In 600mila per “puliamo il mondo”

Da Roma, città simbolo di questa 23esima edizione, la grande mobilitazione collettiva per riappropriarsi e restituire alla città la sua grande bellezza deturpata da sporcizia e degrado “Puliamo il mondo” non è un’impresa per pochi. Ecco perché, questo week-end 600mila i volontari, di cui circa 300mila studenti, hanno preso parte alla più grande campagna internazionale di volontariato ambientale organizzata in Italia dal 25 al 27 settembre da Legambiente in collaborazione con la Rai.

Nella tre giorni di Puliamo il Mondo, ma anche nei giorni precedenti, cittadini, associazioni, studenti ed aziende, muniti di guanti e ramazza, in oltre 4.000 località dislocate in più di 1.700 comuni hanno liberato strade, piazze, parchi e litorali da ogni genere di rifiuti abbandonati e rottami, restituendo agli spazi urbani e alle aree verdi ordine, decoro e bellezza. Tra i rifiuti raccolti tanti oggetti di plastica, ma anche cartacce, bottiglie, rottami di  ogni tipo. Giunta alla 23esima edizione, Puliamo il Mondo è un appello alla socialità, all’attivismo, al senso civico e alla collaborazione, ma anche alla bellezza che deve tornare a essere il tratto distintivo delle città e dei territori. Cuore pulsante di questa edizione è stata quest’anno Roma, la città
delle grandi contraddizioni dove alla straordinaria bellezza si alterna troppo spesso degrado e sporcizia. Per tanti mesi, quest’anno, la Capitale è stata inoltre sotto i riflettori delle cronache nazionali: business dei rifiuti, corruzione e criminalità organizzata hanno scritto una pagina nera nella storia della Capitale. Ma la voglia di riscattarsi da tutto ciò e di riappropriarsi del territorio e della città per valorizzarli, difenderli dagli abusi e dal degrado, è tanta. A dimostrarlo le iniziative organizzate per questo week-end nella Capitale, tra le quali l’evento di punta al parco di Colle Oppio, dove è partita questa mattina la diretta Rai di Ambiente Italia in onda su Rai Tre. Nel parco romano, a due passi del Colosseo, i volontari hanno ripulito l’area e per l’occasione è stato allestito un laboratorio di riuso creativo per bambini. Tra i presenti Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente, Roberto Scacchi, Presidente di Legambiente Lazio, Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera e presidente onorario di Legambiente, Estella Marino, Assessore all’Ambiente del comune di Roma. Le telecamere di Ambiente Italia hanno seguito in diretta anche i volontari impegnati a Verona per ripulire l’area adiacente al Bastione di San Francesco, nella Piana del Sele (in Campania) dove hanno collaborato alla giornata di pulizia anche agricoltori e immigrati, a Cagliari e a Torino.

“Puliamo il Mondo – ha dichiarato Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente – non è solo un momento di aggregazione sociale, ma è soprattutto un modo per fare qualcosa di concreto per l’ambiente, per noi, per i nostri territori e le future generazioni. In questi anni nonostante tra le persone sia cresciuta l’attenzione e la sensibilità
sui temi ambientali e siano aumentate le esperienze virtuose in termini di green economy, in molte città si producono ancora troppi rifiuti, il degrado è all’ordine del giorno, senza contare i problemi legati ad esempio alla mobilità. Per affrontare le tante questioni ambientali, prima fra tutti l’emergenza climatica, è fondamentale che vi sia una partecipazione sociale e corale che includa tutti, politici, amministratori e cittadini. Una partecipazione e una mobilitazione che vogliamo rilanciare anche in vista del grande appuntamento della Cop21 di Parigi sui cambiamenti climatici, per ricordare ai grandi della Terra l’urgenza e l’importanza di arrivare ad accordo internazionale vincolante e ambizioso. Non possiamo permetterci un altro fallimento e altre delusioni come quelle che hanno segnato gli ultimi vertici mondiali sul clima”.

La mobilitazione collettiva di Puliamo il Mondo ha unito tutta la Penisola: dalla Valle d’Aosta alla Sicilia passando per Schio, Ferrara e Roviano (RM), dove è stata riqualificata una parte del tracciato della vecchia ferrovia Mandela-Subiaco. A Torino la squadra dei volontari ha ripulito il Parco Dora, l’ultimo grande parco nato in città che per Legambiente merita maggiore attenzione. In Umbria, a Perugia, Narni, Stroncone, Tuoro e Amelia, le scuole hanno strappato all’incuria cortili scolastici e parchi urbani come i Giardini del Frontone a Perugia, le Mura dell’Orno a Stroncone e Campo del Sole a Tuoro. A Roma, tra le altre iniziative di pulizia, i volontari hanno liberato dai rifiuti un tratto di pista ciclabile a ridosso del fiume Aniene, mentre sabato circa 50 volontari insieme a diverse scuole si sono dedicati alla pulizia di una parte del tracciato del Grab, il Grande raccordo anulare
delle bici. Ben partecipati anche gli eventi organizzati lungo il litorale romano per ripulire le dune di Capocotta e il borghetto dei pescatori a Ostia. E parlando di mare, questa mattina a Imperia, in occasione della partenza di Goletta Verde per la Marine Strategy realizzata con la collaborazione del Parco dell’Arcipelago Toscano e il sostegno del Ministero dell’Ambiente, è stata organizzata una speciale esercitazione anti-inquinamento marino grazie a una nave della flotta Castalia. Un impegno concreto per la difesa e la pulizia del mare.

In Abruzzo la settimana di Puliamo il Mondo si è aperta il 23 a L’Aquila, dove il Circolo Legambiente Abruzzo Beni Culturali, con le scuole cittadine, ha animato la pulizia del Parco del Sole adiacente la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, luogo di riferimento essenziale per i cittadini in attesa dei lavori di restauro della basilica. Le iniziative di Pescara e Paglieta hanno portato, invece l’attenzione sullo stato di emergenza ambientale in cui versano rispettivamente il fiume Pescara e il fiume Sangro. Le sponde dei due fiumi, già soggetti a un forte inquinamento delle acque, sono costellate di rifiuti, in alcuni casi di vere e proprie discariche. Tra le iniziative calabresi, a Cosenza i volontari e gli studenti del complesso di via Negroni e dell’istituto alberghiero hanno ripulito parte del centro storico all’altezza di Villa Vecchia con la collaborazione del comune e dello sportello star-up. A Ferrara è stato liberato dai rifiuti l’area intorno al “Parco della Libertà” e risistemate le panchine. A Milano Puliamo il Mondo ha preso il via a Cascina Nascosta nel Parco Sempione, la struttura di recente presa in gestione da Legambiente insieme ad altre associazioni.

Puliamo il Mondo ha sollevato l’attenzione anche sul tema della valorizzazione del territorio a partire dall’agricoltura e dai prodotti della terra. Ad esempio ad Eboli, nella Piana del Sele, è stata allestita nell’azienda agricola sperimentale regionale Improsta un’esposizione di prodotti locali di eccellenza con degustazione dei prodotti agricoli provenienti dagli orti urbani e sociali gestiti da Legambiente. Contemporaneamente, in collaborazione con Confagricoltura e con il supporto di alcune aziende agricole che hanno fornito trattori e altri mezzi, è stato liberato dalle tante microdiscariche un tratto di Strada provinciale Aversana tra Eboli e Battipaglia. All’evento erano presenti il Presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, il Presidente di Legambiente Campania Michele Buonomo e il Governatore della Regione Vincenzo De Luca. Tra le altre iniziative in programma nella Penisola: venerdì 25 il comune di Valenzano (FI), nel corso della Festa dell’Ambiente, ha chiamato all’opera i profughi ospitati dal Centro di Accoglienza della Caritas per la pulizia, insieme ad altri volontari, del Parco di Travalle. A Pistoia gli scout Agesci hanno collaborato con i bambini affetti da sindrome di Down dell’associazione
Il Sole per la pulizia degli argini del fiume Ombrone. Iniziative analoghe si sono svolte ad Ivrea (TO) dove volontari locali e migranti hanno lavorato insieme alla pulizia dei giardini del centro città; a Carmagnola (TO), dove è stata organizzata una pulizia in campagna per la mattina e una “cittadina” per il pomeriggio, hanno partecipato a Puliamo
il Mondo diversi richiedenti asilo. L’area di piazza Cincinnato a Milano è stata ripulita in collaborazione con Kenya House e una delegazione del Kenya. A Siracusa, infine, è stato prezioso il contributo di AccoglieRete, associazione che opera in favore dei “Minori Stranieri Non Accompagnati” arrivati in Italia.

Cospicua la partecipazione delle aziende, a conferma di un trend iniziato lo scorso anno e indice di una sensibilità crescente delle imprese verso le tematiche legate alla tutela dell’ambiente. Quest’anno hanno partecipato a Puliamo il Mondo UPS, CA Technologies, NOVARTIS, Hp, AON Spa, BUREAUXVERITAS, Palladio Zannini, Zurich, Zenithoptimdia,
Baxter, DHL Supply Chain Italy, DHL Global Forwarding (Italy) Spa, Mylan. Consolidata la collaborazione con la Rai e con le imprese federate a Utilitalia e Fise-Assoambiente, nonché con le aziende e i consorzi come Ecodom, che ha donato materiali agli alunni e studenti di tutta Italia, Ecotyre e Hankook, che si sono fatte carico del ritiro gratuito dei pneumatici fuori uso laddove vi sono state raccolte straordinarie. Anche quest’anno si è rinnovato l’impegno e la partecipazione di Snam, che ha donato a 4000 volontari in 77 località nazionali il kit di pulizia, insieme a nuove aziende che nel loro piccolo si sono fatte carico di acquistare e donare pacchi per le scuole.

Il discorso del Papa all’ONU

[Agi] Arrivato al Palazzo di Vetro Con dieci minuti di anticipo sull’orario previsto, Papa Francesco ha avuto un incontro con il segretario Generale delle Nazioni Unuite prima di iniziare il suo intervento all’Assemblea, durato quasi un’ora.
Questi i punti salienti del suo discorso:

16.04 Tutelare Paesi poveri da debito estero che li sottomette “Gli organismi finanziari internazionali devono vigilare in ordine allo sviluppo sostenibile dei Paesi e per evitare l’asfissiante sottomissione di tali Paesi a sistemi creditizi”

16.08 Esiste un vero “diritto all’ambiente” “Occorre affermare che esiste un vero ‘diritto dell’ambiente perche’ come esseri umani facciamo parte dell’ambiente. Viviamo in comunione con esso, perche’ l’ambiente stesso comporta limiti etici che l’azione umana deve riconoscere e rispettare”

16.09 Nessuno calpesti gli altri sentendosi onnipotente “La limitazione del potere e’ un’idea implicita nel concetto di diritto”. “Dare a ciascuno il suo, secondo la definizione classica di giustizia, significa che nessun individuo o gruppo umano si puo’ considerare onnipotente, autorizzato a calpestare la dignita’ e i diritti delle altre persone”

16.12 Il grido in difesa dei poveri “L’ambiente naturale e il vasto mondo di donne e uomini esclusi rappresentano due settori intimamente uniti tra loro, che le relazioni politiche ed economiche preponderanti hanno trasformato in parti fragili della realta’”

16.23 C’e’ l’urgenza di un’azione contro tratta e narcotraffico “Tratta degli esseri umani, commercio di organi e tessuti umani, sfruttamento sessuale di bambini e bambine, lavoro schiavizzato, compresa la prostituzione, traffico di droghe e di armi, terrorismo e crimine internazionale organizzato: ampi settori sono senza protezione, vittime piuttosto di un cattivo esercizio del potere”.

16.30 Contro i falsi diritti, colonizzazioni ideologiche “Oggi il panorama mondiale ci presenta molti falsi diritti. Una colonizzazione ideologica mediante l’imposizione di modelli e stili di vita anomali estranei all’identita’ dei popoli e, in ultima analisi, irresponsabili”.

16.36 Soddisfazione per accordo sul nucleare iraniano “Il recente accordo e’ una prova delle possibilita’ della buona volonta’ politica e del diritto, coltivati con sincerita’, pazienza e costanza”.

16.37 Necessaria un riforma dell’Onu, adattamento ai tempi “L’esperienza di questi 70 anni, al di la’ di tutto quanto e’ stato conseguito, dimostra che la riforma e l’adattamento ai tempi sono sempre necessari, progredendo verso l’obiettivo finale di concedere a tutti i Paesi, senza eccezione, una partecipazione e un’incidenza reale ed equa nelle decisioni”.
16.42 Corruzione rende meno credibili governi e chiese “Forme di corruzione sono penetrate nei diversi livelli della vita sociale, politica, militare, artistica e religiosa, generando, in molti casi, una struttura parallela che mette in pericolo la credibilita’ delle nostre istituzioni”

16.58 All’Onu serve esame coscienza su Ucraina, Siria e Iraq “Un serio appello ad un esame di coscienza di coloro che hanno la responsabilita’ della conduzione degli affari internazionali e’ necessario non solo nei casi di persecuzione religiosa o culturale, ma in ogni situazione di conflitto, come in Ucraina, in Siria, in Iraq, in Libia, nel Sud-Sudan e nella regione dei Grandi Laghi”

17.04 Mezzi pacifici per proteggere i cristiani “La piu’ elementare comprensione della dignita’ umana obbliga la Comunita’ Internazionale a fare tutto il possibile per fermare e prevenire ulteriori sistematiche violenze contro le minoranze etniche e religiose e per proteggere le popolazioni innocenti”.

Domenica ecologica di Parigi

Francia: nessuna auto nel centro di Parigi, domani Domenica 27 settembre, dove gli arrondissement del centro e le zone piu’ turistiche saranno off-limits per le automobili dalle 11 alle 18. Nel passato la ‘ville lumiere’ aveva deciso la chiusura di alcune strade al traffico ma non era mai stata indetta un’intera giornata a piedi per aree così vaste del centro cittadino. Il sindaco socialista, Anne Hidalgo, ha spiegato a Le Parisien che l’obiettivo e’ dimostrare che ‘Parigi puo’ operare anche senza automobili’. Lo scorso dicembre la Hidalgo aveva proposto di bandire entro 5 anni dalla capitale francese – che a dicembre ospitera’ l’attesa conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici – i veicoli diesel costruiti prima del 2011. 

fonte: Repubblica.it

Rai 1: ancora un ottimo risultato per Tale e Quale Show, share del 22.87%

Ancora un ottimo risultato per ‘Tale e quale show’ che ieri, 25 settembre su Rai1, ha vinto la prima serata con 4 milioni 913mila spettatori e uno share del 22.87%.

Le vincitrici della terza puntata sono state a pari merito Bianca Guaccero, che ha interpretato Mia Martini, e Karima, nei panni di Amy Winehouse.

La quarta puntata di Tale e Quale Show andrà in onda venerdì 2 ottobre alle 21.20 su Rai1, offrendo al pubblico una buona dose di adrenalina mista a divertimento e tante nuove trasformazioni. Francesco Cicchella sarà Stash, il giovanissimo talento dei The Kolors, mentre Sergio Friscia darà il massimo per raggiungere la vocalità prorompente di Giuliano Sangiorgi. Il duetto della serata vedrà protagonisti Laura Freddi e Savino Zaba, chiamati a interpretare due stelle internazionali, Nicole Kidman e Robbie Williams. Un tuffo nella tradizione per la giovane Karima che si calerà nei panni dell’Aquila di Ligonchio, Iva Zanicchi, mentre Giulia Luzi dovrà incarnare la poetica intensità di Elisa. Massimo Lopez sarà alle prese con un mito della canzone italiana, Johnny Dorelli, mentre Cosima Coppola sarà la sensuale popstar latino-americana Jennifer Lopez. Interpretazione al femminile per Walter Nudo che dovrà portare in scena la trasgressiva Cher; stesso ma inverso destino anche per Bianca Guaccero, che dovrà trasformarsi nell’icona immortale Michael Jackson. Si torna in Italia con Max Giusti ed Elena Di Cioccio, che diventeranno rispettivamente Pierangelo Bertoli e Ivana Spagna.  

La “mission impossible” in duetto di Gabriele Cirilli e del suo misterioso “braccio destro” sarà una sfida tutta italiana, che li porterà sul palco come Paola & Chiara.

L’Eredità: un concorrente campano sbanca il montepremi di Rai1

Ha vinto circa 45mila euro al gioco televisivo L’Eredità in onda ogni giorno su RaiUno. Parliamo di Giuseppe Vittrio De Chiara, un ragazzo di Marcianise.

Nella puntata andata in onda ieri sera, con la sua bravura ed un po’ di fortuna, il giovane marcianisano ha vinto la consistente cifra. La gara è stata molto serrata e Giuseppe Vittorio De Chiara, molto noto in città, ha saputo rispondere alle domande via via poste nel corso del quiz eliminando gli altri concorrenti.

Alla «Ghigliottina» è riuscito ad indovinare la risposta con la parola «paziente». De Chiara, noto in città come Peppe o come il «Bastonatore» per la sua vena caustica con cui commenta le vicende locali sui social network, lavora come impiegato ed è uno storico dell’arte. Da Marcianise in tanti hanno tifato per lui lasciando anche molti commenti entusiastici sul suo profilo facebook.

Ad accompagnare De Chiara, la compagna Milena, che è stata più volte coinvolta dal conduttore tv scherzando e scambiando anche battute con lo stesso concorrente. Ora De Chiara potrà continuare nella puntata lunedì prossimo la sua avventura nel programma campione assoluto di ascolti nella fascia che precede il Tg1 di prima serata.

Meteo: dalla prossima settimana in arrivo freddo e maltempo

“Importanti novità per la prossima settimana, quando l’Italia verrà interessata da aria più fredda e anche da una nuova ondata di maltempo” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega – “Aria fredda dalla Russia dilagherà infatti sull’Europa centrale, dove le temperature saranno in drastico calo su valori quasi invernali, interessando però marginalmente anche l’Italia. Temperature giù in particolare al Nord e sul medio versante adriatico, dove saranno sotto le medie del periodo con massime che potranno anche non superare i 17-18°C; qualche grado in più altrove, specie sui versanti tirrenici. Le minime notturne potranno scendere localmente anche sotto gli 8-9°C in pianura, specie laddove i cieli si manterranno sereni, mentre sulle Alpi si potranno avere le prime gelate a quote medio-basse (ovvero fin sotto i 1500m).”

“La Valpadana e le regioni adriatiche vedranno inoltre nubi frequenti, mentre si prospetta un intenso peggioramento entro giovedì 1 Ottobre” – prosegue l’esperto – “Per un vortice ciclonico mediterraneo che dal Nord Africa muoverà verso le nostre regioni, portando condizioni di maltempo con tutta probabilità al Centrosud. La situazione è da monitorare attentamente, in quanto saranno possibili piogge anche di forte intensità con locali criticità; il consiglio dunque è quello di seguire tutti gli aggiornamenti previsionali”.

“Nel frattempo l’ultimo weekend di Settembre vedrà un tempo spiccatamente variabile, con qualche pioggia possibile al Sud e adriatiche, ma comunque localizzata, e tempo più soleggiato su Liguria e Toscana. Il tutto in un contesto termico abbastanza mite sulle tirreniche, fresco sulle adriatiche” – conclude l’esperto.