IL MAESTRO ANDREA TRISCIUZZI ESPONE A ROMA SALA DA FELTRE OPEN ART

0
YOUR ARTICLE TOP AD

 IL MAESTRO ANDREA TRISCIUZZI  TRA SCULTURA E PITTURA 

RACCONTA L’ESSENZA DELLA VITA

YOUR ARTICLE INLINE AD

Armonia ed eleganza di corpi in movimento fissati nelle sculture, sinergie ritmiche di materia e forma di dipinti dominati dalla forza descrittiva del colore con cui sono descritte le emozioni della vita tra serenità e armonia, tormento e nostalgia, fanno di ANDREA TRISCIUZZI un artista dalle rare qualità capace come pochi di restituire i diversi volti dell’uomo nel suo rapportarsi al mondo circostante e al proprio destino. Al centro del suo discorso artistico è l’individuo visto nella sua costante ricerca di risposte ai diversi interrogativi sul senso della vita dove sempre più avverte la

il maestro Andrea Trisciuzzi La Donna con le Ali
il maestro Andrea Trisciuzzi La Donna con le Ali

propria fragilità, nel constatare  alienazione e indifferenza da parte di una società troppo spesso giudicante. Nato a Roma nel 1959, dopo aver studiato presso il Liceo Artistico Istituto Rinascimento di Roma, si accosta all’arte prima formandosi a Pietrasanta e poi sotto la guida del professor Ferruccio Vezzoni, insegnante presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, grazie al quale fa propri i segreti dell’arte del modellare approfondendo gli studi della tradizione scultorea. A partire dal 1984 inizia ad esporre prendendo parte a mostre collettive anche in ambito internazionale dove le sue opere di arte sacra e contemporanea ottengono successo e riconoscimenti.

Andrea Trisciuzzi
Andrea Trisciuzzi

Ad Andrea Trisciuzzi, le cui opere tra sculture e dipinti, sono presenti in tutto il mondo dall’Europa, all’Australia, dall’Africa al gli Stati Uniti, fino al Giappone, è dedicata la mostra che inaugura l’11 febbraio 2017 a Roma presso la sede della Sala da Feltre nello spazio OPEN ART (Via Benedetto Musolino, 7) alle ore 18.30.

L’esposizione, RITMI E ARMONIE DELLE EMOZIONI. Mostra personale di Andrea Trisciuzzi, curata da Sabrina Consolini, storica dell’arte e responsabile della gestione degli eventi e relazioni esterne presso la Sala da Feltre, e da Silvana Lazzarino giornalista e poetessa, attraverso circa una trentina di opere  fa emergere la  forza descrittiva dell’artista  svelando la spontaneità delle emozioni entro questo tempo che accoglie e rifiuta, imprigiona e libera, per preparare a quanto accadrà dopo, Il percorso espositivo rivela i temi portanti con cui egli si è confrontato nel corso della sua carriera: l’amore, il dramma, la rinascita e la libertà. A comunicare questi aspetti sono le diverse sculture in bronzo e resina, unitamente ai dipinti dai colori intensi e accesi dove a dominare è una pennellata intensa senza soluzione di continuità che definisce lo scorrere del tempo tra desideri e attese, sogni e inganni.

il grande maestro Andrea Trisciuzzi Astrolabio
il maestro Andrea Trisciuzzi Astrolabio

Tra i dipinti materici si segnalano in particolare Esplosione e Tempo perso: due modi di sentire la vita e le emozioni che essa rivela. Esplosione è un rincorrersi di sensazioni che presto spariranno, Tempo perso rivela una linea del tempo ideale, ossia un tempo interrotto dove non esistono più minuti, ore, giorni a scandire gesti e azioni. Semplici ed essenziali, ma di grande forza comunicativa sono le sculture riferite agli sport- dal ciclismo alla ginnastica, dalla maratona al tennis fino alla scherma e allo sci, dove spicca il senso di libertà e quell’energia restituite dal movimento fluido ed elegante di corpi tesi a conquistare lo spazio. Così accanto a La donna in biciletta, Famiglia in bicicletta e La ginnasta, sono il Maratoneta e gli Schermisti; per arrivare alla forza dei sentimenti de Gli Amanti stretti in un abbraccio avvolgente. Più ricercate nella lavorazione sono le sculture in legno e resina dove protagonista è la figura femminile come Donna che pensa dove la donna ritratta senza dettagli del volto è come sospesa tra il suo essere razionale e il suo lato più proiettato al fantasticare e al sogno, e Maternità universale a simboleggiare la rinascita e il dono che la donna fa della vita. E ancora il corpo della donna è al centro della straordinaria scultura in resina bianca Donna con le Ali: qui il corpo è visto come prigione, troppo spesso violentato e vittima di pregiudizi e da cui la donna deve liberarsi, e al quale si contrappone la sua vera natura ossia quella di essere fonte di vita.

Andrea Triscuizzi è anche un abile e sorprendente ritrattista, capace come pochi di restituire ai volti quei dettagli che caratterizzano ogni espressione legata ad un sorriso, o ad uno stato pensieroso e malinconico. Ha ritratto anche diversi personaggi famosi tra cui Charlie Chaplin, Patrick Slim e qui in mostra è esposto il ritratto di Mike Bongiorno accompagnato da un pannello dove il visitatore attraverso fotografie e bozzetti, può osservare il percorso di lavorazione dello stesso capolavoro.

Il maestro Andrea Trisciuzzi Ritratto di Mike Bongiorno

Da citare anche Autoritratto biografico in cui Trisciuzzi attraverso un mezzo busto costruisce mediante un collage di immagini con raffigurate le sue opere più significative, il suo percorso artistico intenso e avvolgente che racconta la vita. In mostra si può ammirare anche la famosa Croce Astile in filoresina bronzata: opera a carattere sacro realizzata nel 2001 e benedetta da Papa Giovanni Paolo II, portata al Polo Nord e successivamente al Polo Sud e a San Pietroburgo. . Quest’opera rappresenta il viaggio dell’uomo attraverso l’esistenza: essa è un invito ad una rinascita che si evince dalle nove figure nel loro salire a fatica verso la cima.  All’uomo è data la possibilità di ritrovare la bellezza della vita, ma tutto questo attraverso un percorso di dolore espresso nei tratti e nei lineamenti sofferenti delle prime tre figure nella loro scalata verso il punto più alto della Croce. Ad alcune opere di Andrea Trisciuzzi sono affiancate poesie ad esse ispirate scritte da Silvana Lazzarino.

 

 

RITMI E ARMONIE DELLE EMOZIONI

Mostra personale di Andrea Trisciuzzi

c/o OPEN ART- Sala da Feltre

Via Benedetto Musolino, 7 Roma

11 febbraio – 11 marzo 2017

Orario: dal lunedì al venerdì 9-13/14-17

Inaugurazione sabato 11 febbraio 2017 ore 18,30