm Raffaele Guariniello, della procura di Torino, contesta ai rappresentanti legali di una decina di aziende, tra cui alcune molto note, del settore. I laboratori delle agenzie delle dogane hanno esaminato campioni prelevati dai carabinieri del Nas e hanno verificato casi in cui l’olio, a differenza di quanto indicato, non era extravergine.Nel mirino di Guariniello sarebbero finite aziende del calibro di Carapelli, Bertolli, Sasso, Coricelli, Santa Sabina, Prima Donna e Antica Badia. E’ stato informato dell’indagine anche il ministero delle Politiche agricole, Maurizio Martina, che ha commentato: ”Seguiamo con attenzione l’evoluzione delle indagini della Procura di Torino, perché è fondamentale tutelare un settore strategico come quello dell’olio d’oliva italiano”.

L’inchiesta è nata nel giugno del 2015 con l’arrivo di una segnalazione, inviata a Guariniello in persona, dal mensile Il Test (ex Salvagente).Il periodico, lo scorso maggio, aveva pubblicato un servizio da cui risultava che “ben 9 delle 20 bottiglie” fatte analizzare “dal laboratorio chimico di Roma dell’Agenzia delle Dogane sono state declassate dal comitato di assaggio a semplici oli di oliva vergine”.

Va precisato che l’inchiesta non verte sulla potenziale nocività degli oli venduti: infatti nessuna delle sostanze analizzate ha reso i prodotti nocivi per la salute. Si tratta, secondo l’accusa, del potenziale inganno rivolto al consumatore, che avrebbe pagato circa il 30% in più una bottiglia di olio in quanto extravergine quando in realtà non lo era.

[tgcom]

- Advertisement -
- Advertisement -

Latest News

Tromba d’aria a Lacco Ameno, panico tra i bagnanti

Tanta paura e agitazione, stamattina, nella baia di San Montano a Lacco Ameno. Una...

Il Barano ha presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza

Il Barano ha appena presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza. La dirigenza del club bianconero ha portato al Comitato Regionale campano,...

Ragazza americana si frattura bacino e femore alla Corricella

Una vera e propria giornata da bollino rosso quella emergenziale vissuta sull'isola di Procida. Ben sette gli interventi dei medici del 118...

Incontro con la poesia di Angela Barnaba: l’evento venerdì 19 all’Antoniana

In occasione della pubblicazione del libro “Il vento delle cose”, la Biblioteca Comunale Antoniana ospita l’incontro con la...

“BELLE STATUINE” ALL’UTC, sfiduciato il sindaco di Ischia. In 11 firmano contro la gestione di Enzo Ferrandino

Sfiduciato il sindaco in consiglio comunale. E’ questa la sintesi, estrema, del civico consesso che si è svolto ieri mattina a Ischia. Enzo Ferrandino...
- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -