Il Dispari 2016-09-05

0
YOUR ARTICLE TOP AD

Il Dispari 2016-09-05

Il Dispari 20160905 3 comp

@ L’editoriale  Dal racconto “Così o come”

YOUR ARTICLE INLINE AD

… ed ora mi guadagno da campare facendo il “Lettore di giornali in pubblico”.
Non esiste?
Forse non esisteva.
Esiste, esiste.
Mi sono inventato una libera professione con molta dignità e talento, seguendo un ragionamento diciamo “pragmatico”.
Perché, mi chiedevo, i giornali pagano la pubblicità per se stessi su altre forme di comunicazione ed anche su testate a volte acerrime concorrenti?
Risposta: per farsi leggere.
Perché, mi chiedevo, un quotidiano di tiratura nazionale viene distribuito gratis annesso ad un foglio di cronaca locale?
Per farsi leggere, rispondevo.
Per quale ragione, nel mio paese di origine, il notiziario di pettegolezzi comunali, unito ad uno storico giornale filo monarchico  e ad un quotidiano politico nazionale affiliato alle gerarchie di un potente costruttore finanziere editore presidente politicante, perché mi chiedevo, tutti e tre insieme vengono venduti al prezzo di un solo?
Si sa bene che non bada a spese il potente costruttore finanziere editore presidente politicante proprietario del quotidiano politico nazionale, e che neppure sono in cerca di soldi i referenti politici dello storico vessillo monarchico.
Il notiziario locale di pettegolezzi comunali, li regala entrambi ed acquisisce nuovi lettori.
O.K.
Perché?
Risposta: vogliono essere letti.
Ed io mi sono proposto nella specifica mansione di “Lettore di giornali in pubblico”.
Il loro ufficio gestione rapporti col pubblico mi fissa un itinerario, con rotazione mensile, per la cui precisa attuazione i dirigenti addetti alla struttura finanziaria mi pagano viaggi trasferte pernottamenti cene pranzi e colazioni, scarpe nuove ogni mese, venti consumazioni ogni giorno ai tavoli dei bar più prestigiosi, due concerti a settimana, ventuno pacchetti di sigarette marca… (omissis)… a settimana (poi vi spiego perché), un nuovo accendino ed un orologio ogni cambio di stagione, e, considerato il disagio dei continui trasferimenti, l’Azienda mi concede una femmina a piacere ogni quindici giorni, un mese di ferie l’anno, ed il barbiere quotidiano.
La mia giornata lavorativa di solito inizia alle otto di mattina e termina alle sedici.
Al mattino, nella portineria della locanda albergo pensione residence villaggio in cui ho trascorso la notte, trovo un mucchio di giornali: stessa marca stavo per dire, stessa testata è invece corretto.
Li ripongo in una borsa busta contenitore carpetta, ne lascio fuori uno, mi reco ad una vicina fermata di autobus tram metro funicolare sciovia traghetto e, come se attendessi un particolare mezzo di trasporto, spiego il giornale in bella vista, con la prima pagina ed il titolo in perfetta evidenza, e fingo di leggere con interesse fingendo di aspettare.
-«Perbacco, i C.R.I.C. vogliono le elezioni…»
-«Come? Berlisco ha detto che…»
-«… sono una vera schifezza questi P.R.O.C.».
Coloro che mi sono vicini sbirciano, incamerano, si schierano.
Un attivista di avversa parte politica, nemico dichiarato dei padroni della testata e della sua impostazione socio economica, mi guarda e mi sfida.
Fine della prima tappa, anzi no, perché, ancora fingendo, in questo caso distrazione, lascio il giornale sulla spalla della pensilina, così che altri possano continuare sbadatamente ad appropriarsi delle notizie che mi pagano per far leggere.
Seconda tappa, estraggo dalla borsa un secondo giornale identico al primo, e mi avvio a ripetere la funzione verso il parco pubblico.
Terza sosta, identico cerimoniale ed uguale messa in scena, al bar salotto buono, poi alla mensa ferroviaria, al circolo del ludico paranormale, dei baffoni giganti, dei coglioni in motocicletta.
Alle ore sedici, stop.
Serata libera.
Domani, un nuovo itinerario, forse pomeridiano serale, con sosta a cinema o a teatro.
Domani un nuovo posto per guadagnare i miei trenta denari.
Sì, è vero, ho dimenticato di chiarire che anche le sigarette fanno parte del patrimonio di furbizie utilizzate dal dirigente organizzatore, il quale, scegliendone la marca, merita una “cagnotta” (tangente?) (provvigione?) simpaticamente offerta da quell’azienda di tabacco, naturalmente all’insaputa dell’editore per il quale lavora.
Cose che capitano anche in televisione.
A me che importa?
Trenta denari e fingo di fumare (ho smesso da tre anni) perfino la paglia secca degli ex Canneti della mia ex Isola Verde.
Ho costruito questa lunga divagazione, per introdurre il sunto di un ampio e dotto saggio che il mio cervello matematico aveva fatto rimbalzare, con perfetto tempismo, non appena si era reso conto della incoerente identicità del mio DNA con quello di Ignazio.
Lo sfoglio quotidiano di giornali previsto dalla mia ultima relativa professione, tra tante baggianate e scempiaggini  bazzecole e pettegolezzi di rado, ma a volte, mi aveva concesso l’opportunità di aggiungere un tassello alla collezione delle teorie preferite.
Un fedele scudiero dei miei pensieri mi aveva fornito una  lancia. Un’idea che avevo attinta dalla quinta pagina dell’organo di stampa nazionale utilizzato per il mio lavoro durante l’ultimo mese di agosto. Pareva forgiata apposta! Da quel concetto ero rimasto particolarmente colpito.
Per la sintesi e per il rigido schematismo, amalgamato ad un probabilismo assolutamente incontrollato, che esso avvalorava come imparziale strumento decisionale.
Un dotto estensore di cui non ricordo il nome, l’aveva espresso scrivendo (ed io avevo recepito il testo come la sfacciata seduzione di un tango argentino nello struggente abbandono di ogni illusione)…
Bruno Mancini
“Così o come” tratto dal libro “Per Aurora volume terzo”
ISBN 9781409282013

Il Dispari 20160905 1 comp
Bruno Mancini | Nei giorni scorsi Antonio Mencarini, socio fondatore DILA nonché VOX storica di tutte le poesie dalla nostra “Tribù”, ha postato alcuni versi per rendere un ultimo omaggio al suo amico Paolo Perfetti, precisando che “Ho scritto per Paolo Perfetti questa poesia che dedico a quanti gli volevano bene”.
Mi è venuto subito in mente il mio amico Michele Scotti, anche lui da poco “partito” per chi sa dove, ed ho chiesto ed ottenuto il permesso da parte di Antonio Mencarini di considerare i suoi versi indirizzati non solo al suo amico, ma “anche” a tutti gli amici per i quali ciascuno di noi abbia nutrito sentimenti positivi.
Debolezza umana, così come avviene ormai da molti decenni, mi ha impedito di partecipare alle esequie di Michele Scotti (e di ciò chiedo perdono alla sua famiglia), ma il suo ricordo resta vivo in molti momenti della mia vita.
Per Paolo Perfetti e per Michele Scotti:

Antonio Mencarini
Addio amico mio

Un lampo di luce nel tempo
un nobile cuore guidato dal sentimento
l’ansia di fare il bene
di dare il bene
di ricevere il bene.
Un battito d’ali di gabbiano
sul mare della vita.
È durata un nulla la tua esistenza
ma sei riuscito a renderla degna di vivere.
Sei partito per non so dove:
una domanda mi attanaglia – Ti rivedrò?
Non so, non credo ma nei dubbi spero.
Addio amico mio
finché vivrò ti avrò nel cuore.

 Il Dispari 20160905 tutto ridim
Michela Zanarella alla direzione per l’Italia di Writers Capital International Foundation

Michela Zanarella Socia Fondatrice DILA, nonché apprezzata opinionista di questa pagina culturale, è stata nominata alla direzione per l’Italia di Writers Capital International Foundation, un’organizzazione internazionale apolitica e senza fini di lucro che si rivolge a una comunità di scrittori di tutto il mondo per rafforzare i valori di pace e di armonia globale nella società attraverso la letteratura.
La fondazione è costituita da membri provenienti da più di ventisette Paesi e coordina una serie di attività volte a ispirare scrittori nell’impegno costante per cause sociali.
Writers Capital ha anche lo scopo di motivare gli scrittori in erba a sviluppare ulteriormente le proprie competenze nel settore e mira ad ampliare la rete tra scrittori per realizzare qualcosa di importante in ambito internazionale.
Tra gli obiettivi, infatti, c’è la divulgazione di ogni forma di scrittura, la realizzazione di eventi, convegni, libri e riviste.
Poetessa, autrice teatrale e giornalista della FL International Press, Michela Zanarella è redattrice di Periodico italiano e Laici.it.
Ha diretto la collana di poesia ARTeMUSE di David and Matthaus.
Presidente dell’A.P.S. Le Ragunanze.
Molte sue poesie figurano in antologie a tiratura nazionale e internazionale, tra le quali quelle MADE in Ischia della serie realizzata nell’ambito dei progetti culturali ideati da Bruno Mancini con la Direzione Artistica di Roberta Panizza (Adotta una poesia – Mare Monti Mare) e quelle edite da DILA tra cui “Otto milioni 2016” (con la poesia “Nel domani”) d’imminente pubblicazione.
La sua poesia è tradotta in inglese, francese, arabo, spagnolo, rumeno, serbo, portoghese e giapponese.
Ha ottenuto il Creativity Prize al Premio Internazionale Naji Naaman’s 2016.
Ambasciatrice per la cultura nel mondo, rappresenta l’Italia in Libano per FGC.
Complimenti a Michela Zanarella da IL DISPARI.

Michela Zanarella

Bruno oggi parliamo di IL DISPARI

Il Dispari 2016-09-03

Fa bene Bruno Mancini a lamentarsi dei nostri amministratori!

Il Dispari 20160903

Ringrazio l’Autore di questa lettera e il Direttore del quotidiano “Il Dispari” Gaetano Di Meglio per averla pubblicata. A loro ed ai lettori tutti, senza tanti clamori ma con molta determinazione, dico che non possono esserci sudditanze psicologiche, né politiche, né di ordine ideologico quando si parla, si scrive, o si discute di Arte e di Cultura.

Di ciò la nostra Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA” è pienamente consapevole ed il suo progetto complessivo di sviluppo delle Arti e della Cultura non contempla alcuna ingerenza che non sia proposta, diretta, e realizzata per tale scopo.

… e può permettersi questo “proclama” perché è composta da persone SERIE.

Grazie ancora

Bruno Mancini

Presidente DILA

Bruno oggi parliamo di IL DISPARI

Il Dispari 2016-08-29

Il Dispari 2016-08-29

 Editoriale

Per un aggiornamento sull’andamento della quinta edizione del premio internazionale di poesia, vi segnalo la classifica finale dei punti web assegnati (in totale sono stati 11753) alle prime 10 poesie classificate: Silvana Lazzarino – Il bacio (4403), Luciano Manfredi – Sotto il pergolato (4254), Antonella Ronzulli – Oltre la libertà (1608), Luca Cipolla – Luna nuova (606), Mario Di Nicola – Gennaio 1976 (293), Annamaria Vezio – Mondi di fuori (267), Giuseppe Capoluongo – Davanti al fuoco (123), Angela Maria Tiberi – Katia Massaro     (72), Antonio Fiore – Cuori che si raccontano (51), Ester Margherita Barbato – Fatica (24).

A completamento d’informazione è opportuno precisare  che queste dieci poesie fanno parte del gruppo delle 30 finaliste ancora TUTTE in gara per il risultato finale che verrà reso noto alla fine di Novembre, DOPO che saranno stati comunicati i risultati delle votazioni tramite 1) coupon annessi al quotidiano “Il Dispari” diretto da Gaetano Di Meglio 2) coupon annessi alle antologie “Otto milioni -2016” d’imminente pubblicazione 3) voti espressi dalle 5 differenti Giurie nominate rispettivamente da DILA, da Bruno Mancini, da Roberta Panizza, dal quotidiano Il Dispari e dall’emittente televisiva Teleischia.

Entro la fine del mese di Settembre, tutte le poesie finaliste saranno state pubblicate in esclusiva su questo quotidiano Il Dispari.

Seguendo un altro evento, ma dello stesso argomento e di uguale impegno in favore dell’Arte in generale e della Poesia in particolare, ci spostiamo in Trentino e per la precisione Caldes dove Roberta Panizza, Vicepresidente e Direttrice Artistica della nostra Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”, ha duettato con Paolo Balestri dando vita ad un “Incontro di poesia” imperniato sulle figure di due Mostri Sacri del ‘900 italiano.

Panizza – Montale & Balestri – Quasimodo, dinanzi ad una sala stracolma (molte persone sono restate fuori per esaurimento dei posti disponibili), hanno magnetizzato il pubblico di amanti della Poesia.

L’accompagnamento musicale di Nicola Ravelli e Marcello Sani ha contribuito a far sì che l’evento, realizzato dalla FAI (Fondo Ambiente Italiano) delegazione di Trento – Gruppo FAI Val di Sole, possa essere considerato un’iniziativa da “esportare” in località diverse e da ripetere, seppure presentando Artisti differenti.

Bruno Mancini

Roberta Panizza Caldes foto 3

Roberta Panizza Caldes foto 4

Roberta Panizza Caldes foto 10

Roberta Panizza Caldes foto 1

Il Dispari 20160829 1 comp

Silvana Lazzarino intervista ELISA BARONE

Com’è nato il bisogno di accostarsi alla poesia e quando ha iniziato a scrivere poesie?
Da piccola la mia caratteristica era di parlare in versi a rime baciate e questo fin dalla terza- quarta elementare. Ero portata per la scrittura e a conferma di questo è il tema scritto in terza elementare “Cantava quell’uccellino nella gabbia, ma non di gioia” che piacque molto alla maestra tantoché lo lesse a tutte le classi. Ricordo che il tema finiva con i due bambini che liberano l’uccellino. Anche qualche anno dopo alle medie la mia professoressa di lettere mi suggerì di continuare a scrivere.

Quali sono i suoi motivi di ispirazione per la scrittura poetica?
Ogni aspetto della vita è fonte di ispirazione: una parola, un fatto accaduto, un incontro con una persona, un ricordo. Appena ho l’ispirazione devo subito scrivere tantoché spesso mi sono ritrovata a prendere appunti su scontrini, pacchetti di sigarette di mio marito. L’ultima poesia scritta in maniera precaria l’ho composta in un bar ristorante dove ero a pranzo con mio marito. “Di spalle” l’ho scritta su un tovagliolo di carta conquistata da un breve racconto di un mio collega, padre separato con cui avevo poco prima parlato al telefono.

Cinque romanzi e tutti di successo. Ve ne è uno in particolare “Il cuore al di là del male” che tratta della vicenda di Fioravanti e della sua donna Francesca Mambro implicati nella strage di Bologna. Cosa l’ha spinta a raccontare “tra le righe” questa realtà dove dominano terrorismo e malavita?
Di Fioravanti mi ricordo quando da ragazzino recitava con disinvoltura, e poi quando appresi che quel piccolo attore era diventato un terrorista ne restai colpita. Molto più tardi, nel 2009, mentre mi trovavo a Cesenatico sul giornale avevo letto che quel terrorista, condannato anche per  la strage di Bologna era un uomo libero e mi venne in mente di fargli un’intervista immaginaria e romanzata.

Si tratta di una sorta di intervista romanzata. Chi sono gli interlocutori?
Siamo io in qualità di intervistatrice e lui Sandro Berton.  è stato  inevitabile mettere in scena  la compagna Stella Vitale che qui è però figlia di un carabiniere e non di un poliziotto come nella realtà era Francesca Mambro. Nel libro parlando al terrorista faccio riferimento al suo passato di attore e qui ritorna l’intersecarsi tra realtà e fantasia.

Il diritto e le sue leggi, il cuore e le sue emozioni. Due modi di essere di Elisa Barone apparentemente contrastanti. Cosa pensa a riguardo?
Non penso nulla in particolare, ma sicuramente la persona prevale sulla professionista. Questo aspetto creativo mi aiuta molto anche a capire meglio gli altri e riesco meglio a farmi carico delle problematiche di chi soffre o vive momenti difficili.

Quando è stata ad Ischia per la prima volta? Ha mai pensato di scrivere una poesia per Ischia?
Ischia la conosco da tempo, vi sono stata diverse volte in vacanza, e poi vi sono tornata due anni fa quando ho conosciuto Bruno Mancini poeta e scrittore affermato e presidente dell’Associazione DILA- “Da Ischia L’Arte”.
Non ho ancora scritto una poesia su Ischia, però penso di farlo presto.

Silvana Lazzarino.

Il Dispari 20160829 tutto ridim

Skin di Vesna Pavan, il colore diventa Materia ed Emozione

Vesna Pavan, figlia d’arte di origine friulana, è un’artista originale, poliedrica e socialmente impegnata.
Le sue creazioni prendono ispirazione dal mondo che la circonda, ma anche dal suo panorama interiore.
È innamorata dell’arte in tutte le sue forme.
La sua produzione artistica trae ispirazione dalla storia, dalla moda, dal design, dalla fotografia e dalla pubblicità.
In ventiquattro anni di carriera ha saputo rinnovarsi continuamente, sperimentando nuove tecniche e nuovi linguaggi espressivi.
L’artista ha condotto una continua ricerca sulla figura femminile, che viene rappresentata in tutta la sua bellezza e vitalità nei cicli FUSION e FUSION VOGUE.
L’evoluzione artistica di Vesna raggiunge il suo culmine nel 2013 con il ciclo SKIN, che rappresenta un salto evolutivo nel mondo dell’arte dagli anni ’50.
I lavori SKIN sono la messa in scena della figura femminile come materia, che può essere vissuta e toccata. È colore colato, libero da qualsiasi supporto, elaborato e cristallizzato in un attimo preciso del suo tempo di essiccazione. Questo ciclo è protagonista dell’innovazione artistica di questo secolo.
La sperimentazione tecnico-pittorica inventata dall’artista in SKIN viene messa, dai critici Italiani, alla stregua delle avanguardie degli anni Cinquanta: dalle tele cauterizzate di Alberto Burri al dripping di Pollock, fino all’Espressionismo Astratto degli squarci cromatici di Clyfford Still, a cui si aggiunge quel côtè più pop, esclusivamente americano, di Claes Oldenburg o Robert Rauschenberg.
Le opere realizzate con gli smalti plastici prendono forma e trasmettono un senso di equilibrio attraverso l’alternanza di pieni e vuoti.
La tecnica SKIN per la sua innovazione è stata scelta da Pavan per dar luce a 125 opere realizzate appositamente per il progetto umanitario internazionale RED&FUCHSIA.
Iniziativa che Vesna sta portando avanti da più di un anno, in collaborazione con il Rotary Club di Certosa di Pavia, con lo scopo di raccogliere fondi per pagare gli interventi alle donne che hanno subito deturpazioni da acido.
Le opere saranno inviate alle sedi Rotary di 24 paesi, per essere vendute all’asta. I proventi verranno interamente devoluti ad ASFI (Acid Survivors Fondation India) e ASTI (Acid Survors Trust International), associazioni che operano quotidianamente sul campo, dando alle vittime supporto, assistenza e cure mediche.
Hanno scritto di lei Luca Beatrice, Paolo Levi e Vittorio Sgarbi.
Il 7 ottobre, allo Sporting Club Milano 2, Vesna Pavan sarà presente con undici opere del ciclo SKIN alla manifestazione ARTKULTURA-MILANO 2016.
Adriana Fenzi

Il Dispari 2016-08-29

Bruno oggi parliamo di IL DISPARI

Il Dispari 2016-08-22

Il Dispari 2016-08-22

Editoriale

L’incertezza della certezza non smette mai di stupire!

In questi giorni sto rileggendo alcuni libri di uno scrittore che ho ammirato praticamente da sempre.
Nel testo di un vecchio volume, edito nel 1962 ed ormai senza copertine e con le pagine quasi distaccate dalla rilegatura, mi ha fatto piacere considerare che alcune mie sottolineature, antiche di oltre 50 anni, continuino ad avere per me lo stesso rilievo positivo di allora.

Ad un tratto ho smesso di leggere e sono restato per molti minuti fermo a valutare prima, ed accarezzare poi, un pensiero tra il nostalgico e l’incredibile.

Ero da solo nel tramonto in riva al mare (il mare è uno dei personaggi importanti del libro), quando mi sono reso conto, infatti, di aver vissuta quasi tutta la vita nella logica etica e pragmatica, sentimentale e sociale, derivante ed appartenente ad una frase sottolineata con un sottile tratto di matita.

E ciò che ancora ora mi seduce in questa scoperta non è tanto la certezza di avere agito e pensato nel modus vivendi, desiderato seppure a volte maledetto, stigmatizzato nella frase dello scrittore, ma la rivelazione di non essermene reso assolutamente conto pur nella lunga inseparabilità che ci ha uniti.
Senza lotta non si può stare soli; ma star soli vuol dire non voler più lottare.”

L’incertezza della certezza non smette mai di stupire!
Bruno Mancini

P.S. Sempre lui, ma da un altro volume:
Ma ormai io non potevo più perdonarle di essere una donna, una che trasforma il sapore remoto del vento in sapore di carne.
Più lo rileggo e più sono convinto di aver fatto bene ad ammirarlo per oltre mezzo secolo.

Il Dispari 20160822 1 comp

THE QUESTION OF BEINGS – YAHON CHANG

Un’occasione importante con cui restituire nuova visibilità all’arte contemporanea valorizzando i suoi ambiti internazionali espressi attraverso stili e meccanismi espressivi diversi, è proposta dall’esposizione in corso a MACRO Testaccio di Roma dove alcune installazioni internazionali, provenienti dalla 56 Esposizione Internazionale d’Arte – Biennale di Venezia, sono state ricomposte e rimodellate site-specific.

La mostra THE QUESTION OF BEINGS – YAHON CHANG @ ROMA che rientra nell’ambito di “From La Biennale di Venezia to MACRO. International Perspectives”, nuovo progetto espositivo, ideato da Paolo De Grandis e Claudio Crescentini, intende far convergere “prospettive” d’arte di due città che lavorano per far viaggiare le esperienze dell’arte internazionale sul territorio nazionale.
Venezia e Roma sono legate da un’importante tradizione storico-artistica cui hanno dato nuovo impulso arricchendo e valorizzando gli orizzonti dell’arte contemporanea per creare maggiori iniziative in ambito internazionale.

The Question of Beings – YahonChang @ Roma entra negli spazi del Macro La Pelanda dopo essere stata alla 56. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia.
Se a Venezia l’installazione creata dall’acclamato artista taiwanese Yahon Chang con dipinti a inchiostro e carta, intendeva esplorare la natura inconscia e conscia dell’individuo con particolare attenzione alla sofferenza e alla difficoltà dell’uomo nel rapportarsi con il mondo esterno, per gli spazi del MACRO La

Pelanda l’opera, entro un nuovo contesto, subisce variazioni per affrontare un discorso che guarda al dialogo tra l’uomo e l’ambiente a lui circostante, compresa la natura. L’installazione, costituita da opere ad inchiostro su drappi di tela ciascuno lungo dai 10 ai 20 metri che scendono dal soffitto, invita il pubblico a perdersi nei meandri di un labirinto di opere raffiguranti vari volti di esseri umani.
I lunghi drappi con rimandi al tradizionale dipinto paesaggistico cinese revocano, per analogia, la cascata.

Sulle tele sono ritratti diversi visi di esseri senzienti, ma anche astratti ed espressivi a suggerire la metafora della vita dove si è a contatto con il sacro, il mondano e l’animalità.
Appartengono all’installazione anche le sculture in ferro che, decorate dalle pennellate dell’artista, suggeriscono come questa vita sia precaria e incerta.
La semplicità dei materiali ferrosi, il loro essere attaccati dagli agenti esterni, rappresenta la natura effimera dell’esistenza.

Sebbene il ferro sia un materiale industriale durevole, la sua superficie se non trattata tende ad ossidarsi e deteriorarsi, ma sulla scultura di ferro restano tracce delle pennellate che accentuano i tratti figurativi dei visi incisi sulla superficie.
Entro questo spazio, arricchito di nuovi significati e rinnovato, le opere di YahonChang danno vita ad una visione di un’esistenza instabile dove rintracciare segni di speranza a partire da una sentita riflessione interiore volgendo lo sguardo a quanto la natura regala ogni giorno.

Come la maggior parte dei cinesi, Yahon Chang è rimasto incantato dal nostro Paese.
In particolare Ischia e la Campania sono le mete preferite dai cinesi per i loro viaggi in Italia, posti splendidi sotto i profilo artistico e paesaggistico.

Silvana Lazzarino

THE QUESTION OF BEINGS – YAHON CHANG @ ROMA
MACRO Testaccio, La Pelanda – Centro di produzione culturale
Piazza Orazio Giustiniani, 4, 00153- Roma
Orario: da martedì a giovedì ore 15.00 – 20.00
venerdì ore 15.00 – 23.00, sabato ore 11.00 – 23.00, domenica ore 11.00 – 20.00
lunedì chiuso.
fino al 28 agosto 2016
ingresso gratuito

YAHON CHANG @ ROMA
YAHON CHANG @ ROMA

Oltre Itaca, radendo il cielo

Una copertina semplice ma elegante, con una foto di Antonella Colucci (in arte Antonella Kool) dove si rappresenta l’amplesso tra cielo e mare su una linea obliqua dell’orizzonte che dà l’idea dell’«Oltre», racchiude l’opera “Oltre Itaca, radendo il cielo”, espressione poetica del gruppo EpicaEtica.

In un deserto acidificante, in una crisi non solo economica ma anche morale, 25 autori di varia levatura e fama che ivi riportiamo Federica Bonzi, Italo Zingoni, Francesca Giustini, Matteo Crosera, Rossella D’Alba, Rosa d’Onofrio, Antonella Ronzulli, Mario Di Nicola, Annamaria Pecoraro, Rosaria Chiariello, Adriana Bertani, Rosanna Spezzati, Lucia D’alessandro, Laura Klemm, Anna Manzi, Lucrezia Abbrescia, Cristiano Maiorino, Redent Enzo Lomanno, Fernanda Besagno, Antonia Izzi, Loretta Citarei, Anna Bonarrigo, Moreno Botti, Kostas Mich Stamatis, han cantato le ansie, le speranze, le illusioni, le delusioni e i sogni che costellano l’incedere umano, fornendoci un affresco attuale e poliedrico sulle vie e le esigenze dell’uomo con un linguaggio espressivo non reificante che è solo dell’Arte e della Poesia.

Le varie sfaccettature dello Spirito s’aprono ad un confronto serio e dialettico nel panorama dell’oggi come momento sì di Crisis ma nel contempo di Kairos: è questo alito pulsante in ciascuna opera che ci fornisce una chiave di lettura delle “exis” della contemporaneità: essere se stessi, a sé presenti, tesi verso la ricerca mai di facili compromessi, di aleatorie soluzioni bensì di fattive alternative, non da ultimo, la libertà dell’animo come conditio sine qua non per agire nel mondo, dopo aver scandagliato gli abissi umani.

Un sentiero luminoso emerge come filo conduttore che lega tale diverse voci per formazione ed esperienza ma profondamente umane.
Itaca è il topos mentale per antonomasia del ritorno non tanto di Odisseo alla sua petrosa isola ma del ritrovar-si, di trovare sé e le proprie radici culturali, esigenza più che agita in un mondo, l’odierno, dove il valore è in crisi e non tanto i valori, così avvertiamo l’abissale smarrimento in codesto atlante delle ragioni e regioni antropiche.

Gli autori dipingono quanto detto in espressioni coinvolgenti, struggenti e si spingono verso mete di azzurrità mai appagata, oltre: urgenza dello pneuma che vivifica e dilata l’esprit, esigenze ineludibili.
Chi scrive ringrazia la casa editrice novese, Litho Commerciale, che ha creduto in tale progetto, iniziando così la collana “Eos”, la dea dell’Aurora, che, scendendo dal cielo, si strugge per amore e irrora di Rugiada il mondo, fecondandolo mentre fa nascere il nuovo giorno, un dì luminoso di idee.
Enrico Marco Cipollini e Antonella Ronzulli

N.d.R. Enrico Marco Cipollini è docente di filosofia saggista e critico letterario; Antonella Ronzulli, Socia Sostenitrice dell’Associazione culturale DILA “Da Ischia L’Arte”è attualmente Direttore Editoriale della Casa Editrice Litho Commerciale che edita le antologie della nostra Associazione DILA.

Il Dispari 20160822 tutto ridim

Cod 15: Pasquale Di Costanzo
Notte a Ischia

Scintille, bagliori
il mare sembra incendiarsi.
Si contempla con lo stesso fervore
che i nostri occhi donano
un attento sguardo
a monili preziosi.
Si passa del tempo a rimirar
quella scia di luci magiche
e talvolta,
abbandonandosi
chiudendo gli occhi
sembra di essere su mille scalini,
che dall’azzurro mare
si affondano come dardi infuocati
nel magico infinito della notte.

è la signora luna…
che s’imbelletta nello specchio
angolo remoto e incantevole
mare d’Ischia.

Cod 25: Luciano Manfredi.
Sotto il pergolato

Il muricciolo è ricoperto
d’ombelico di venere,
insozzato di spruzzi
dell’ultima torchiatura,
l’erba profuma ancora
della vinaccia che tu hai ammucchiato
e dalla canna di ferro,
nel fango, scorre piano
sulle impronte che hai lasciato;
lì, c’è un ombelico volto all’insù,
colmo d’acqua,
che fa da specchio al cielo
ricamato di nuvole chiare
e si regge a stento nel bordo
lasciato dalla tua suola.
Le perle
intarsiate di rugiada ancora acerbe
sul finire dell’estate fra le
tue palme intingeranno
di rosso la tua pelle
e dopo il fermentar
il succo delizierà il palato
dei cantori anziani,
accompagnati dalla
musica delle cicale.
I boccioli cominciano a ricamare le vigne,
e tu, Madre seduta sotto il pergolato,
con le tue guance bruciate dal sole:
Sei primavera che cela il cielo
in attesa che le foglie lo ricoprano.

Cod 05: Antonio Fiore
Cuori che si raccontano

Oh leggiadra stella
di terra calpesta
se potessi
nel tuo cuore
dipingerei il mio cielo.
Coi miei occhi darei voce
ai reconditi tuoi pensieri
e silenzioso come la fievole pioggia
che non fa rumore mi poserei
dove il sole non brucia la tua pelle.
Con la luce del mio cuore
svestirei l’azzurro dei tuoi occhi
per dipingere in te i miei sogni,
ed insieme, in groppa alle ali del tempo
voleremo oltre l’immensità del nostro cielo.
E là, dove i sogni non hanno confini
e gli amori striati come i colori d’arcobaleno
si uniscono per sorreggere le nuvole,
noi due, sulle ali del cuore, e cullati dal vento
andremo dove c’è sempre il sole.

Bruno oggi parliamo di IL DISPARI

 Il Dispari 2016-08-15

 

Partecipazione antologie LENOIS

Il Dispari: una pagina per DILA

Il Dispari 2015 – 05 – 25

Il Dispari 2015 – 06 – 01

Il Dispari 2015 – 06 – 08

Il Dispari 2015 – 06 – 15

Il Dispari 2015–06–22

Il Dispari 2015–06–29

Il Dispari 2015-07-06

Il Dispari 2015-07-10 bus

Il Dispari 2015-07-13 foto

Il Dispari 2015-07-20

Il Dispari 2015-07-27 Sam – Zanarella

Il Dispari 2015-08-03

Il Dispari 2015-08-10

Il Dispari 2015-08-17

Il Dispari 2015-08-24

Il Dispari 2015-08-31

Il Dispari 2015-09-07

Il Dispari 2015-09-14

Il Dispari 2015-09-21

Il Dispari 2015-09-28

Il Dispari 2015-10-05

Il Dispari 2015-10-12

Il Dispari 2015-10-19

Il Dispari 2015-10-26

Il Dispari 2015-11-02

Il Dispari 2015-11-09

Il Dispari 2015-11-16

Il Dispari 2015-11-20

Il Dispari 2015-11-23

Il Dispari 2015-11-30

Il Dispari 2015-12-07

Il Dispari 2015-12-14

Il Dispari 2015-12-21

Il Dispari 2015-12-28

IL DISPARI 2016

Il Dispari 2016-01-04

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-25

Il Dispari 2016-02-01

Il Dispari 2016-02-08

Il Dispari 2016-02-15

Il Dispari 2016-02-20

Il Dispari 2016-02-22

Il Dispari 2016-02-29

Il Dispari 2016-03-07

Il Dispari 2016-03-14

Il Dispari 2016-03-21

Il Dispari 2016-03-29

Il Dispari 2016-04-04

Il Dispari 2016-04-11

Il Dispari 2016-04-18

Il Dispari 2016-04-22

Il Dispari 2016-04-25

Il Dispari 2016-05-09

Il Dispari 2016-05-16

Il Dispari 2016-05-23

Il Dispari 2016-05-30

Il Dispari 2016-06-06

Il Dispari 2016-06-13

Il Dispari 2016-06-20

Il Dispari 2016-06-27

Il Dispari 2016-07-01

Il Dispari 2016-07-04

Il Dispari 2016-07-11

Il Dispari 2016-07-18

Il Dispari 2016-07-25

Il Dispari 2016-08-01

Il Dispari 2016-08-08

Il Dispari 2016-08-15

Il Dispari 2016-08-22

DILA