Vaffà Caremar – Per la serie Esopo news

Vaffà Caremar

La pazienza è finita


Per la serie Esopo news

La storia è questa

In un giorno di pioggia sono arrivato con mia moglie a Pozzuoli per sbarcare a Ischia con il traghetto della Caremar delle ore 14.

Prima tappa: biglietteria, piuttosto distante dalla nave e situata in un bugigattolo privo di qualsiasi confort per i passeggeri (la bigliettazione avviene attraverso una fila che si snoda all’aperto in un piazzale privo finanche di una pensilina). Chiedo molto chiaramente due biglietti per Ischia. Pago e ci avviamo verso la nave.

Seconda tappa: all’imbarco il marinaio addetto all’obliterazione ci chiede i documenti per controllare il nostro diritto allo sconto residenti. Li legge e vede che siamo di Ischia… ma ci contesta il particolare che i biglietti sono per Procida e non per Ischia e ci impone di andarli a cambiare. Chiedo quale sia la differenza di prezzo tra le due fermate e lui risponde che il prezzo è perfettamente uguale! Allora tento di convincerlo a non costringermi ad un inutile, faticoso e disagevole ritorno alla biglietteria per un cambio di biglietto che non porta nessun beneficio alla Compagnia di navigazione e lui, irremovibile, cede solo alla mia richiesta di chiedere il parere dell’ufficiale presente sul portellone. L’ufficiale conferma il comportamento del marinaio e sono costretto a tornare alla biglietteria sotto una pioggia piuttosto consistente, attraverso una strada piena di laghetti e buche varie.

Terza tappa: di nuovo alla biglietteria io (sotto la pioggia) faccio educatamente notare alla ragazzuola (al calduccio del suo casotto che si sta gingillando con un iphone) che ha sbagliato a darmi il biglietto poiché avevo chiesto Ischia e non Procida. Lei mi guarda con molto scetticismo come a voler dire “Ma fammi il piacere, sei tu il rimbamba” e passa alla tastiera del pc per effettuare il cambio… poi scoppia a ridere. -“Perché ride?” – “Perché c’era la tastiera bloccata e di questi biglietti sbagliati chi sa quanti ne ho fatti ahahaha!”.

Quarta tappa: sono tornato sul portellone della nave, ho consegnato i biglietti corretti allo stesso marinaio, gli ho riferito l’errore della ragazzuola e mi aspettavo almeno un “Ci scusi” che puntualmente NON è stato pronunciato e certamente neppure pensato.

Quinta tappa: sono qui sul web e chiedo al web se sbaglio urlando FANCULO CAREMAR!

LA TRATTA DELLE NIGERIANE IN UN LIBRO DI ISOKE AIKPITANYI

LA TRATTA DELLE NIGERIANE IN UN LIBRO DI ISOKE AIKPITANYI

LA TRATTA DELLE NIGERIANE

LA TRATTA DELLE NIGERIANE

L’evento “Incontro con gli autori e artisti” ospita la scrittrice ex vittima della tratta

Sabato 2 dicembre alle ore 17.00.

Ugo De Angelis

Al Museo della Terra Pontina si terrà il terzo evento mensile: “Incontro con gli autori e artisti”, organizzato dalle Associazioni PF presentefuturo e Beethoven.

Porgeranno il proprio benvenuto Manuela Francesconi Direttrice del Museo e Claudio Moscardelli.

Sarà presente con un suo intervento l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Latina Patrizia Ciccarelli.

Daranno il loro contributo all’evento l’Associazione di Promozione Sociale “Gianni Ballerio” e Karubo Società Cooperativa Sociale Integrata Arl di Sezze che si occupa di donne vittima di tratta, mentre Assunta Gneo e Ugo De Angelis introdurranno l’ospite che questo mese di Novembre sarà proprio la scrittrice Isoke Aikpitanyi con il suo libro: “Le ragazze di Benin City. La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d’Italia”.

Isoke è stata insignita di vari riconoscimenti, tra cui il Premio Martin Luther King e il Premio Future.

Isoke è una ex vittima della tratta delle ragazze nigeriane che lotta per salvarle dalla schiavitù sessuale, lei ce l’ha fatta, è riuscita a scappare via da quell’inferno scampando alla morte, si è ribellata ai trafficanti ed oggi è una donna libera ed è sposata con Claudio Magnabosco.
http://www.huffingtonpost.it/2014/03/20/magnabosco-ex-cliente_n_4998105.html

Nel suo libro – “Le ragazze di Benin City. La tratta delle nuove schiave dalla Nigeria ai marciapiedi d’Italia” scritto a quattro mani con la giornalista di Panorama Laura Maragnani – racconta una realtà che la nostra società fa finta di non vedere ma che purtroppo esiste ed è visibile in tutta la sua tremenda realtà.

Isoke ore è presidente dell’associazione “Vittime della tratta”

che promuove iniziative finalizzate a contrastare lo sfruttamento sessuale riuscendo ad aiutare centinaia di ragazze a liberarsi dalla tratta, denunciare i propri sfruttatori e ricostruirsi una vita.

Ha pubblicato un secondo libro – “500 storie vere. Sulla tratta delle ragazze africane in Italia” in cui hanno un loro significativo contributo: il Dipartimento per le pari opportunità, lo scrittore Roberto Saviano, i musicisti Michael Nyman e David Mc Almont,l’artista americana Martha Rosler.

Oggi insieme a tante ragazze ha costituito un’associazione che ha aperto case di accoglienza in diverse città italiane dove si aiuta chi ancora subisce violenze, soprusi e abusi della criminalità.

La storia di Isoke Aikpitanyi è andato in onda in prima serata nel programma “La tredicesima ora Le scelte che hanno cambiato la vita RAI 3 commentato da Carlo Lucarelli che racconta l’attimo che cambia il destino

http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-8e389c98-3479-4e4e-88b9-c062974f3b3b.html

Alcuni brani del libro verranno interpretati nella performance artistica reading dagli attori Gina Ragazzo e Nicola Pagano, dove riappaiono storie coinvolgenti ma anche molto drammatiche e cruente, per questo gli organizzatori in questa prima parte della presentazione del libro consigliano la partecipazione ad un pubblico adulto.

Comunque questo connubio teatrale e letterario e artistico, spiegano gli organizzatori sicuramente stupirà gli spettatori anche nella seconda parte in una magica atmosfera di musica con il maestro Luka Hoti, la performance canora di Sabrina Fardello e la Piccola Orchestra Flauti della scuola primaria Matteo Domini di Sermoneta .

Oltre all’ingresso libero, alla conclusione dell’evento è previsto un buffet.

Pubblicato da Bruno Mancini, presidente Associazione culturale Da Ischia L’Arte – DILA”  per indicazione di Angela Maria Tiberi presidente della sede operativa DILA di Pontinia.

NORMA: CONVEGNO GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

NORMA: MILENA PETRARCA, ANGELA E FLORA RUCCO ESPONGONO IN OCCASIONE del convegno “MAI PIÙ DA SOLA!” Assistenza e tutela delle donne in caso di violenza

Figlia d’arte, nata a Pozzuoli, ma attiva tra Latina e New York dove ha esposto in diverse rassegne e organizzato a New York il Cinquecentenario di Cristoforo Colombo con personali e collettive che le è valso il prestigioso riconoscimento “Artistic Achivement Award Gallery”, Milena Petrarca, oltre ad essere una pittrice di successo conosciuta non solo in Italia, ma soprattutto in America, è scultrice raffinata e poetessa dalla particolare sensibilità che racconta dell’uomo e delle sue emozioni tra passioni e speranze, gioie e

Norma convegno Mai più da sola giornata del 25 novembre e mostra d’arte con Milena Petrarca Angela e Flora Rucco

malinconie. Presenti nei musei italiani e americani e nelle collezioni più prestigiose americane, francesi, inglesi e cinesi, le sue opere racchiudono un qualcosa di magico che proietta verso una realtà sospesa tra sogno e poesia, immaginazione e mistero descritta attraverso figure femminili legate a miti, leggende, ma anche attraverso i paesaggi che ripercorrono luoghi a lei cari come le vedute delle coste campane e laziali.

Le figure femminili di Milena Petrarca raccontano mistero e nostalgia, sgomento e paura, ma anche dolcezza e sensualità della donna nel suo mostrarsi forte e fragile, solare e malinconica Milena Petrarca pe la sua capacità di restituire con grande sensibilità attraverso colori intensi e luminosi la bellezza e l’armonia dell’universo femminile palpitante di emozioni espresse in sguardi, gesti che svelano nostalgia, coraggio, passione e mistero, è stata invitata dal Comune di Norma (Latina) ad esporre le sue opere insieme ad Angela e Flora Rucco in occasione del convegno “Mai più DA sola!” -Assistenza e tutela delle donne in caso di violenza che si svolgerà il 25 novembre Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Norma convegno e mostra di Milena Petrarca Angela e Flora Rucco. Milena e il suo dipinto Fanciulla violata

Il convegno, promosso dal Comune di Norma, dall’Assessorato alle Pari Opportunità e organizzato dalla Consulta delle donne di Norma, che avrà luogo presso l’Aula consiliare a partire dalle 17.00 propone un ricco e interessante programma che sarà introdotto dalla Sig.ra Luciana Lidano, Presidente Consulta delle donne di Norma. Dopo i saluti istituzionali del Sig. Gianfranco Tessitori Sindaco di Norma, e della Dott.ssa Elisa Ricci Vice Sindaco di Norma, seguiranno gli interventi del Dott. Mario Mellacina Primario Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera “Santa Maria Goretti” di Latina; della Dirigenza Superiore Polizia di Stato della Questura di Latina; Comando Provinciale dei Carabinieri di Aprilia; dell’Avv. Maria Antonietta Cestra Socia fondatrice della sezione FIDAPA Latina– Sermoneta; della Dott.ssa Carmela Cassetta Delegata ANCI Lazio, “Valigia Salvamamme”; e della Dott.ssa Irene Zara Psicologa-Psicoterapeuta, Responsabile Servizi Cooperativa “Utopia 2000. A moderare gli interventi sarà la Dott.ssa Teresa Faticoni, giornalista.

Nel corso dell’evento si potrà assistere a momenti musicali a cura del Centro musicale Orfeo e ammirare la suggestiva esposizione dei dipinti di MILENA PETRARCA, Angela e Flora Rucco.

Pur trattando diversi tematiche Milena Petrarca si sofferma con particolare attenzione sul tema della donna restituendo immagini sinuose e vibranti di luce che catturano attraverso sguardi e gesti proiettando il pensiero verso desideri lontani eppure possibili che parlano d’amore per la natura per l’uomo e l’intero

Norma convegno Mai più da sola
dipinto di Milena Petrarca Farfalla ferita

l’universo. Figure dai corpi aggraziati e sinuosi in cui si avverte armonia ed eleganza, candore e sensualità a raccontare storie di miti e leggende, di amori delusi e ritrovati, ma anche di amori perduti e di violenze come in “Fanciulla violata” e “Fanciulla dal fiore in bocca cancro di una vita strappata” dipinti dal forte impatto visivo ed emotivo che racchiudono tutto il dolore che le donne portano con sé dopo aver subito violenza: dolore impresso negli sguardi, nel corpo in cui si legge paura e smarrimento, ma anche voglia di ritornare a vivere.

Le donne di Milena Petrarca appartenenti al mondo sacro e profano, dalla carnagione luminosa sembrano l’incarnazione dei Miti antichi che proiettano in un mondo da sogno, quasi magico dove tutto può accadere. Donne in armonia con la natura e quanto le circonda come nelle figure legate alla Primavera in cui tutto rinasce a nuova vita. Quando dipinge Milena Petrarca è catturata da profonde emozioni, a riguardo afferma: “…..è tutto naturale ed inconscio …quando dipingo sono presa da profonde emozioni che cerco di afferrare e fissare nella materia cromatica con la velocità e la brillantezza di un raggio di sole ,tanto difficile a prendere… Il momento creativo è come un miracolo dove sensazioni bellissime ti rapiscono e le senti anelare in tutto il tuo spirito LA VITA, incomincia a palpitare e ti lasci prendere come in un sogno irreale dal turbinio di

Norma dipinto di Milena Petrarca Farfalla di fuoco

zampilli sfavillanti di colori che finalmente si chetano e si immortalano nell’opera attraverso il travaglio fisico e mentale del tuo processo creativo” . Nelle sue opere si avverte un nuovo modo di sentire il rapporto tra forma e colore: come lei stessa sottolinea si tratta di “un rapporto inedito tra forme e colori che permette d’inserire i personaggi nella composizione con una dinamica del tutto nuova ed originale:”

La donna nei dipinti di Milena Petrarca è portatrice di amore nel senso più ampio del termine: un amore che deve essere visto quale sentimento che unisce e consola, infonde forza e speranza per vincere odio e guerre, indifferenza e violenza, ipocrisia ed egoismi, E’ l’amore universale che consola e aiuta a superare il dolore, abbatte le distanze e supera le diversità ad incontrare l’altro.

Milena Petrarca, presente tra i più importanti artisti della corrente americana il “Realismo Magico” , in queste rappresentazioni di figure femminili racconta l’entusiasmo innanzi ai sogni in cui credere, ma anche nostalgia e tenerezza e quella paura per un senso di solitudine.

. Molti i premi ricevuti e le mostre realizzate tra l’Italia e New York. Vanno citate in particolare: la personale di pittura del 2009 alla Iadite Galleries a 413 Wall Street, la collettiva del 1992 (a New York) per il Cinquecentenario di Cristoforo Colombo presso la Galleria Paint and Brush a Manhattan e la personale di pittura del 1991al museo Meucci Garibaldi di New York. Da sottolineare tra i diversi successi con personali e collettive svolte durante l’anno in corso quello della mostra “Pittura Donna”. Mostra dedicata ad Artemisia Gentileschi presso il Bistrò Galleria—Apotecha — Art Port Solfatara di POZZUOLI chiusa lo scorso 30 settembre.

Tra le più note promotrici della cultura del Mezzogiorno in tutto il mondo, Milena Petrarca è ideatrice del famoso Premio Internazionale Magna Grecia Latina-New York, che si tiene a Latina e premia personalità del mondo della cultura e dell’arte italiana e straniera.

Silvana Lazzarino

 

 

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

CONVEGNO “MAI PIÙ DA SOLA!” -ASSISTENZA E TUTELA DELLE DONNE IN CASO DI VIOLENZA

Aula Consiliare del Comune di NORMA (Latina)

Sabato 25 novembre 2017 ore 17.00

ingresso libero

Altri articoli pubblicati su Emmegiischia da Silvana Lazzarino

http://www.emmegiischia.com/wordpress/ischia-patrizia-canola-al-museo-etnografico-del-mare/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roma-i-musei-si-aprono-alla-musica/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/miro-sogno-e-colore-a-bologna/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/massimiliano-bartesaghi-e-le-sue-prospettive-urbane/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/98293-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/la-belle-epoque-con-toulouse-lautrec-a-verona/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/torre-grossa-a-san-gimignano-un-viaggio-nel-medioevo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/eugenia-serafini-e-valerio-bocci-a-tolfarte/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/stargate-di-fabio-viale-a-pietrasanta/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/lettura-interattiva-con-magic-blue-ray/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/97273-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/morhena_-solo-un-po-di-rabbia-e-gia-un-successo/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/artemisia-gentileschi-e-milena-petrarca-a-pozzuoli/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/fulvio-bernardini-al-micro-arti-visive-di-roma/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/dispari-2017-06-12/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/gioco-damore-di-angela-tiberi-a-pontinia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/menzione-donore-silvana-lazzarino/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/uno-lo-street-artist-che-rielabora-lo-stile-pop/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/96784-2/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/grande-successo-a-latina-per-il-premio-magna-grecia/

http://www.emmegiischia.com/wordpress/walter-guidobaldi-e-il-suo-mondo-fantastico/

Articoli pubblicati su ildispari24.it da Silvana Lazzarino

http://www.ildispari24.it/it/freedom-manifesto-per-raccontare-limmigrazione/

http://www.ildispari24.it/it/giornate-europee-del-patrimonio-a-villa-giulia-museo-nazionale-etrusco/

http://www.ildispari24.it/it/daniel-gonzalez-imaginary-country-a-milano/

http://www.ildispari24.it/it/egle-budvytyte-tra-ciglia-e-pensiero-in-mostra-a-roma/

http://www.ildispari24.it/it/festival-remover-roma-con-santiago/

http://www.ildispari24.it/it/festival-del-giornalismo-culturale-v-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/alba-gonzales-e-il-premio-pianeta-azzurro-i-protagonisti-xvi-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/mao-jianhua-una-suggestiva-mostra-al-complesso-del-vittoriano/

http://www.ildispari24.it/it/andrea-trisciuzzi-realizza-il-premio-per-il-primo-memorial-oliviero-beha-assegnato-a-filippo-simeoni/

http://www.ildispari24.it/it/premio-nazionale-musa-dargento-2-edizione/

http://www.ildispari24.it/it/rassegna-internazionale-arte-e-letteratura-a-cava-de-tirreni/

http://www.ildispari24.it/it/la-magia-del-colore-dei-dipinti-di-patrizia-canola-ad-ischia/

http://www.ildispari24.it/it/musica-nei-musei-a-roma-tra-classica-e-popolare/

http://www.ildispari24.it/it/solidarieta-e-spettacolo-con-il-photofestival-attraverso-le-pieghe-del-tempo/

http://www.ildispari24.it/it/miro-sogno-e-colore-in-mostra-a-bologna-palazzo-albergati/

http://www.ildispari24.it/it/geometrie-urbane-gli-scatti-di-bartesaghi-a-villa-sarsina-anzio/

http://www.ildispari24.it/it/roberto-barni-in-mostra-alla-galleria-poggiali-di-pietrasata/

 

 

Imponente operazione della Guardia Costiera

Imponente operazione della Guardia Costiera

A Ischia, nel porto, è in corso un’imponente operazione di controllo da parte della Guardia Costiera sulla paranza Tempesta IV.

Circa una decina di militari stanno esaminando documenti, permessi ed il pescato pronto per essere messo in vendita.

Alcune cassette di orate sono state sottoposte ad attento controllo metrico per definirne la liceità degli standard  previsti per la cattura di tale tipologia di pesce.

Due militari, senza fornirci alcuna spiegazione, ci hanno chiesto di interrompere la ripresa video delle operazioni di controllo nelle quali sono impegnati i loro colleghi.

Seguono aggiornamenti

Imponente operazione della Guardia Costiera

Cioè: la ridicola (se non fosse surreale)

imponenza dell’operazione messa in atto nel porto di Ischia il 9/11/2017 dalla locale Guardia Costiera è consistita nell’impegnare una decina di militari sul campo oggetto di controllo (la spellacchiata paranza “Tempesta IV ” operante con 3/4 addetti tra Ischia e dintorni), ai quali vanno aggiunti un numero imprecisabile di militari attivi negli uffici addetti al supporto dell’operazione… ottenendo il risultato di poter “vantare” (così come è già accaduto in altre precedenti occasioni) di aver misurato e sequestrato una manciata di pesciolini sotto misura!

Surreale, eppure preciso indice di inefficienza e di spreco delle risorse pubbliche assegnate (affidate?) alla guardia Costiera operante sull’isola d’Ischia.

Io penso che la pesca illegale e il bracconaggio marino vadano contrastati in ogni modo.

Io penso che le leggi italiane siano conformi al raggiungimento di tali obiettivi.

Io penso che l’attività eventualmente illegale della spellacchiata paranza Tempesta IV poteva essere controllata senza lo spiegamento di una tasx force degna dell’assalto a Fort Alamo

Io penso che i cittadini italiani abbiano il diritto di documentare e di divulgare tutte le attività messe in atto dagli organi di controllo e di contrasto all’illegalità.

Io penso che nessuno dei lavoratori/funzionari/dirigenti, comunque dipendente dello Stato Italiano (seppure inserito nelle strutture operanti per la tutela e la difesa della legalità), possa chiedere di non registrare le fasi di un’operazione di controllo nella quale egli stesso sia impegnato.

A me è capitato che non uno, ma ben due militari della Guardia Marina operanti durante il controllo nel porto di Ischia della spellacchiata paranza Tempesta IV mi abbiano intimato di non riprendere la scena dell’operazione in corso.

Il video è a disposizione di chi voglia controllare il contenuto del mio post.

Scampagnata nel lusso: G7 G10 delegazioni presenti a Ischia

Scampagnata nel lusso: G7 G10 Ischia

Per la serie Esopo news

Scampagnata nel lusso

Per le scampagnate nel lusso del Castello Aragonese

Scampagnata nel lusso

e dell’Hotel Punta Molino di Ischia,

graziosamente organizzate dal ministro degli Interni della Repubblica italiana Marco Minniti (G7 Ischia), si sono aggiunte, alle iniziali sette delegazioni delle super Nazioni tutrici della pace e della civiltà mondiale (Canada, Francia – potenza nucleare -, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito – potenza nucleare -, e Stati Uniti d’America-potenza nucleare -.), dapprima due delegazioni della UE (Nazione? Stato? Confederazione? Associazione lobbistica? Ideologia distrutta?) ossia il Commissario Europeo per le Migrazioni, gli Affari Interni e la Cittadinanza Dimitris Avramopoulos, e il Commissario Europeo per la Sicurezza dell’Unione Julian King; poi una delegazione dell’Interpool guidata dal Segretario Generale Jurgen Stock; ed infine si sono aggregati anche i vertici delle principali entità mondiali operanti nel web con il Vicepresidente degli affari europei di Microsoft, John Frank; il Capo delle politiche di contro terrorismo di Facebook, Brian Fishman; il Capo delle politiche pubbliche e di governo di Twitter, Nick Pickles; ed il Vicepresidente delle politiche pubbliche di Google, Nicklas Lundblad.

Tra gli abbracci e le strette di mano di benvenuto; una foto di famiglia; una passeggiata sul Castello Aragonese; la sistemazione, la cena il pernottamento e la prima colazione nello splendido Hotel lusso Punta Molino (o meglio un “pick up”); un secondo momento dedicato ai cineoperatori per la realizzazione di video e di foto da diffondere immediatamente ai popoli mondiali e da conservare per i posteri; una tazzina di caffè (o meglio un “coffee break”), un nuovo “pick up” finale; ebbene dopo tali stressanti e frenetiche attività le 7 + 3 + 4 delegazioni dovranno anche impegnare molto tempo per dare un senso alla loro permanenza a Ischia.

Così accadrà che il vertice G7 G10 + Web si svolgerà secondo il seguente orario:

20 Ottobre dalle 8:30 alle 10:30 (Prima sessione dibattito dedicato alla cooperazione in materia di contrasto al terrorismo, in particolare ai “Foreign Fighters”); dalle 11:00 alle 12:00 (Seconda sessione plenaria sul tema della minaccia terroristica attraverso l’utilizzo di Internet); dalle 12:00 alle 13:30 (Terza sessione con il working lunch… ossia un pranzetto fugace); dalle 13:30 alle 14:30 (Conferenza Stampa).

In totale meno di sei ore durante le quali le 10 delegazioni e le 4 Aziende mondiali si impegnano a discutere e trovare accordi relativi alla sicurezza e alla pace universale!

A conti fatti ciascuna delegazione non avrà più di 28 minuti per esprimere le proprie tesi.

Di cosa si nutriranno gli illustri ospiti durante la loro permanenza nella nostra isola d’Ischia?

Menu di mare per la cena di gala del 19 Ottobre 2017.

Hotel Punta Molino chef Arcangelo Arcamone:

Menu di terra per il lunch buffet, del 20 Ottobre 2017.

Hotel Punta Molino chef Arcangelo Arcamone:

«Le eccellenze del territorio dell’isola verde saranno al centro dei menu predisposti per il G7 dei Ministri dell’Interno, riuniti al Grand Hotel Punta Molino:

piatti di mare durante la cena di gala del 19 mentre il giorno dopo, per il lunch buffet, sarà servito un menu di terra. C’è tanta storia negli speciali piatti ideati per il summit dallo chef Arcangelo Arcamone, che punta innanzitutto a raccontare la tradizione della cucina campana e ischitana, come il maialino nero a rappresentare l’importante e forte impronta agricola della regione e i mezzi paccheri di Gragnano al sugo di pint”rre (dal napoletano: dipinto da re, per la bellezza dei colori). La donzella, tipico pesce da scogliera, viene pescato nei pressi della Baia di Punta Molino, proprio davanti al Castello Aragonese. “A fare la differenza – spiega lo chef – le materie prime impiegate, dal vino alle spezie e i prodotti a Km zero, con un’attenzione particolare rivolta al modo in cui il maialino è  stato allevato e il pesce pescato proprio nel nostro mare”. Un percorso enogastronomico che abbraccia tutti i prodotti che riassumono la ricchezza dell’isola e della regione. Non mancheranno infatti i simboli del territorio campano come la mozzarella di bufala dop, che sarà servita in ben tre consistenze e un legume molto particolare e di antichissima tradizione come la cicerchia, le nocciole di Giffoni, i taralli napoletani, gli asparagi selvatici dell’isola e il liquore Rucolino. Dessert: babà e sfogliatella. Ad accompagnare i pasti, i vini dei vignaioli dell’isola: il vino rosso Per’e Palummo cantine Tommasone, per il bianco la scelta è caduta su Villa Campagnano Cantine Antonio Mazzella e Pithecusa Bianco Cantine Tommasone. (ANSA).»

#versoilG7: ad Ischia 20 acquascooter della Polizia

Continua l’arrivo di mezzi delle Forze dell’Ordine che saranno impegnate in questa particolare settimana che vede la nostra isola protagonista di un quanto mai atteso G7.

Nel porto di Ischia sono stati ormeggiati 20 acquascooter della Polizia e motoscafi dell’arma.

#versoilG7: attesi 1800 uomini delle forze dell’ordine

Saranno 1800 gli uomini delle forze dell’ordine (Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza) impiegati per il G7 dei ministri degli Interni a Ischia. Sull’isola anche stamattina continua l’afflusso e lo
sbarco di uomini e mezzi disposti a protezione delle 10 delegazioni che parteciperanno ai lavori. In arrivo anche altre motovedette di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza che
opereranno nelle zone di mare delimitate “Alfa”, “Bravo”, “Charlie” a seconda della vicinanza o meno alla sede del G7 di Punta Molino.

 

#versoilG7: in arrivo 30 navi della Guardia di Finanza

Saranno di certo giorni molto movimentati per la nostra isola in vista del quanto mai prossimo G7 dei Ministri degli Interni. Tante le forze dell’ordine giunte sulla nostra isola e tanti anche i veicoli sia terrestri che marini. Presso il porto di Forio, domenica pomeriggio, ha fatto il suo ingresso un grande mezzo appartenente alla Guardia di Finanza (e ne sono in arrivo anche altri nei prossimi giorni), ormeggiato presso Marina del Raggio Verde. Nei prossimi giorni ne arriveranno molte altre per un totale di 30 imbarcazioni.

Domanda finale: “Si potrà mai sapere quanto è costata all’Italia questa scampagnata nel lusso?”

Bruno Mancini


G7 G 10-Grandi regali per Ischia

Scampagnata nel lusso: G7 G10 delegazioni presenti a Ischia

Le crepe G7 G10 Ischia

G7 G10 Ischia. L’incredibile esiste

G7 G10 Ischia. Presenza di elicottero anche in assetto antisommossa.

G7 G10 Ischia. Preannunciata la presenza degli “antagonisti: i centri sociali.

G10. Un grande regalo? Al posto degli uccelli volani gli elicotteri.

G10-Grandi regali

Ischia: spettacolare concerto musicale permanente! Elicotteri, aerei, ambulanze, centauri, clacson, sirene polizia, ancoraggi…  e inoltre processioni, campane, urla di protesta, allarmi di auto e di negozi impazziti, tifosi nei locali pubblici all’aperto, trivelle, martelli pneumatici, seghe elettriche, fuochi pirotecnici, tombini traballanti, altoparlanti su auto per pubblicità ecc. ecc.

G10-Grandi regali

Ischia: massiccio esodo migratorio di gabbiano. Troppi pericoli in volo!

G10-Grandi regali

Ischia: il profumo delle pinete? Solo un ricordo!

G10-Grandi regali

Ischia: il suono del mare sugli scogli? Solo un ricordo!

G10-Grandi regali

Ischia: assemblea generale dei pennuti. Probabile uso di kamikaze in difesa del loro regno celeste.

G10-Grandi regali

I centurioni occupano la villa dove visse Luchino Visconti!

G10-Grandi regali

Carmen sfrattata dalla sua villa per fare spazio ai cecchini!

G10 - Grandi regali per Ischia

G10-Grandi regali

Un grande regalo? Al posto degli uccelli volano gli elicotteri!

G10-Grandi regali

Domani sciopero EAV? G10 non vanno in CD né in CS!

G10-Grandi regali

I pedoni nelle strade indicate potranno circolare solo attraverso varchi controllati

G10-Grandi regali

G10-Grandi regali

Grazie per aver pensato a noi! Centauri YES! Centurioni YES! Quando i black bloc?

G10-Grandi regali

A Ischia, dopo i centauri arriveranno i centurioni.

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

Bruno Mancini

Esopo news

UE: inizia il mercato degli “Stati”?

Esistono sindaci e Sindaci – Quiz ischitani

Grazie x aver pensato a noi!

Squallore e ipocrisia dittongo per insulsi cervelletti di face

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

onorevoli e Parassiti – Esopo news

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Il vaccino sacro di Marcello Veneziani

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Ischia: a vergogna si aggiunge nuova VERGOGNA

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Lo squallore del centro TIM

Legalizzare l’illegale – Esopo news

Lampione stradale ischitano – Esopo news

Volumi vaganti

A Renzi: quello che non ha capito un finto scemo

L’incertezza della certezza

Cesare Di Scala scrive che…

Dall’America!

Feltrinelli. Oh! stupore

Il paradosso dei paradossi

Io sono l’accozzaglia.

1.000.000 un milione di dollari

Video:

Ridicolo cartello stradale pubblicitario

Pedofilia erotismo razzismo intorno San Remo?

L’Origine della natura morta in Italia

I paladini della sozzura

A caccia di cittadini polli non sono i casino online  

Divieto di sedersi

I marioli delle tasse

Rubandus

Video:

Bracconiere marino – Ischia 18 Marzo 2017

Chiese e operai a rischio

Video:

Ischia: la cascata di acqua marina, o quasi!

Ischia: la scomparsa degli abitanti

Pilomat-to blocca tutti! Piazza Eroi – Ischia

America Star Books: il falso mito dell’Editore!

Ischia: Galbani avariato nel DOK di De Siano

Lampione stradale ischitano 

Legalizzare l’illegale – Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

Lo squallore del centro TIM

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

La perfida della Guardia medica

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Pilomat-to blocca tutti!

Il gazzo ipocrita

La previsione del passato

Mezzanotte: l’ora dei fantasmi

La Banca dell’allegria

Disattivare sevizio a pagamento

A ruba

La maledizione del pilomat

In auto vado dove voglio

Problema

Il bus lo guido io

Interrogato il morto non rispose

Urina in faccia al Sindaco d’Ischia?

Tassa IMU per i loculi dei morti

Tre meglio di due

rel=”publisher”>Trovaci su Go

 

google+

Scritto da Bruno Mancini

Esopo news

Bruno Mancini scrittore

è nato a Napoli nel 1943 e risiede ad Ischia, dalla età di tre anni.

A lui piace dire che l’origine della sua ispirazione o forse solo un iniziale impulso ancestrale ed istintivo, il vero basilare momento poetico della sua vita, si è concretizzato nell’incontro, propriamente fisico, tra i suoi sensi acerbi, infantili, e le secolari, immutate, tentazioni autoctone dell’Isola d’Ischia, dove le leggi della natura sembravano fluire ancora difese da valori di primitive protezioni.
Anche se aggiunge, con molta auto ironia e con un pizzico di provocazione:

“Le mie primissime esternazioni poetiche le ho espresse in tenerissima età, quando ancora non avevo pronunziato per la prima volta la parola mamma, ed alla fine di ogni abbondante poppata liberavo graziose ispirazioni poetizzando mediante dei rimati vagiti“.

foto bru preferite 025
Antiche terme comunali – Salone delle feste  – Ischia 1964 Bruno Mancini legge poesie moderne

Recensione di Marina De Caro

Recensione di Roberta Panizza

Intervista a Michela Zanarella

Recensione di Liga Lapinska

Intervista di Michela Zanarella

PROSE

Per Aurora volume primo
Per Aurora volume secondo
Come i cinesi volume primo
Per Aurora volume terzo
Per Aurora volume quarto
Come i cinesi volume secondo
Per Aurora volume quinto
Per Aurora volume sesto
Così fu
La ch
Per Aurora- Tutti i racconti
Incontro con un maestro
Racconti inediti

POESIE
Davanti al tempo
Agli angoli degli occhi
Segni
Dedicate e preferite
La sagra del peccato
Incarto caramelle di uva passita
Non rubate la mia vita
Io fui mortale
Sasquatch
Non sono un principe
La mia vita mai vissuta
Inedite

Antologie

Scempi
Poesie inedite

Traduzioni

Inglese
Pamela Allegretto Franz

Napoletano: Luciano Somma

Lettone
Liga lapinska

Libere interpretazioni

Lettone:
Liga Lapinska

Esopo news

Recensioni

Stampa

Letture Bruno

Letture tuttti

Varie

Cenni biografici

Pacifismo

Eros edizioni

Video poesie

Canzoni

Canzone per San Valentino

Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore

Bruno Mancini scrittore

Brevi commenti amichevoli ricavati dalle varie recensioni ai suoi libri pubblicati:

“Vedo una folla che si muove compatta verso un’unica meta guidata dagli incitamenti di colui che punta il dito ed una penna, che crea volti per i sentimenti.”

“…si fondono nell’intero componimento in una prospettiva ampia che contempla l’umano, l’umano cammino. Ed è una Commedia, una Commedia divina in chiave poetica, in versi che sento anche io estremamente dolorosi, con il preciso intento di affidarli alla penna , che non li disperda ma li urli e li renda in qualche modo eterni”.

“… lodo quel senso di eco lontano che riverbera le parole enfatizzandone i concetti”.

“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”

“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”

“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”

“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”

“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”

“…seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.”

“…lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”

“ Bella poesia, con alti picchi in termini d’emozione e intensità.”

“…sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”

“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”

“Ed io invece, Bruno, ho letto a ritroso, prima la seconda parte, bellissima, ed ora la seconda, altrettanto splendida. Senso o non senso è una poesia dal forte impatto emotivo. Giochi con il lessico e le iterazioni, che adoro, ed è questa una delle poesie più belle che abbia letto qui dentro, quel genere di poesia che cerco e difficilmente poi trovo.
Mi domando come mai non ti abbia scoperto prima, Poeta??!!”

“Una poetica lacerata e sfuggente…”

“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”

“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”

“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”

“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”

“Sì, lasci molto lavoro a chi legge, eppure questo mi affascina della tua poesia, la afferri e ti sfugge: in essa ti perdi ed allora ti turba… e cerchi il senso e lo cogli e ti lascia poi subito in dubbio. Ma il dubbio stimola, ti coinvolge … Sperimentalismo? Se lo è, come credo, ben venga; io lo adoro.
Bravissimo. Vero artista.”

“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi…”

Prima dell’alba
regalami un verso
così che io possa
sfrontata babbuccia
ricamo sulla brina
imprimere.

Al sole tenero
Vederla piangere di gioia

Bruno Mancini

Info:

Bruno Mancini
Cell. 3935937717 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Acquista un libro 14 euro

Rai-tv-web

Laboratorio del falso

Laboratorio del falso

NASCE IL “LABORATORIO DEL FALSO” DALLA COLLABORAZIONE TRA UNIVERSITÀ E CARABINIERI DEL COMANDO TPC

Laboratorio del falso

Frutto della sinergia tra l’Università degli Studi di Roma Tre e il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC)

nasce il laboratorio del falso

Lo hanno annunciato nella conferenza stampa tenuta mercoledì 11 ottobre, il Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e il Prof. Mario De Nonno Direttore del Dipartimento degli Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Roma Tre.

L’iniziativa è finalizzata allo sviluppo della didattica e della ricerca scientifica nel campo dei beni culturali, come strumento per la diffusione della cultura della legalità e rafforzamento dell’azione costante di contrasto alla contraffazione e commercio delle opere d’arte non autentiche.

L’analisi statistica dei dati ci rivela il consistente aumento dei falsi sequestrati: 783 fino al mese di settembre scorso, per un valore stimato di oltre 167 milioni di euro a fronte dei 57 del 2016, a dimostrazione di come l’attività di falsificazione dei beni culturali continui ad essere un fenomeno in costante espansione.

Il “Laboratorio del falso”, struttura che sarà attivata all’interno dell’Università, effettueranno analisi stilistiche e condotti esami tecnici sugli artisti maggiormente soggetti alla contraffazione, per l’accertamento del “falso”, dei contrassegni identificativi della contraffazione e l’individuazione di possibili corrispondenze tecniche con altri casi in modo da delineare tecniche, procedure, sistemi per permettere di identificare l’autentico dal contraffatto anche a vantaggio dei potenziali acquirenti che potranno disporre di un sistema esperto che potrà consentirgli di evitare di incorrere in truffe e reati connessi.

Lucia Marchi, direttore della Biblioteca Medica Statale del MiBact, e Francesca Cappiello, della Direzione generale per la lotta alla contraffazione del Ministero dello Sviluppo Economico, hanno presentato una iniziativa volta alla diffusione e maggior conoscenza del fenomeno del “falso”.

Un ciclo di 15 conferenze

sul riconoscimento delle contraffazioni d’arte, dal titolo “L’arte non vera non può essere arte”.

Gli eventi si terranno nelle città sedi dei Nuclei TPC e quello conclusivo a Roma, presso la GNAM alla presenza dei massimi esperti del settore, a livello nazionale.

Assieme al singolo evento, ci sarà anche l’esposizione di esemplari di opere d’arte contraffatte confiscate dalle forze dell’ordine su tutto il territorio nazionale, così da sensibilizzare i compratori sulle misure da adottare per la valutazione di opere d’arte per evitare di incorrere in opere contraffatte.

Le sedi degli eventi:

Ancona, 4 ottobre 2017, ore 09:00
presso l’Auditorium della Mole Vanvitelliana
Per informazioni: tel. 071.201322 e-mail tpcannu@carabinieri.it

Perugia, 11 ottobre 2017, ore 17:30
Sala Conferenze della Galleria Nazionale dell’Umbria
Per informazioni: tel. 0754.4194 e-mail tpcpgnu@carabinieri.it

Palermo, 18 ottobre 2017, ore 09:00
Palazzo Belmonte Riso, sede del Museo Regionale d’Arte contemporanea
Per informazioni: tel. 091.422825 e-mail tpcpanu@carabinieri.it

Udine, 27 ottobre 2017, ore 18:00
Auditorium del “Palazzo Garzolini di Toppo Wassermann” sede della Scuola Superiore dell’Universita’ di Udine
Per informazioni: tel. 0432.504904 e-mail tpcudnu@carabinieri.it

Cosenza, 8 novembre 2017, ore 10:00
Sala “Giorgio Leone” presso il Palazzo Arnone, sede del Polo Museale della abria
Per informazioni: tel. 0984.795540 e-mail tpccsnu@carabinieri.it

Torino, 10 novembre 2017, ore 09:30
Auditorium Vivaldi Sala conferenze della Biblioteca Nazionale
Per informazioni: tel. 011.5217715 e-mail tpctonu@carabinieri.it

Cagliari, 15 – 16 novembre 2017, ore 09:30
Pinacoteca Nazionale di Cagliari
Per informazioni: tel. 070.307808 e-mail tpccanu@carabinieri.it

Genova, 16 novembre 2017, ore 11:00
Sala Conferenze dell’Archivio di Stato di Genova
Per informazioni: tel. 010.5955488 e-mail tpcgenu@carabinieri.it

Monza, 16 novembre 2017, ore 09:30
Villa Reale
Per informazioni: tel. 039.2303997 e-mail tpcmznu@carabinieri.it

Napoli, 20 novembre 2017, ore 10:00
Palazzo Reale – Sede Soprintendenza del Comune
Per informazioni: tel. 081.5568291 e-mail tpcnanu@carabinieri.it

Venezia, 22 novembre 2017, ore 10:00
Aula “Mario Baratto” presso l’Universita’ degli Studi Ca’ Foscari
Per informazioni: tel. 041.5222054 e-mail tpcvenu@carabinieri.it

Bari, 22 novembre, ore 09:00
Sala Multimediale del Castello Svevo
Per informazioni: tel. 080.5213038 e-mail tpcbanu@carabinieri.it

Firenze, 28 novembre 2017, ore 09:30
Teatro del Rondo’ di Bacco di Palazzo Pitti
Per informazioni e accrediti: tel. 055.295330 e-mail tpcfinu@carabinieri.it

Bologna, 29 novembre 2017, ore 10:00
Sala Monticelli del Comando Legione Carabinieri “Emilia Romagna”
Per informazioni e accrediti: tel. 051.261385 e-mail tpcbonu@carabinieri.it

Roma, 5 dicembre 2017
Galleria Nazionale di Arte Moderna (programma in corso di definizione) Conferenza conclusiva di livello nazionale.

LONGOBARDI.

NOTIZIE

Camilla Boemio Turbolence 5th Odessa Biennale of Contemporary Art

DILA & Nazionali

Penne Note Matite

Il Dispari: una pagina per DILA

DILA & Museo della Terra Pontina

DILA & Collana poetica

Dipingi EXPO

 YOUTUBE EMMEGIISCHIA

Scrivi poesie EXPO

DILA & Rubrica Eudonna

DILA & Il Sextante

MIBACT

Eventi culturali nell’isola d’Ischia dal 10 Maggio 2016

Ensemble vocale: I te vurria vasà
VI Qday Quilt Italia Campania
Mostra Fotografica Suggestioni in lith
Gioielli con sei zampe ad Ipomea del Negombo
Visite guidate alla Torre di Michelangelo
Giardini La Mortella: Incontri Musicali – Duo L. Georgievskaya – T. Schwan
GIORGIO MARIA GRIFFA ACQUERELLI
Ipomea del Negombo The dreamers tour of Sergio Bambarén 2016
Suggestioni in lith Luca Sorbo e Roberto Lagrasta incontrano Gino Di Meglio
Visita guidata al Palazzo Reale
Il disagio scolastico nell’infanzia e nell’adolescenza. La guida all’osservazione
Mangia Sano
Giardini La Mortella: Incontri Musicali – Evgeny Starodubtsev
A cena con Valerio Sgarra
Lacco Ameno in fiore premiazione
Giardini La Mortella: Incontri Musicali – Duo J. Lee – G. Troisi

Dipingi banner bozza1 - comp

 MANCINEIDE

Bruno EXPO 11

 DILA & Bookcity

Scrivi poesie EXPO

 DILA & EXPO in Città

EXPO Bruno 3

 Progetto Teleischia 2016-2017

DILA Otto milioni LITHO EXPO

 Qualcuno la chiama camorra

Nelle bugie EXPO

Teleischia Primo piano Bruno Mancini

Considerando la dovizia degli argomenti trattati, se ne consiglia la visione a tutti coloro che ritengano di avere a cuore le sorti della Cultura in generale e dell’Arte in particolare>>>>>

Amedeo Romano intervista Bruno Mancini

Teleischia logo comp

Il grande prestigio artistico dell’isola d’Ischia

DILA ha intenzione di creare un calendario annuale di eventi nel quale includere, di volta in volta, singole presentazioni di molti dei famosi personaggi che sono in qualche modo venuti in contatto con la nostra isola>>>

Scrivi racconti banner bozza 1 - comp

 Il Dispari: una pagina per DILA

Bruno oggi parliamo di eventi culturali

Museo del Mare & DILA

Alla ricerca dei percome

Una serie di articoli di denuncia sociale.
Esopo news, ovvero un modo moderno di favoleggiare mettendo in luce le scellerate
amministrazioni dei beni pubblici.
E non solo.Support independent publishing: Buy this book on Lulu.

Prezzo €12,00 (IVA esclusa)
Spedizione in 3-5 giorni ferialiAlla ricerca dei percome cop tutto 5 ok comp

 Alla ricerca dei percome

Foto eventi

Presentazione Antologia “La mia vita mai vissuta”

Pubblicazioni antologie

Premio pubblicazione

Pubblicità antologia “Otto milioni 2016”

Premi Otto milioni 2016

Bruno Mancini scrittore

Premio poesia “Otto milioni” 2016

Negozio di Bruno Mancini

Catalogo libri

Partecipazione antologie

Pubblicità

NOTIZIE

Eventi da

Ottobre 2017

Luglio 2017

Maggio 2017

Aprile 2017

Gennaio 2017

Novembre 2016

Ottobre 2016

Giugno 2016

Maggio 2016

Aprile 2016

Marzo 2016

Febbraio 2016

Febbraio 2016

Gennaio 2016

Dicembre 2015

Novembre 2015

Ottobre 2015

Settembre 2015

Agosto 2015

Giugno 2015

Maggio 2015

Aprile 2015

Marzo 2015

Febbraio 2015

Dicembre 2014

Novembre 2014

Ottobre 2014

Settembre 2014

22 Agosto 2014

5 Agosto 2014

Luglio 2014

Eventi dal 10 Giugno 2014

Maggio 2014

Aprile 2014

Gennaio 2014

Eventi 2014

Statistiche dal

10 Gennaio 2016

10 Dicembre 2015

8 MARZO: FESTA DELLA DONNA

La tv streaming lanostraisola si rinnova

LENOIS Aprile 2014

Eventi Natale a Procida 2013

Terremoto sull’isola d’Ischia 11 Dicembre 2013

Eventi Festività natalizie 2013-2014  Ischia

Evento del 27 Novembre 2013

Eventi dal 27 Novembre 2013

Bruno oggi parliamo di dall'italia alla lettonia

NOTTE DEI MUSEI

Lutto nazionale

Concerti di Giulio Menichelli

Campania – Luoghi aperti

Inaugurazione Casa della Cultura”Le mille porte” Hotel Parco Verde Ischia

Musei, aree e parchi archeologici aperti 6 Gennaio 2014

Personale pittorica Nunzia Zambardi Casa della Cultura “Le mille porte” Hotel Parco Verde Ischia

Concerti Giulio Di Lorenzo – Alessia Palomba

Presentazione Antologia “La mia vita mai vissuta”

Città di Siracusa

Premi

Don Backy

Inaugurazioni mostre

Auguri Natale 2112

SUBJECTS personale di Manuel Di Chiara.

Ciò che Caino non sa – Creato da Maria Teresa Infante e Bruna Cicala

Bus in avaria

Continua la distruzione

Pornografi bloccati

Foto eventi

DILA Otto milioni 2015

Maria Luisa Neri ad Ischia

Premi non ritirati

Facebook elimina account

I progetti

EXPO Milano

Shoah 27 Gennaio 2015 – DILA

Scempi ad Ischia –  Non solo spiagge e pinete

Scempi spiagge Ischia Natale 2014

Natale 2014 Mancini

Lulu – Posta ordinata gratis

Iscrizione omaggio DILA

Sconto 35% su tutti i libri cartacei Lulu.com

Artista Di Strada – La magia delle parole

Comuni d’Italia – Link

Tutti i venerdì apertura serale musei

Musei gratis ogni prima domenica del mese 

Costituita associazione culturale DILA “Da Ischia L’Arte”

Costituita associazione “Battiti di pesca”

Gran Galà “Otto milioni 2014

Gemellaggio

Circolo Sadul

Cronaca

Sport

Via dei poeti

Treno-nave

Eventi

Statistiche

Contatti

Politica

Reti d’impresa

Legali

Non gioco

Pagina base eventi IDC

Amici facebook 2013 – 05 – 26

Roberta Panizza Miramare 2010
Roberta Panizza

nella Commissione Cultura di Vermiglio

Un giusto riconoscimento alla sua pluriennale dedizione in favore della poesia

Con delibera del 22 Settembre 2010, la Giunta Comunale del Comune di Vermiglio ha chiamato la professoressa Roberta Panizza a far parte della locale Commissione Cultura.

La notizia è stata accolta con grande compiacimento dai numerosi artisti ischitani che hanno avuto modo di apprezzare le doti poetiche ed umane della scrittrice trentina durante le molte occasioni d’incontri poetici-culturali che sono stati proposti nella nostra isola, organizzati. sotto la sua Direzione Artistica, nell’ambito degli eventi presentati dal gruppo di artisti che si riconoscono nel progetto culturale “La nostra isola” del quale il sottoscritto è stato l’ideatore e la stessa Roberta Panizza ne è la prima socia fondatrice.

Se, come estimatore delle qualità morali ed intellettuali di Roberta Panizza amica dell’isola d’Ischia, propongo un lungo applauso alla Giunta del Comune di Vermiglio per il prestigioso riconoscimento che le ha tributato, come cittadino dell’isola d’Ischia mi vergogno e mi scuso per l’assoluta latitanza di

TUTTE le Amministrazioni Comunali – BEN SEI! –

che governano la nostra isola nel porgere, se non un sostegno, almeno un incoraggiamento alla prosecuzione del progetto da lei proposto e che tanta attenzione ha prodotto verso la nostra isola d’Ischia da parte di una consistente fetta del mondo artistico non solo nazionale.

Infatti, durante gli ultimi tre anni delle sue iniziative culturali e promozionali di vario genere aventi l’isola d’Ischia come indiscussa matrice ambientale – sempre riportate dagli organi d’informazione locali -, non UNA parola è stata scritta da NESSUN rappresentante delle SEI amministrazioni comunali nemmeno come cenno di saluto e di attenzione.

Bruno Mancini

Bruno 1

G10-Grandi regali per Ischia

G10-Grandi regali per Ischia

Per la serie Esopo news

G10-Grandi regali per Ischia

Scampagnata nel lusso: G7 G10 delegazioni presenti a Ischia

Le crepe G7 G10 Ischia

G7 G10 Ischia. L’incredibile esiste

G7 G10 Ischia. Presenza di elicottero anche in assetto antisommossa.

G7 G10 Ischia. Preannunciata la presenza degli “antagonisti: i centri sociali.

 

G10. Un grande regalo? Al posto degli uccelli volani gli elicotteri.

G10-Grandi regali

Ischia: spettacolare concerto musicale permanente! Elicotteri, aerei, ambulanze, centauri, clacson, sirene polizia, ancoraggi…  e inoltre processioni, campane, urla di protesta, allarmi di auto e di negozi impazziti, tifosi nei locali pubblici all’aperto, trivelle, martelli pneumatici, seghe elettriche, fuochi pirotecnici, tombini traballanti, altoparlanti su auto per pubblicità ecc. ecc.

G10-Grandi regali

Ischia: massiccio esodo migratorio di gabbiano. Troppi pericoli in volo!

G10-Grandi regali

Ischia: il profumo delle pinete? Solo un ricordo!

G10-Grandi regali

Ischia: il suono del mare sugli scogli? Solo un ricordo!

G10-Grandi regali

Ischia: assemblea generale dei pennuti. Probabile uso di kamikaze in difesa del loro regno celeste.

G10-Grandi regali

I centurioni occupano la villa dove visse Luchino Visconti!

G10-Grandi regali

Carmen sfrattata dalla sua villa per fare spazio ai cecchini!

G10 - Grandi regali per Ischia

G10-Grandi regali

Un grande regalo? Al posto degli uccelli volano gli elicotteri!

G10-Grandi regali

Domani sciopero EAV? G10 non vanno in CD né in CS!

G10-Grandi regali

I pedoni nelle strade indicate potranno circolare solo attraverso varchi controllati

G10-Grandi regali

G10-Grandi regali

Grazie per aver pensato a noi! Centauri YES! Centurioni YES! Quando i black bloc?

G10-Grandi regali

A Ischia, dopo i centauri arriveranno i centurioni.

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

Bruno Mancini

Esopo news

UE: inizia il mercato degli “Stati”?

Esistono sindaci e Sindaci – Quiz ischitani

Grazie x aver pensato a noi!

Squallore e ipocrisia dittongo per insulsi cervelletti di face

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

onorevoli e Parassiti – Esopo news

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Il vaccino sacro di Marcello Veneziani

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Ischia: a vergogna si aggiunge nuova VERGOGNA

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Lo squallore del centro TIM

Legalizzare l’illegale – Esopo news

Lampione stradale ischitano – Esopo news

Volumi vaganti

A Renzi: quello che non ha capito un finto scemo

L’incertezza della certezza

Cesare Di Scala scrive che…

Dall’America!

Feltrinelli. Oh! stupore

Il paradosso dei paradossi

Io sono l’accozzaglia.

1.000.000 un milione di dollari

Video:

Ridicolo cartello stradale pubblicitario

Pedofilia erotismo razzismo intorno San Remo?

L’Origine della natura morta in Italia

I paladini della sozzura

A caccia di cittadini polli non sono i casino online — 

Divieto di sedersi

I marioli delle tasse

Rubandus

Video:

Bracconiere marino – Ischia 18 Marzo 2017

Chiese e operai a rischio

Video:

Ischia: la cascata di acqua marina, o quasi!

Ischia: la scomparsa degli abitanti

Pilomat-to blocca tutti! Piazza Eroi – Ischia

America Star Books: il falso mito dell’Editore!

Ischia: Galbani avariato nel DOK di De Siano

Lampione stradale ischitano 

Legalizzare l’illegale – Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

Lo squallore del centro TIM

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

La perfida della Guardia medica

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Pilomat-to blocca tutti!

Il gazzo ipocrita

La previsione del passato

Mezzanotte: l’ora dei fantasmi

La Banca dell’allegria

Disattivare sevizio a pagamento

A ruba

La maledizione del pilomat

In auto vado dove voglio

Problema

Il bus lo guido io

Interrogato il morto non rispose

Urina in faccia al Sindaco d’Ischia?

Tassa IMU per i loculi dei morti

Tre meglio di due

rel=”publisher”>Trovaci su Go

 

google+

Scritto da Bruno Mancini

Esopo news

Bruno Mancini scrittore

è nato a Napoli nel 1943 e risiede ad Ischia, dalla età di tre anni.

A lui piace dire che l’origine della sua ispirazione o forse solo un iniziale impulso ancestrale ed istintivo, il vero basilare momento poetico della sua vita, si è concretizzato nell’incontro, propriamente fisico, tra i suoi sensi acerbi, infantili, e le secolari, immutate, tentazioni autoctone dell’Isola d’Ischia, dove le leggi della natura sembravano fluire ancora difese da valori di primitive protezioni.
Anche se aggiunge, con molta auto ironia e con un pizzico di provocazione:

“Le mie primissime esternazioni poetiche le ho espresse in tenerissima età, quando ancora non avevo pronunziato per la prima volta la parola mamma, ed alla fine di ogni abbondante poppata liberavo graziose ispirazioni poetizzando mediante dei rimati vagiti“.

foto bru preferite 025
Antiche terme comunali – Salone delle feste  – Ischia 1964 Bruno Mancini legge poesie moderne

Recensione di Marina De Caro

Recensione di Roberta Panizza

Intervista a Michela Zanarella

Recensione di Liga Lapinska

Intervista di Michela Zanarella

PROSE

Per Aurora volume primo
Per Aurora volume secondo
Come i cinesi volume primo
Per Aurora volume terzo
Per Aurora volume quarto
Come i cinesi volume secondo
Per Aurora volume quinto
Per Aurora volume sesto
Così fu
La ch
Per Aurora- Tutti i racconti
Incontro con un maestro
Racconti inediti

POESIE
Davanti al tempo
Agli angoli degli occhi
Segni
Dedicate e preferite
La sagra del peccato
Incarto caramelle di uva passita
Non rubate la mia vita
Io fui mortale
Sasquatch
Non sono un principe
La mia vita mai vissuta
Inedite

Antologie

Scempi
Poesie inedite

Traduzioni

Inglese
Pamela Allegretto Franz

Napoletano: Luciano Somma

Lettone
Liga lapinska

Libere interpretazioni

Lettone:
Liga Lapinska

Esopo news

Recensioni

Stampa

Letture Bruno

Letture tuttti

Varie

Cenni biografici

Pacifismo

Eros edizioni

Video poesie

Canzoni

Canzone per San Valentino

Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore

Bruno Mancini scrittore

Brevi commenti amichevoli ricavati dalle varie recensioni ai suoi libri pubblicati:

“Vedo una folla che si muove compatta verso un’unica meta guidata dagli incitamenti di colui che punta il dito ed una penna, che crea volti per i sentimenti.”

“…si fondono nell’intero componimento in una prospettiva ampia che contempla l’umano, l’umano cammino. Ed è una Commedia, una Commedia divina in chiave poetica, in versi che sento anche io estremamente dolorosi, con il preciso intento di affidarli alla penna , che non li disperda ma li urli e li renda in qualche modo eterni”.

“… lodo quel senso di eco lontano che riverbera le parole enfatizzandone i concetti”.

“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”

“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”

“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”

“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”

“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”

“…seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.”

“…lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”

“ Bella poesia, con alti picchi in termini d’emozione e intensità.”

“…sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”

“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”

“Ed io invece, Bruno, ho letto a ritroso, prima la seconda parte, bellissima, ed ora la seconda, altrettanto splendida. Senso o non senso è una poesia dal forte impatto emotivo. Giochi con il lessico e le iterazioni, che adoro, ed è questa una delle poesie più belle che abbia letto qui dentro, quel genere di poesia che cerco e difficilmente poi trovo.
Mi domando come mai non ti abbia scoperto prima, Poeta??!!”

“Una poetica lacerata e sfuggente…”

“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”

“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”

“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”

“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”

“Sì, lasci molto lavoro a chi legge, eppure questo mi affascina della tua poesia, la afferri e ti sfugge: in essa ti perdi ed allora ti turba… e cerchi il senso e lo cogli e ti lascia poi subito in dubbio. Ma il dubbio stimola, ti coinvolge … Sperimentalismo? Se lo è, come credo, ben venga; io lo adoro.
Bravissimo. Vero artista.”

“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi…”

Prima dell’alba
regalami un verso
così che io possa
sfrontata babbuccia
ricamo sulla brina
imprimere.

Al sole tenero
Vederla piangere di gioia

Bruno Mancini

Info:

Bruno Mancini
Cell. 3935937717 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Acquista un libro 14 euro

Rai-tv-web

A caccia di cittadini polli non sono i casino online

A caccia di cittadini polli non sono i casino online, ma gli Uffici dell’Agenzia dell’entrate

Per la serie Esopo news

Ischia, come ti “spello” il cittadino all’agenzia delle entrate

Se è vero, ed è vero, che diversi milioni di giocatori apprezzano le attuali formule di scommesse, a partire da quelle sportive a da quelle proprie dei giochi del bingo e del poker online (vedi casino online), spesso demonizzate con l’etichetta negativa di azzardo, mentre, in realtà esse rappresentano un passatempo come tanti altri, forse più avvincente di tanti altri e meno subdolo del gioco in borsa o dell’affidamento dei propri risparmi alle banche, dovrebbe essere anche vero (ma le utopie si sprecano quando ci si accosti alle funzioni appannaggio della perfida burocrazia) che gli Uffici dello Strato Italiano siano privi di rischi e di sorprese al servizio dei Cittadini e non siano, invece, l’azzardo puro ed incontrollabile al quale ci hanno sottomessi.

Leggendo l’articolo seguente pubblicato, in parte, sul quotidiano “Il Dispari” ci si può rendere conto del deguente paradosso.

Il rischio e l’azzardo insiti nelle attività fornite ai cittadini (sudditi?) dalla pubblica amministrazione sono al di fuori da qualsiasi regola, mentre il così detto gioco d’azzardo ha regole ben definite

.Il Dispari 2017-02-06 Agenzia entrate

Il Dispari 20170206 agenzia entrate tutto ridim

Gentile lettore, supponi che un giorno un cittadino sia costretto, a causa d’ineffabili assurdi comportamenti degli uffici INPS (ne parleremo con le Iene e su questo giornale non appena possibile), a dare mandato ad un Avvocato per incaricarlo di ottenere giustizia in sede legale; e poi considera l’ipotesi, spesso reale, che l’istanza del cittadino possa avere buon esito solo in presenza di documentazione ufficiale rilasciata dall’Agenzia delle Entrate, in tale situazione quale tipo di collaborazione aspetteresti che ti venisse riservata dalla suddetta Agenzia?

Ossia io vanto diritti non riconosciuti da parte dell’INPS che, fino a prova contraria, è un Ente dello Stato italiano (cioè dello Stato al quale appartengo e del quale sono tenuto a rispettare sì le leggi ma dal quale devo essere anche tutelato per il corretto riconoscimento dei miei diritti),  e già la circostanza che io debba perseguire la via giudiziaria per ottenere il riconoscimento di tali diritti è un criterio piuttosto discutibile.

Discutibile

poiché l’etica generale dello Stato dovrebbe tendere ad appianare le vertenze con i propri cittadini piuttosto che renderle praticamente senza principio né fine.

Maggiormente discutibile in quanto in nessuna fase del processo decisionale interno all’Ente il sottoscritto cittadino ha mai avuto la possibilità di confrontare direttamente le proprie istanze con le “persone” che le hanno infine respinte sulla base di rilievi mai precisati in dettaglio.

Enormemente discutibile perché all’INPS, se l’Ente perde la causa, non ci sarà nessuno che ne pagherà i danni… anzi no ci sarò ancora io, insieme a tutti i  cittadino italiani, a doverne corrispondere le spese, compresi gli stipendi per le tante ore di lavoro del suo staff impiegatizio abilitato alla difesa in giudizio.

Passando alla fase che determina la ragione di questo articolo,

è accaduto che:

1) L’Avvocato, ricevuto il mandato dal cittadino, gli ha chiesto di procurarsi una serie di documenti tra i quali “la certificazione del reddito relativo all’anno x rilasciato dall’Agenzia delle entrate”.

2) Il Cittadino, informatosi degli orari di apertura del locale sportello dell’Agenzia delle Entrare, vi si reca per presentare la richiesta istanza

3) Preso il ticket, terminata la fila e giunto il suo turno, accede allo sportello e comunica la sua richiesta

4) Al Cittadino viene risposto che l’istanza non potrà essere accolta se non accompagnata dalla fotocopia della carta d’identità.

5) Il cittadino chiede se sia possibile produrre la fotocopia tramite una delle tante fotocopiatrici presenti nella sede dell’Agenzia delle entrate, ma riceve risposta totalmente negativa. Dovrà uscire dall’Ufficio, recarsi all’esterno alla ricerca di un’attività commerciale predisposta al rilascio di copie, pagare il corrispettivo di 20 centesimi (compreso IVA), tornare all’Ufficio, prendere un nuovo ticket, attendere ancora il proprio turno, ed allora, sperando che nel frattempo non arrivi l’orario “INDEROGABILE” di chiusura, potrà accedere di nuovo allo sportello munito della indispensabile fotocopia della carta d’identità

A questo punto Esopo si ferma una prima volta per tentare di ragionare e si ritrova a bestemmiare contro qualcuno che non appare mai in prima persona. Qualcuno che ha il solo scopo di rendere la vita difficile ai cittadini, forse perché, così facendo, mantiene le premesse della sopravvivenza della sua classe impiegatizia privilegiata, inutile ed ostacolo ad ogni buon rapporto tra i Cittadini e lo Stato. 

Come può concepirsi che, per un Cittadino italiano, essere personalmente presente ad uno sportello, esibire la propria carta d’identità, mostrare la tessera sanitaria e il codice fiscale, non bastino a far sì che lo Stato accetti una domanda con la quale il Cittadino gli chieda SOLTANTO di produrre un certificato relativo alla sua stessa situazione fiscale?

Quale ulteriore garanzia identificativa può aggiungere la fotocopia del documento?

Come è possibile che, pur pretendendo la consegna di due marche da bollo e successivo versamento bancario di 3.20 euro (sic!) (ma di questi due versamenti scriveremo in seguito), lo Stato italiano pur disponendo nell’ufficio dell’Agenzia delle Entrate di numerosi apparecchi in grado di effettuare fotocopie, non abbia trovato il sistema di far pagare i miseri 20 centesimi per la fotocopia “necessaria” a produrre l’istanza?

Forse, la ragione va ricercata nella proliferazione virtuale delle pratiche trattate? Il cittadino attore di questo esempio è tornato quattro volte e per quattro volte il contatore dell’apparecchio ne ha segnalata la presenza allo sportello!

Facendo un continuo ping pong

tra le considerazioni di Esopo e le peripezie imposte al povero Cittadino torniamo alla seconda fase che determina la ragione di questo articolo proseguendo con

6) Il Cittadino accede per la seconda volta alla sportello munito dell’istanza e della fotocopia della carta d’identità. Le consegna entrambe.

7) Al Cittadino viene chiesto l’uso al quale verrà destinato il richiesto documento

8) Il Cittadino risponde che servirà per chiamare in giudizio l’INPS

9) Al Cittadino viene specificato che se a) esibisce il numero di RG non sono necessarie marche da bollo; b) se NON esibisce il numero di RG sono necessarie due marche da bollo.

10) Il Cittadino non sa cosa sia il RG e chiede spiegazioni

11) Al Cittadino viene risposto che si tratta di un numero di protocollo che gli può essere comunicato da parte del suo Avvocato.

12) Il Cittadino NON ha il RG. L’Avvocato del Cittadino riceve in un’altra città. Il Cittadino ha interesse a velocizzare la pratica. Il Cittadino decide di farsi carico dell’onere relativo alle due marche da bollo.

13) Il Cittadino dovrà uscire nuovamente dall’ufficio, trovare un tabaccaio, acquistare le marche, ritornare nell’ufficio, prendere per la terza volta il ticket, aspettare il proprio turno e sperare che nel frattempo non giunga l’orario “INDEROGABILE”di chiusura per poter accedere di nuovo allo sportello munito della indispensabile fotocopia della carta d’identità, della istanza e delle due marche da bollo.

Esopo si ferma per la seconda volta a tentare di ragionare e si ritrova di nuovo a bestemmiare ancora più fortemente contro qualcuno che non appare mai in prima persona. Qualcuno che ha il solo scopo di rendere la vita difficile ai cittadini, forse perché, così facendo, mantiene le premesse della sopravvivenza di una classe impiegatizia privilegiata, inutile ed ostacolo ad ogni buon rapporto tra i Cittadini e lo Stato.

Procedendo nel continuo ping pong tra le considerazioni di Esopo e le peripezie imposte al povero Cittadino torniamo alla fase che determina la ragione di questo articolo proseguendo con

14) Il Cittadino accede per la terza volta alla sportello munito dell’istanza, della fotocopia della carta d’identità e delle due marche da bollo. Consegna tutto.

15) Dopo l’elaborazione della sua richiesta, al Cittadino viene consegnato un MOD F23 da compilare (importo 3,20 € codice tributo 886T) e da versare in banca

16) Il Cittadino dovrà uscire nuovamente dall’ufficio, trovare una Banca aperta, pagare l’F23 per l’importo di 3.20 €, ritornare nell’ufficio, prendere per la quarta volta il ticket, aspettare il proprio turno e sperare che nel frattempo non giunga l’orario “INDEROGABILE”di chiusura per poter accedere di nuovo allo sportello munito della indispensabile fotocopia della carta d’identità, della istanza e delle due marche da bollo.

Esopo si ferma per la terza volta a tentare di ragionare ma si ritrova per la terza volta imbufalito bestemmiatore contro qualcuno che non appare mai in prima persona. Qualcuno che ha il solo scopo di rendere la vita difficile ai cittadini, forse perché, così facendo, mantiene le premesse della sopravvivenza della sua classe impiegatizia privilegiata, inutile ed ostacolo ad ogni buon rapporto tra i Cittadini e lo Stato.

17) Il Cittadino trova una Banca aperta nelle vicinanze dell’Agenzia delle entrate della Città di Ischia. Entra. Aspetta il proprio turno e consegna il  MOD F23.

18) L’impiegata allo sportello gli chiede su quale conto addebitare l’importo-

19) Il Cittadino, non ha un c/c presso l‘Istituto e dice di voler pagare in contanti… badate bene si tratta di 3-20 €  (tre euro e venti centesimi)

20) L’impiegata allo sportello gli chiede se sia già registrato c/o il loro Istituto

21) Il Cittadino risponde negativamente.

22) L’impiegato inizia le operazioni di registrazione del Cittadino. Operazioni che durano ben oltre 10 minuti dopo l’esibizione da parte del Cittadino di carta d’identità e codice fiscale che vengono fotocopiati e allegati alla registrazione.

23) L’impiegato provvede a completare il versamento del MOD F23 per l’importo di 3.20 €

Esopo pensa che l’operazione di registrazione del Cittadino sia costata ben oltre il valore del versamento. Sia in ragione dell’attività dell’addetto allo sportello e sia per tutte le altre componenti aziendali e strutturali che hanno partecipato a tale operazione. Se la Banca avesse ottenuto un rimborso spese finanche pari all’intero importo versato non avrebbe coperto neppure in minima parte il costo relativo alla operazione di registrazione.

Esopo pensa che versare 3.20 € allo Stato (e non a una qualsiasi associazione criminale) non sia un’operazione tanto rischiosa per le finanze pubbliche da imporre una simile procedura.

Esopo pensa che norme anti riciclaggio, anti evasione, anti qui e anti là non hanno impedito la crescita del debito pubblico né quella delle bande dei poveri dei disoccupati e dei disperati.

Esopo pensa che il buon senso e l’adeguamento delle norme alle realtà della vita attuale siano qualità assolutamente carenti nei legislatori italiani.

24) Il Cittadino accede per la quarta volta alla sportello munito dell’istanza, della fotocopia della carta d’identità, delle due marche da bollo e della ricevuta di pagamento di 3.20 €. Consegna tutto

25) Il Cittadino riceve il documento richiesto.

26) Il Cittadino si reca dall’Avvocato per consegnargli il documento.

27) L’Avvocato lo controlla e, notando la marca da bollo, afferma che averla richiesta è stato un atto illecito.

28) Azz! Il Cittadino gli chiede spiegazioni e poi le riferisce ad Esopo.

Pertanto Esopo si è convinto che l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate, chiedendo il numero di RG (vedi punto 9), che ora Esopo sa trattarsi del numero del Ruolo (R) Generale (G) delle cause, ha richiesto illegittimamente prova dell’esistenza del giudizio, ignorando il fatto che nel rito del lavoro (rito applicabile in giudizio INPS) vi è un sistema di preclusione che inibisce il deposito di documenti dopo l’iscrizione a ruolo della causa.

Ossia, seguendo le indicazioni dell’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate, per NON pagare il costo delle due marche da bollo il Cittadino avrebbe dovuto iscrivere la causa nel RG rendendo di fatto inutilizzabile il documento ricevuto.

Roba da manicomio!

Bruno oggi parliamo di scempi

Dando uno sguardo a cosa stabiliscono le leggi italiane si può leggere che:

  1.  Allegato B) del D.P.R. 642/1972 TABELLA Atti, documenti e registri esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto Art.  9. Atti e documenti in materia di assicurazioni sociali obbligatorie e di assegni familiari, ricevute dei contributi nonché atti e documenti relativi alla liquidazione e al pagamento di indennità e rendite concernenti le assicurazioni stesse anche se dovute in base a leggi straniere. Domande, certificati, documenti, ricorsi occorrenti per la liquidazione e il pagamento delle pensioni dirette o di reversibilità, degli assegni e delle indennità di liquidazione e di buonuscita o comunque di cessazione del rapporto di lavoro anche se a carico di stranieri. Domande e relativa documentazione per l’iscrizione nelle liste di collocamento presso gli uffici del lavoro e della massima occupazione.

 

  1. Art. 12. Atti e provvedimenti del procedimento innanzi alla Corte costituzionale. Atti, documenti e provvedimenti dei procedimenti giurisdizionali ed amministrativi relativi a controversie: 1) in materia di assicurazioni sociali obbligatorie ed assegni familiari; 2) individuali di lavoro o concernenti rapporti di pubblico impiego; 3) in materia di pensioni dirette o di reversibilità; 4) in materia di equo canone delle locazioni degli immobili urbani. Atti relativi ai provvedimenti di conciliazione davanti agli uffici del lavoro e della massima occupazione o previsti da contratti o da accordi collettivi di lavoro. Atti e documenti relativi all’esecuzione immobiliare nei procedimenti di cui ai numeri 1), 2) e 3) del secondo comma e dei provvedimenti di cui al terzo comma del presente articolo. Atti e provvedimenti dei procedimenti innanzi al conciliatore, compreso il mandato speciale a farsi rappresentare ed escluse le sentenze.

Sono almeno venti anni che ci stanno rompendo parti intime inquinali con la propaganda della semplificazione della pubblica amministrazione, con la possibilità di autocertificazione, con lo snellimento della burocrazia, ma, Esopo si domanda quando inizieremo NOI cittadini a prendere a calci nel deretano tutti coloro che ci trattano come polli?

Si ringrazia per la consulenza l’Avvocato Alessandro Gambardella, Via Luca Giordano 164 Napoli Cell. 3281884943, dal quale abbiamo altresì ricevuto il seguente breve sunto delle norme che regolano i rapporti tra cittadino ed Enti.

  1. Enti pubblici e certificazioni obbligatorie: dal 1 Gennaio 2012 è entrata in vigore la nuova direttiva che impone alle pubbliche amministrazioni di accettare dagli utenti solo dichiarazioni sostitutive di certificazioni.
  1. Come stabilito dalla Direttiva del Ministro per la Pubblica Amministrazione e della Semplificazione 14 del 22 dicembre 2011, infatti, gli enti pubblici, così come i gestori di servizi pubblici, non possono più richiedere agli utenti alcun tipo di certificazione che contenga informazioni in possesso di un altro ufficio pubblico. Sono gli stessi utenti, invece, a dover produrre autocertificazioni per dimostrare stati personali o fatti.
  1. A promuovere questa nuova normativa – che semplifica i rapporti tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni – è stato in prima persona il Ministro Patroni Griffi: si tratta comunque di una regolamentazione prevista dalla Legge di Stabilità (Legge n. 183 del 12/11/2011), precisamente con l’art. 15, comma 1 che introduce il Testo Unico D.P.R. 445 del 28/12/2000.
  1. Il cittadino al quale un ente pubblico richiede, ad esempio, un semplice stato di famiglia, non deve più richiedere personalmente tale documento ma sarà sufficiente produrre una dichiarazione sostitutiva nella quale siano specificate le informazioni necessarie. Spetta invece allo stesso ente, pena la violazione dei doveri di ufficio, l’accertamento delle informazioni contenute nell’autocertificazione entro 30 giorni.
  1. Un’altra novità, inoltre, riguarda la nuova dicitura che deve comparire obbligatoriamente nei certificati rilasciati dal 1 gennaio 2012, che cita: «Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica amministrazione od ai privati gestori di pubblici servizi.».
  1. È sempre la nuova normativa di semplificazione a stabilire l’introduzione, in ogni PA, di un ufficio responsabile garante della trasmissione di dati e informazioni. La nuova procedura di certificazione si allinea, infine, alla regolamentazione prevista dal Codice dell’Amministrazione Digitale, che prevede la collaborazione tra gli enti pubblici attraverso la creazione di banche dati accessibili per poter operare, in modo immediato e semplificato, il controllo delle autocertificazioni.
  1. Nel Codice sopra citato si legge infatti che: «Le pubbliche amministrazioni titolari di banche dati accessibili per via telematica predispongono, sulla base delle linee guida redatte da DigitPA, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, apposite convenzioni aperte all’adesione di tutte le amministrazioni interessate volte a disciplinare le modalità di accesso ai dati da parte delle stesse amministrazioni procedenti, senza oneri a loro carico.»

Bruno Mancini

A caccia di cittadini polli non sono i casino online, ma gli Uffici dell'Agenzia dell'entrate Per la serie Esopo news Ischia, come ti "spello" il cittadino all'agenzia delle entrate

 

G7 Ischia-L’incredibile esiste! Leggere per credere.

G7 Ischia-L’incredibile esiste! Leggere per credere.

Per la serie Esopo news – Ottobre 2017

G7 Ischia – G10

L’incredibile esiste!

Leggendo la “nota del Prefetto Pagano” (Nota n. 1) a molti sembrano chiare, anzi chiarissime, le ulteriori misure di sicurezza emesse per consentire che la riunione dei G10 + presidenti social, si concretizzi in una salubre scampagnata ischitana.

Già sappiamo che gli intrepidi rappresentati delle 7 potenze mondiali (alcune delle quali addirittura provviste di ordigni atomici) sono stati tanto temerari da venire ad Ischia in questo pericoloso periodo post terremoto (tralasciando, tuttavia di stabilire il quartier generale nelle immediate adiacenze della zona maggiormente a rischio).

Sappiamo pure che, da molte settimane, l’isola è stata “visitata” minuziosamente da personalità di rilievo delle strutture di sicurezza degli Stati che invieranno loro rappresentanze; e sappiamo altresì che sono confluiti e sono in arrivo sull’isola consistenti forze armate di ogni genere.

La polizia di Stato

ha diramato alcune norme restrittive riguardanti la comunicazione dei  soggiorni di ospiti e turisti nelle strutture alberghiere e nelle case private (Nota n. 2).

La capitaneria di porto

ha emesso un’ordinanza anch’essa molto restrittiva con la quale si inibisce qualsiasi presenza umana e di naviglio negli spazi marini (mare e arenili affidati alla sua competenza territoriale) estesi per alcune migliaia di metri intorno ai due luoghi ove si svolgeranno gli incontri ufficiali: “All’interno di detta area d’interdizione totale, sarà assicurata, dai mezzi navali delle Forze di Polizia il rispetto delle ordinanze delle competenti Autorità, degli accessi non autorizzati di imbarcazioni di qualsiasi tipo, allo scopo di impedire, anche con l’uso della forza e dei mezzi di coazione eventualmente necessari, l’ingresso di persone e mezzi….”. (Nota n. 3).

La polizia urbana della città di Ischia

ha diramato un’ordinanza che, tra l’altro, giunge a limitare finanche la circolazione pedonale dei residenti nella zona “rossa”, istituendo varchi obbligati per raggiungere le proprie abitazioni: “Il transito pedonale nelle strade indicate potrà avvenire esclusivamente attraverso varchi controllati” (Nota n. 4).

Certamente per coloro che hanno la responsabilità della gestione del G10 la paura per l’incolumità degli onorevoli ospiti è tanta.

Di sicuro per loro è di non facile realizzazione la totale protezione dei cittadini durante questo evento.

A loro va tutta la nostra solidarietà, però sarebbe auspicabile che non ci raccontassero favolette e non credessero di far passare per normali attività di prevenzione lo stillicidio delle limitazioni che, giungendo di giorno in giorno da una diversa autorità, hanno, di fatto, instaurato un periodo di coprifuoco generale.

Ieri, infatti, è stata resa nota l’ulteriore ordinanza prefettizia (Nota n.11) con la quale si vieta “l’afflusso e la circolazione sull’isola di Ischia, comuni di Casamicciola Terme, Barano d’Ischia, Serrara Fontana, Forio, Ischia e Lacco Ameno, degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori, appartenenti o condotti da persone non residenti nel territorio dell’isola Ischia.

In tale ordinanza, che limita ulteriormente le libertà personali dei cittadini italiani, sono previste alcune deroghe e sono espresse alcune valutazioni degne di essere esaminate  in maniera indipendente dal valore oggettivamente repressivo dell’ordinanza.

Può essere considerato corretto giustificare l’emanazione dell’ordinanza affermando che “si rende indispensabile, attese le contenute dimensioni territoriali dell’isola e al fine di assicurare ottimali condizioni di ordine e sicurezza pubblica dell’evento stesso, limitare l’arrivo e la circolazione di veicoli”?

Senza dubbio “Attese le contenute dimensioni territoriali dell’isola

è un parametro opinabile per emettere la decisione di impedire la libera circolazione stradale a circa 59.372.658 cittadini italiani desunti dal censimento del 2011 (Italia 59.433.744 – Forio 16.597 – Casamicciola Terme 8.080 – Lacco Ameno 4.675 – Ischia 18.688 – Serrara Fontana 3.164 – Barano d’Ischia 9.882), senza considerare i diversi miliardi di abitanti presenti sulla nostra madre Terra.

Con tutto il rispetto dovuto alla Carica pubblica rappresentata dal Prefetto Pagano è utile chiarire che l’isola d’Ischia,

  • per estensione territoriale è all’ottavo posto tra tutte le isole italiane (Sicilia km²  25 426,2;  Sardegna km²  3 812,6; Elba km²  223,5;  Sant’Antioco km² 108,9; Pantelleria  km²  83,0; San Pietro km² 51,3;  Asinara 50,9 km²; Ischia  46,4 km² ) il cui numero totale è stimato in oltre 800 isole (totale comprensivo delle isole propriamente dette, degli isolotti, degli scogli e dei faraglioni censiti dall’Italian Islands Award <766 isole al 17 marzo 2013>, nonché delle isole lacustri censite dall’Italian Lake Islands Award <35 isole in base all’ultimo aggiornamento> e delle più grandi isole fluviali dei principali fiumi italiani; cfr. anche Martinucci, 2007, 5.), di cui solo un’ottantina sono abitate.
  • Per estensione territoriale l’isola d’Ischia è al posto n. 81 tra tutte le varie decine di migliaia di isole presenti nel mare Mediterraneo.

Se ciò non bastasse per documentare a pieno l’importanza geografica, sociale, commerciale, umana, culturale, turistica che verrà gravemente inficiata da questa ordinanza della Prefettura, così come da tante altre ordinanze emesse in questi giorni dai maggiori tutori della vita civile, allora vi invito a prendere in esame questi ulteriori elementi di riflessione

  • L’isola d’Ischia è la terza isola più abitata d’Italia

  • Il parco veicolare dell’isola d’Ischia stimato nel 2015 era di Auto 11.286, Motocicli 6.430, Autobus 20, Trasporti Merci 1.148, Veicoli Speciali 189, Trattori e Altri 10. Totale 19.083 Auto per mille abitanti 567
  • Il reddito IRPEF totale dichiarato 3.113.898 dai cittadini residenti nei 92 Comuni della provincia di Napoli nel 2015 è ammontato ad euro 27.605.696.654 dei quali 469.574.182 euro stati dichiarati dai 61.080 residenti nei sei comuni ischitani (Ischia 217.701.073; Lacco Ameno 51.353.924; Casamicciola Terme 85.841.573; Serrara Fontana 27.757.276; Barano d’Ischia 85.206.285;  Forio 171.405.590).

Passando ad altro argomento,

e cioè analizzando la composizione delle Aziende e delle persone coinvolte nelle limitazioni previste dalla suddetta nota prefettizia, saltano evidenti alcune lacune nella selezione delle autorizzazioni in revoca.

Infatti, se guidati da autisti non residenti in uno dei sei comuni dell’isola d’Ischia, non figurano esclusi dal divieto di circolazione

  • autobus di linea della EAV (che gestisce tutti i percorsi isolani)

  • taxi in servizio provenienti da altri comuni
  • auto di Aziende commerciali locali
  • auto di Associazioni. Onlus, Fondazioni con sede nell’isola
  • auto di lavoratori pendolari dipendenti da Ditte isolane.
  • auto di rappresentati di commercio e/o di operatori impegnati in tentate vendite
  • auto guidate da giornalisti non residenti
  • ecc.

Un altro punto che non convince

nelle direttive imposte dalla nota prefettizia riguarda le autorizzazioni in deroga dove si legge che “… l’espressa autorizzazione in deroga è necessaria, altresì, per i mezzi che trasportano attrezzature degli organi di informazione accreditati per l’evento.

Con ciò si mette in atto un potenziale apparato censorio

verso mezzi d’informazione non allineati con le posizioni politiche, sociali dell’organismo preposto al rilascio di tali autorizzazioni.

In parole povere, se la testata giornalistica e/o l’emittente televisiva e/o radiofonica  XYZ esprime posizioni politiche e/o sociali non gradite all’attuale apparato amministrativo, il Prefetto potrebbe non rilasciarle l’autorizzazione in deroga, impedendole, di fatto, la possibilità di esercitare la libertà di stampa e di comunicazione prevista dalla Costituzione.

Un ulteriore motivo di perplessità

si può avere leggendo il paragrafo finale del documento in oggetto in cui si comunica che: “Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al TAR Campania oppure al Presidente della Repubblica rispettivamente entro 60 giorni il primo e 120 giorni il secondo, a decorrere dalla data della notifica.

Sembra ben improbabile che il provvedimento in esame possa essere validamente impugnato, specialmente ove si intenda contestare la mancata autorizzazione in deroga, visto che esso avrà efficacia nei giorni immediatamente successivi alla sua emanazione.

Fatti due conti, e con particolare riferimento alla libertà di informazione, risulta chiaro che le domande tese ad ottenere i permessi di circolazione in deroga al provvedimento non potranno essere presentate prima del giorno 16, così che gli eventuali rigetti, se pure fossero comunicati nel primo giorno successivo alla ricezione delle domande (miracolo della burocrazia!) non potrebbero avere il ristoro di una sentenza del TAR prima della conclusione dell’evento, con buona pace per  le libertà Costituzionali.

A cosa serve indicare che “è ammesso ricorso al TAR Campania oppure al Presidente della Repubblica rispettivamente entro 60 giorni il primo e 120 giorni il secondo, a decorrere dalla data della notifica”, quando la limitazione si conclude nei sei giorni successivi all’emanazione del provvedimento? Gradiremmo che qualcuno ce lo spiegasse!

Infine le sanzioni.

Volendo limitare l’attenzione alla sola isola d’Ischia ed alla circolazione dei veicoli già presenti sull’isola, sembra pleonastico dichiarare che le etnie ivi presenti, europee, africane, asiatiche e americane, sono forse più di un centinaio, ma poiché ciò significa che anche gli idiomi parlati dalla comunità locale sono altrettanti, sarebbe interessante sapere in quante lingue sia stato reso pubblico il provvedimento della Prefettura.

Sarebbe ulteriormente utile che tale informazione fosse corredata dalle notizie riguardanti le sanzioni previste per il mancato rispetto delle norme in oggetto. Cioè ci piacerebbe sapere cosa è previsto che accada se un turista, ad esempio giapponese, verrà intercettato alla guida della sua auto e dichiarerà, nella sua lingua, di non aver letto i quotidiani locali recanti la stampa della nota della Prefettura.

In conclusione,

Esopo pensa che se un evento del genere deve paralizzare un’intera isola (l’ottava per estensione e la terza per popolazione italiana!) sarebbe opportuno prendere in esame le tante e tante  alternative, per nulla traumatiche e da mettere in atto con estrema facilità, utili al raggiungimento dello scopo previsto.

In epoca di internet (tra l’altro al vertice saranno presenti tutti i colossi del web), realizzare una conferenza virtuale, per la quale ciascuna delegazione resti comodamente assisa negli ambienti ad essa maggiormente confacenti, è un giochino da dilettanti; riunire le delegazioni in una delle migliaia di fortezze-caserme disseminate lungo lo stivale non sarebbe impresa ardua; organizzare l’incontro in qualche sede istituzionale (ambasciate, parlamento, municipi ecc.) non sarebbe un operazione complessa..

Bruno Mancini

Nota n. 1)

G7 Ischia – G10

Ecco le misure di sicurezza emesse dalla Prefettura.

“Il 19 e il 20 ottobre 2017 si svolgerà sull’isola di Ischia la riunione dei Ministri dell’Interno dei Paesi del G7; il Questore di Napoli, in relazione allo svolgimento del predetto vertice, ha evidenziato la necessità, per garantirne lo svolgimento in piena sicurezza, di un provvedimento di divieto di afflusso e circolazione degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori appartenenti o condotti da persone non residenti sull’isola, in tutti i comuni dell’isola d’Ischia;

CONSIDERATO che, in relazione all’eccezionalità dell’evento di cui trattasi, si rende indispensabile, attese le contenute dimensioni territoriali dell’isola e al fine di assicurare ottimali condizioni di ordine e sicurezza pubblica dell’evento stesso, limitare l’arrivo e la circolazione di veicoli;

SENTITI il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che di norma adotta analoghi prowedimenti restrittivi della circolazione stradale nei periodi di maggior afflusso turistico, nonché i Sindaci interessati, le competenti Capitanerie di Porto e l’Ufficio Circondariale marittimo di Pozzuoli;

VISTO l’art.2 del T.U.L.P.S. approvato con RD. 18/6/1931 n.773

ORDINA

per motivi di ordine e sicurezza pubblica , dal 18 al 20 ottobre 2017 sono vietati l’afflusso e la circolazione sull’isola di Ischia, comuni di Casamicciola Terme, Barano d’Ischia, Serrara Fontana, Forio, Ischia e Lacco Ameno, degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori, appartenenti o condotti da persone non residenti nel territorio dell’isola Ischia.

Sono esclusi dal divieto in parola, nel periodo e nei comuni in parola, i seguenti veicoli:

  1. a) veicoli delle Forze dell’ordine, delle Capitanerie di Porto, dei Vigili del Fuoco e comunque in dotazione agli enti impegnati nei servizi a supporto dell’evento;

b)i veicoli che trasportano generi di prima necessità e soggetti a facile deperimento nonché a trasporto di carburante e di rifiuti;

  1. c) autoambulanze, veicoli che trasportano farmaci ed attrezzature destinate ad ospedali e/o case di cura, sulla base di apposita certificazione rilasciata dalla struttura sanitaria;
  2. d) veicoli, nel numero di uno, per ciascun nucleo familiare che dimostri di soggiornare in una casa privata con regolare contratto di affitto o in un albergo dei comuni dell’isola.

AUTORIZZAZIONI IN DEROGA: i

n caso di dimostrata e indifferibile necessità, potranno essere concesse dalla Prefettura autorizzazioni in deroga al divieto di sbarco e di circolazione sull’isola di Ischia; l’espressa autorizzazione in deroga è necessaria, altresì, per i mezzi che trasportano attrezzature degli organi di informazione accreditati per l’evento.

Le Capitanerie di Porto assicurano l’esecuzione e l’assidua e sistematica sorveglianza del rispetto dei divieti stabiliti con il presente decreto.

Le Forze dell’ordine sono incaricate dell’esecuzione del presente procedimento nonché della notifica dello stesso ai Sindaci dei comuni di Casamicciola Terme, Barano d’Ischia, Serrara Fontana, Forio d’Ischia, Ischia e Lacco Ameno.

Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al TAR Campania oppure al Presidente della Repubblica rispettivamente entro 60 giorni il primo e 120 giorni il secondo, a decorrere dalla data della notifica.”

Nota n. 2)

G7 Ischia – G10

Le disposizioni del Commissariato di Polizia di Ischia prevedono un giro di vite per i controlli nelle strutture alberghiere che dovranno comunicare alla questura di Napoli informazioni dettagliate sui nominativi delle persone che hanno effettuato prenotazioni a Ischia nelle date del G7.

Nota n. 3)

G7 Ischia – G10

La Capitaneria di Porto di Ischia, coordinata dal TV Alessio De Angelis, ha emesso la seguente ordinanza riguardo gli specchi acquei antistanti la nostra isola per i giorni 16-21 ottobre 2017.

“Nei giorni 19 e 20 ottobre 2017 si svolgerà ad Ischia (NA) il Vertice G7 dei Ministri dell’Interno e nell’intento di assicurare alle Autorità di Governo ed alle delegazioni internazionali le migliori condizioni di lavoro durante il soggiorno in Campania, l’Autorità di Pubblica Sicurezza ha predisposto una articolata pianificazione del “Sistema di Sicurezza”, inerente le attività delle Forze dell’Ordine e degli altri Enti che concorrono per la realizzazione di tale obiettivo.

In relazione al Vertice G7 di Ischia, dalle ore 08.00 del 16 ottobre al giorno 21 ottobre 2017, negli specchi acquei antistanti il territorio dei Comuni di Ischia, Barano d’Ischia, Casamicciola Terme e Lacco Ameno, sono individuate tre zone marittime di sicurezza di seguito meglio specificate.

 O R D I N A

Art. 1 – Zone marittime di sicurezza Nel periodo compreso tra le ore 08.00 del 16 ottobre e le ore 23.59 del 20 ottobre 2017, esclusivamente per quanto attiene agli specchi acquei ricadenti nell’ambito di competenza di questo Circondario Marittimo:

    1. All’interno della Zona di Massima Sicurezza (ZMS – ALFA) è vietato: Svolgere qualsiasi attività marittima;  navigare, ancorare e sostare con qualunque unità navale ed a qualunque scopo (ivi compreso l’attività delle unità da passeggeri di qualsiasi tipologia);  effettuare attività di immersione con qualunque tecnica;  svolgere attività di pesca di qualunque natura, sia sportiva che professionale;  praticare la balneazione ad una distanza superiore a 50 (cinquanta) mt dalla battigia. All’interno di detta area d’interdizione totale, sarà assicurata, dai mezzi navali delle Forze di Polizia il rispetto delle ordinanze delle competenti Autorità, degli accessi non autorizzati di imbarcazioni di qualsiasi tipo, allo scopo di impedire, anche con l’uso della forza e dei mezzi di coazione eventualmente necessari, l’ingresso di persone e mezzi in grado di concretizzare potenziali minacce per lo svolgimento del vertice, nonché eventuale protezione e scorta in mare delle Autorità nazionali ed estere, qualora venisse richiesto, mediante un designato numero di mezzi navali delle Forze di Polizia dislocate lungo il tragitto
    2. All’interno dell’Area ad Accesso Controllato (AAC – BRAVO) è vietato:  ancorare e sostare con qualunque tipo di unità navale;  effettuare attività di immersione con qualunque tecnica;  svolgere attività di pesca di qualunque natura, sia sportiva che professionale. All’interno di detta area è consentita esclusivamente la navigazione in transito, mantenendo una velocità non superiore a 10 (dieci) nodi ovvero alla minima velocità di sicurezza se superiore e, comunque, con scafo in dislocamento. Tutte le unità in transito verranno sottoposte a controllo/ispezione da parte delle unità navali delle forze di polizia e militari ivi presenti, ed a tal fine dovranno prestare la massima attenzione alle indicazione che verranno fornite da dette unità, facilitando le relative manovre nautiche di avvicinamento ed affiancamento.
    3. All’interno dell’Area di Sorveglianza e Allarme (ASA – CHARLIE):  tutte le unità navali in transito dovranno procedere con la massima cautela, mantenendo ascolto continuo sul canale 16 VHF e prestando la massima attenzione alle segnalazioni/intimazioni che potrebbero essere fatte da bordo dalle unità navali delle forze di polizia e militari impegnate nel dispositivo di sicurezza.  Tutte le unità in transito potranno essere sottoposte a controllo/ispezione da parte delle unità navali delle forze di polizia e militari ivi presenti.

Art. 2 – Disposizioni specifiche

1. Nel periodo compreso tra le ore 00.01 del 17 ottobre 2017 a termine evento sulla scogliera antistante il castello aragonese sarà vietato l’accesso, il passaggio e la sosta pedonale.

2. I responsabili/gestori degli approdi turistici, pescherecci e commerciali del: Porto d’Ischia, Porto di Casamicciola, Porto di Forio, Porto di Sant’Angelo, Porto di Lacco Ameno, cantieri navali e rimessaggi di Ischia Porto e di Casamicciola dovranno comunicare tempestivamente a decorrere dal 16 ottobre 2017 i dati relativi alle imbarcazioni in arrivo e alle generalità dei loro occupanti relativi al traffico non commerciale.

3. Dal 16 al 20 ottobre, saranno eseguiti controlli giornalieri con accesso diretto nelle strutture, con finalità di osservazione e di verifica degli elementi informativi concernenti le imbarcazioni in arrivo ed i soggetti presenti a bordo.

Art. 3 –

Altre strutture per l’ormeggio di unità navali In applicazione del precedente art. 1, nel periodo compreso tra le ore 00.01 del giorno 16 ottobre 2017 e le ore 23.59 del 20 ottobre 2017, tutte le altre strutture ricadenti all’interno della Zona di Massima Sicurezza (ZMS – ALFA) e dell’Area ad Accesso Controllato (AAC – BRAVO) e destinate all’ormeggio di unità navali, non potranno essere utilizzate per la sosta di alcuna unità, e le stesse strutture dovranno pertanto rimanere libere.

Art. 4 –

Prescrizioni per porti turistici/cantieri/aree rimessaggio A decorrere dalla data della presente ordinanza e fino a tutto il 20 ottobre 2017, a cura dei responsabili degli approdi, rimessaggi e cantieri navali dovrà essere comunicato all’Autorità Marittima e a quella di Pubblica Sicurezza, l’elenco di tutte le unità navali stanziali ed in transito nelle relative strutture, evidenziando in particolare i dati delle unità in arrivo/partenza e le generalità dei loro occupanti.

Art. 5 –

Deroghe Non sono soggette ai divieti di cui agli articoli 1, 2 e 3, tutti i mezzi navali militari e delle forze di polizia inseriti nel “Sistema di Sicurezza” ed impegnate a garantire, in occasione dello svolgimento del Vertice G7, il rispetto e la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Art. 6 –

Disposizioni finali e sanzioni Salvo che il fatto costituisca diverso e più grave reato/illecito amministrativo, i contravventori alla presente ordinanza saranno puniti: a) se alla condotta di un’unità da diporto, ai sensi dell’art. 53 D.Lgs. n°171/2005; b) negli altri casi, ai sensi degli artt. 1174, 1231 del Codice della Navigazione; c) ai sensi dell’art. 1164 del Codice della Navigazione per violazioni riguardanti l’uso del demanio marittimo.
È fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente ordinanza.”

Nota n 4)

G7 Ischia – G10

Ecco le misure adottate dalla Polizia Municipale della Città di Ischia

“Dal giorno 14 ottobre è vietata la sosta a qualsiasi veicolo: 

  • nell’area di parcheggio di via Fondobosso posta tra Via Montetignuso e il palazzetto dello sport “F.Taglialatela” e lo stadio Mazzella. Tale area sarà riservata esclusivamente alla sosta dei veicoli delle FF OO

Dal 16 ottobre fino al 20 ottobre è  fatto divieto di fermata e di sosta lungo le seguenti strade:

  • via Casciaro
  • area circostante il Palazzetto dello Sport “F.Taglialatela”
  • via Fondobosso 

Dal 18 ottobre fino al 20 ottobre è fatto divieto di sosta presso:

  • Via Fondo Bosso (stadio Mazzella)
  • Via Michele Mazzella (da incrocio SS270 a piazza degli Eroi)
  • Via Fasolara (Tra Via M. Mazzella e via Dell’Amicizia)
  • P.zza degli Eroi
  • Via E. Cortese
  • Via D’Avalos
  • Via C. Colombo (da ingresso pedonale a hotel Parco Aurora a Punta Molino)
  • Via Champault
  • tta Rittman
  • Via Casciaro
  • via A. Sogliuzzo
  • via Seminario
  • Via L. Mazzella
  • le Aragonese
  • Vico Marina
  • Largo stradone
  • Lungomare Aragonese
  • Via S. G.Giuseppe della Croce
  • le delle Alghe
  • Via G. da Procida
  • G.Rocca
  • Via Montetignuso
  • Via Acquedotto (da incrocio via Montetignuso a p.zza S.Michele)
  • Via G.B. Vico
  • Via L.do Mazzella
  • Via Pontano
  • Via V. Colonna (fino a incrocio con via R. Gianturco)
  • Via F. Sogliuzzo 

Dalle ore 07:00 del 18 ottobre alle 24:00 del 20 ottobre è vietata la circolazione lungo le seguenti strade:

  • Via lungomare C. Colombo (da incrocio D’Avalos a hotel Punta Molino)
  • Via Champault e p.tta Rittman (fino ex Carcere)

Dalle ore 07:00 alle 24:00 del 19 ottobre  è vietata la circolazione lungo le seguenti strade:

  • Via Seminario
  • Via Luigi Mazzella
  • Ponte Aragonese
  • Via Boccaccio (P.le delle Alghe)
  • Via Stradone
  • Lungomare Aragonese

I giorni 19 e 20 ottobre dalle 12:00 alle 24:00 è vietata la circolazione in:

  • Via L.do Mazzella (entrambi i tratti)

Dal 19 ottobre alle 24:00 del 20 ottobre è vietata la circolazione lungo le strade:

  • Cortese
  • D’Avalos 

Dal 18 ottobre  al 20 ottobre sono istituiti i seguenti doppi sensi di circolazione, limitamente ai veicoli a seguito dell’evento, nelle seguenti strade:

  • Via C. Colombo
  • Via F.D’Avalos
  • Via E. Cortese

Dal 18 ottobre è istituito senso unico alternato, riservato ai residenti e agli ospiti delle strutture ricettive poste lungo:

  • Via Gianturco

La circolazione e il transito è consentita ai veicoli di soccorso, alle Forze dell’Ordine e ai veicoli dei pubblici servizi per interventi di emergenza; i veicoli fornitori autorizzati potranno transitare attraverso varchi controllati. Il transito pedonale nelle strade indicate potrà avvenire esclusivamente attraverso varchi controllati.

G7 Ischia – G10-Grandi regali per Ischia

Per la serie Esopo news

G7 Ischia – G10-Grandi regali per Ischia

G7 Ischia-L'incredibile esiste! Leggere per credere.Per la serie Esopo news

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Ischia: spettacolare concerto musicale permanente! Elicotteri, aerei, ambulanze, centauri, clacson, sirene polizia, ancoraggi…  e inoltre processioni, campane, urla di protesta, allarmi di auto e di negozi impazziti, tifosi nei locali pubblici all’aperto, trivelle, martelli pneumatici, seghe elettriche, fuochi pirotecnici, tombini traballanti, altoparlanti su auto per pubblicità ecc. ecc.

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Ischia: massiccio esodo migratorio di gabbiano. Troppi pericoli in volo!

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Ischia: il profumo delle pinete? Solo un ricordo!

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Ischia: il suono del mare sugli scogli? Solo un ricordo!

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Ischia: assemblea generale dei pennuti. Probabile uso di kamikaze in difesa del loro regno celeste.

G7 Ischia – G10-Grandi regali

I centurioni occupano la villa dove visse Luchino Visconti!

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Carmen sfrattata dalla sua villa per fare spazio ai cecchini!

G10 - Grandi regali per Ischia

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Un grande regalo? Al posto degli uccelli volano gli elicotteri!

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Domani sciopero EAV? G10 non vanno in CD né in CS!

G7 Ischia – G10-Grandi regali

I pedoni nelle strade indicate potranno circolare solo attraverso varchi controllati

G10-Grandi regali

G7 Ischia – G10-Grandi regali

Grazie per aver pensato a noi! Centauri YES! Centurioni YES! Quando i black bloc?

G7 Ischia – G10-Grandi regali

A Ischia, dopo i centauri arriveranno i centurioni.

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

Bruno Mancini

Esopo news

UE: inizia il mercato degli “Stati”?

Esistono sindaci e Sindaci – Quiz ischitani

Grazie x aver pensato a noi!

Squallore e ipocrisia dittongo per insulsi cervelletti di face

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

onorevoli e Parassiti – Esopo news

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Il vaccino sacro di Marcello Veneziani

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Ischia: a vergogna si aggiunge nuova VERGOGNA

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Lo squallore del centro TIM

Legalizzare l’illegale – Esopo news

Lampione stradale ischitano – Esopo news

Volumi vaganti

A Renzi: quello che non ha capito un finto scemo

L’incertezza della certezza

Cesare Di Scala scrive che…

Dall’America!

Feltrinelli. Oh! stupore

Il paradosso dei paradossi

Io sono l’accozzaglia.

1.000.000 un milione di dollari

Video:

Ridicolo cartello stradale pubblicitario

Pedofilia erotismo razzismo intorno San Remo?

L’Origine della natura morta in Italia

I paladini della sozzura

A caccia di cittadini polli non sono i casino online — 

Divieto di sedersi

I marioli delle tasse

Rubandus

Video:

Bracconiere marino – Ischia 18 Marzo 2017

Chiese e operai a rischio

Video:

Ischia: la cascata di acqua marina, o quasi!

Ischia: la scomparsa degli abitanti

Pilomat-to blocca tutti! Piazza Eroi – Ischia

America Star Books: il falso mito dell’Editore!

Ischia: Galbani avariato nel DOK di De Siano

Lampione stradale ischitano 

Legalizzare l’illegale – Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

Lo squallore del centro TIM

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

La perfida della Guardia medica

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Pilomat-to blocca tutti!

Il gazzo ipocrita

La previsione del passato

Mezzanotte: l’ora dei fantasmi

La Banca dell’allegria

Disattivare sevizio a pagamento

A ruba

La maledizione del pilomat

In auto vado dove voglio

Problema

Il bus lo guido io

Interrogato il morto non rispose

Urina in faccia al Sindaco d’Ischia?

Tassa IMU per i loculi dei morti

Tre meglio di due

rel=”publisher”>Trovaci su Go

 

google+

Scritto da Bruno Mancini

Esopo news

Bruno Mancini scrittore

è nato a Napoli nel 1943 e risiede ad Ischia, dalla età di tre anni.

A lui piace dire che l’origine della sua ispirazione o forse solo un iniziale impulso ancestrale ed istintivo, il vero basilare momento poetico della sua vita, si è concretizzato nell’incontro, propriamente fisico, tra i suoi sensi acerbi, infantili, e le secolari, immutate, tentazioni autoctone dell’Isola d’Ischia, dove le leggi della natura sembravano fluire ancora difese da valori di primitive protezioni.
Anche se aggiunge, con molta auto ironia e con un pizzico di provocazione:

“Le mie primissime esternazioni poetiche le ho espresse in tenerissima età, quando ancora non avevo pronunziato per la prima volta la parola mamma, ed alla fine di ogni abbondante poppata liberavo graziose ispirazioni poetizzando mediante dei rimati vagiti“.

foto bru preferite 025
Antiche terme comunali – Salone delle feste  – Ischia 1964 Bruno Mancini legge poesie moderne

Recensione di Marina De Caro

Recensione di Roberta Panizza

Intervista a Michela Zanarella

Recensione di Liga Lapinska

Intervista di Michela Zanarella

PROSE

Per Aurora volume primo
Per Aurora volume secondo
Come i cinesi volume primo
Per Aurora volume terzo
Per Aurora volume quarto
Come i cinesi volume secondo
Per Aurora volume quinto
Per Aurora volume sesto
Così fu
La ch
Per Aurora- Tutti i racconti
Incontro con un maestro
Racconti inediti

POESIE
Davanti al tempo
Agli angoli degli occhi
Segni
Dedicate e preferite
La sagra del peccato
Incarto caramelle di uva passita
Non rubate la mia vita
Io fui mortale
Sasquatch
Non sono un principe
La mia vita mai vissuta
Inedite

Antologie

Scempi
Poesie inedite

Traduzioni

Inglese
Pamela Allegretto Franz

Napoletano: Luciano Somma

Lettone
Liga lapinska

Libere interpretazioni

Lettone:
Liga Lapinska

Esopo news

Recensioni

Stampa

Letture Bruno

Letture tuttti

Varie

Cenni biografici

Pacifismo

Eros edizioni

Video poesie

Canzoni

Canzone per San Valentino

Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore

Bruno Mancini scrittore

Brevi commenti amichevoli ricavati dalle varie recensioni ai suoi libri pubblicati:

“Vedo una folla che si muove compatta verso un’unica meta guidata dagli incitamenti di colui che punta il dito ed una penna, che crea volti per i sentimenti.”

“…si fondono nell’intero componimento in una prospettiva ampia che contempla l’umano, l’umano cammino. Ed è una Commedia, una Commedia divina in chiave poetica, in versi che sento anche io estremamente dolorosi, con il preciso intento di affidarli alla penna , che non li disperda ma li urli e li renda in qualche modo eterni”.

“… lodo quel senso di eco lontano che riverbera le parole enfatizzandone i concetti”.

“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”

“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”

“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”

“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”

“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”

“…seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.”

“…lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”

“ Bella poesia, con alti picchi in termini d’emozione e intensità.”

“…sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”

“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”

“Ed io invece, Bruno, ho letto a ritroso, prima la seconda parte, bellissima, ed ora la seconda, altrettanto splendida. Senso o non senso è una poesia dal forte impatto emotivo. Giochi con il lessico e le iterazioni, che adoro, ed è questa una delle poesie più belle che abbia letto qui dentro, quel genere di poesia che cerco e difficilmente poi trovo.
Mi domando come mai non ti abbia scoperto prima, Poeta??!!”

“Una poetica lacerata e sfuggente…”

“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”

“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”

“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”

“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”

“Sì, lasci molto lavoro a chi legge, eppure questo mi affascina della tua poesia, la afferri e ti sfugge: in essa ti perdi ed allora ti turba… e cerchi il senso e lo cogli e ti lascia poi subito in dubbio. Ma il dubbio stimola, ti coinvolge … Sperimentalismo? Se lo è, come credo, ben venga; io lo adoro.
Bravissimo. Vero artista.”

“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi…”

Prima dell’alba
regalami un verso
così che io possa
sfrontata babbuccia
ricamo sulla brina
imprimere.

Al sole tenero
Vederla piangere di gioia

Bruno Mancini

Info:

Bruno Mancini
Cell. 3935937717 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Acquista un libro 14 euro

Rai-tv-web

G10-Grandi regali per Ischia

G10-Grandi regali per Ischia

Per la serie Esopo news

G10-Grandi regali per Ischia

G10-Grandi regali

Ischia: spettacolare concerto musicale permanente! Elicotteri, aerei, ambulanze, centauri, clacson, sirene polizia, ancoraggi…  e inoltre processioni, campane, urla di protesta, allarmi di auto e di negozi impazziti, tifosi nei locali pubblici all’aperto, trivelle, martelli pneumatici, seghe elettriche, fuochi pirotecnici, tombini traballanti, altoparlanti su auto per pubblicità ecc. ecc.

G10-Grandi regali

Ischia: massiccio esodo migratorio di gabbiano. Troppi pericoli in volo!

G10-Grandi regali

Ischia: il profumo delle pinete? Solo un ricordo!

G10-Grandi regali

Ischia: il suono del mare sugli scogli? Solo un ricordo!

G10-Grandi regali

Ischia: assemblea generale dei pennuti. Probabile uso di kamikaze in difesa del loro regno celeste.

G10-Grandi regali

I centurioni occupano la villa dove visse Luchino Visconti!

G10-Grandi regali

Carmen sfrattata dalla sua villa per fare spazio ai cecchini!

G10 - Grandi regali per Ischia

G10-Grandi regali

Un grande regalo? Al posto degli uccelli volano gli elicotteri!

G10-Grandi regali

Domani sciopero EAV? G10 non vanno in CD né in CS!

G10-Grandi regali

I pedoni nelle strade indicate potranno circolare solo attraverso varchi controllati

G10-Grandi regali

G10-Grandi regali

Grazie per aver pensato a noi! Centauri YES! Centurioni YES! Quando i black bloc?

G10-Grandi regali

A Ischia, dopo i centauri arriveranno i centurioni.

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

Bruno Mancini

Esopo news

UE: inizia il mercato degli “Stati”?

Esistono sindaci e Sindaci – Quiz ischitani

Grazie x aver pensato a noi!

Squallore e ipocrisia dittongo per insulsi cervelletti di face

Impavidi? Ma mi facciano il piacere!

onorevoli e Parassiti – Esopo news

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Il vaccino sacro di Marcello Veneziani

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Ischia: a vergogna si aggiunge nuova VERGOGNA

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Lo squallore del centro TIM

Legalizzare l’illegale – Esopo news

Lampione stradale ischitano – Esopo news

Volumi vaganti

A Renzi: quello che non ha capito un finto scemo

L’incertezza della certezza

Cesare Di Scala scrive che…

Dall’America!

Feltrinelli. Oh! stupore

Il paradosso dei paradossi

Io sono l’accozzaglia.

1.000.000 un milione di dollari

Video:

Ridicolo cartello stradale pubblicitario

Pedofilia erotismo razzismo intorno San Remo?

L’Origine della natura morta in Italia

I paladini della sozzura

A caccia di cittadini polli non sono i casino online — 

Divieto di sedersi

I marioli delle tasse

Rubandus

Video:

Bracconiere marino – Ischia 18 Marzo 2017

Chiese e operai a rischio

Video:

Ischia: la cascata di acqua marina, o quasi!

Ischia: la scomparsa degli abitanti

Pilomat-to blocca tutti! Piazza Eroi – Ischia

America Star Books: il falso mito dell’Editore!

Ischia: Galbani avariato nel DOK di De Siano

Lampione stradale ischitano 

Legalizzare l’illegale – Esopo news

BUSEAV Ischia : si aspetta il MORTO per intervenire?

Io sono colpevole – Per la serie Esopo news

Lo squallore del centro TIM

Non è il terremoto che ci fa paura

La pace di Dio sia con voi: truffa Monet Fumba

Terremoto Isola d’Ischia: Affittasi a non residenti

Mi associo alla vergogna di Gaetano N Di Meglio

La perfida della Guardia medica

SUPER vaccino (din din?) – Per la serie Esopo news

Pilomat-to blocca tutti!

Il gazzo ipocrita

La previsione del passato

Mezzanotte: l’ora dei fantasmi

La Banca dell’allegria

Disattivare sevizio a pagamento

A ruba

La maledizione del pilomat

In auto vado dove voglio

Problema

Il bus lo guido io

Interrogato il morto non rispose

Urina in faccia al Sindaco d’Ischia?

Tassa IMU per i loculi dei morti

Tre meglio di due

rel=”publisher”>Trovaci su Go

 

google+

Scritto da Bruno Mancini

Esopo news

Bruno Mancini scrittore

è nato a Napoli nel 1943 e risiede ad Ischia, dalla età di tre anni.

A lui piace dire che l’origine della sua ispirazione o forse solo un iniziale impulso ancestrale ed istintivo, il vero basilare momento poetico della sua vita, si è concretizzato nell’incontro, propriamente fisico, tra i suoi sensi acerbi, infantili, e le secolari, immutate, tentazioni autoctone dell’Isola d’Ischia, dove le leggi della natura sembravano fluire ancora difese da valori di primitive protezioni.
Anche se aggiunge, con molta auto ironia e con un pizzico di provocazione:

“Le mie primissime esternazioni poetiche le ho espresse in tenerissima età, quando ancora non avevo pronunziato per la prima volta la parola mamma, ed alla fine di ogni abbondante poppata liberavo graziose ispirazioni poetizzando mediante dei rimati vagiti“.

foto bru preferite 025
Antiche terme comunali – Salone delle feste  – Ischia 1964 Bruno Mancini legge poesie moderne

Recensione di Marina De Caro

Recensione di Roberta Panizza

Intervista a Michela Zanarella

Recensione di Liga Lapinska

Intervista di Michela Zanarella

PROSE

Per Aurora volume primo
Per Aurora volume secondo
Come i cinesi volume primo
Per Aurora volume terzo
Per Aurora volume quarto
Come i cinesi volume secondo
Per Aurora volume quinto
Per Aurora volume sesto
Così fu
La ch
Per Aurora- Tutti i racconti
Incontro con un maestro
Racconti inediti

POESIE
Davanti al tempo
Agli angoli degli occhi
Segni
Dedicate e preferite
La sagra del peccato
Incarto caramelle di uva passita
Non rubate la mia vita
Io fui mortale
Sasquatch
Non sono un principe
La mia vita mai vissuta
Inedite

Antologie

Scempi
Poesie inedite

Traduzioni

Inglese
Pamela Allegretto Franz

Napoletano: Luciano Somma

Lettone
Liga lapinska

Libere interpretazioni

Lettone:
Liga Lapinska

Esopo news

Recensioni

Stampa

Letture Bruno

Letture tuttti

Varie

Cenni biografici

Pacifismo

Eros edizioni

Video poesie

Canzoni

Canzone per San Valentino

Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore – Bruno Mancini scrittore

Bruno Mancini scrittore

Brevi commenti amichevoli ricavati dalle varie recensioni ai suoi libri pubblicati:

“Vedo una folla che si muove compatta verso un’unica meta guidata dagli incitamenti di colui che punta il dito ed una penna, che crea volti per i sentimenti.”

“…si fondono nell’intero componimento in una prospettiva ampia che contempla l’umano, l’umano cammino. Ed è una Commedia, una Commedia divina in chiave poetica, in versi che sento anche io estremamente dolorosi, con il preciso intento di affidarli alla penna , che non li disperda ma li urli e li renda in qualche modo eterni”.

“… lodo quel senso di eco lontano che riverbera le parole enfatizzandone i concetti”.

“Percorso di memoria o ricerca di spazi temporali virtuali?”

“Il continuo intersecarsi di livelli di identità con ipotesi e incarnazioni simboliche…”

“…sembrano accarezzare un sogno lontano, una speranza che non sarà mai certezza, un miraggio di felicità che si perde oltre l’orizzonte illusorio di fragili esistenze.”

“…a volte lirismo crepuscolare, intriso di soffusa malinconia, di struggente tristezza.”

“Opera interessante per i contenuti e le tematiche affrontate, nonché per i valori estetici…”

“…seria preparazione, corredata da rimarchevole fantasia.”

“…lavoro meditato, armonioso di buon afflato poetico.”

“ Bella poesia, con alti picchi in termini d’emozione e intensità.”

“…sincero, elegante, sempre aderente al soggettivismo letterario del particolare momento che attraversiamo.”

“Non racconto né romanzo, più che risolverli lascia aperti molti quesiti anche sul piano puramente tecnico linguistico.”

“Ed io invece, Bruno, ho letto a ritroso, prima la seconda parte, bellissima, ed ora la seconda, altrettanto splendida. Senso o non senso è una poesia dal forte impatto emotivo. Giochi con il lessico e le iterazioni, che adoro, ed è questa una delle poesie più belle che abbia letto qui dentro, quel genere di poesia che cerco e difficilmente poi trovo.
Mi domando come mai non ti abbia scoperto prima, Poeta??!!”

“Una poetica lacerata e sfuggente…”

“Le aperture liriche, più che segnare il passo dell’emozionalità, offrono un ulteriore invito a perdersi nei labirinti della parola scritta…”

“Quasi poesia cruda, percuote e carezza, giovane e antica…”

“Lavoro intenso, vissuto nella profondità della sua composizione, fatta di toni e di immagini…”

“Una voce nuova che chiama ad ascoltarla ed a giudicarla senza inibizioni, come liberamente essa è sviluppata.”

“Sì, lasci molto lavoro a chi legge, eppure questo mi affascina della tua poesia, la afferri e ti sfugge: in essa ti perdi ed allora ti turba… e cerchi il senso e lo cogli e ti lascia poi subito in dubbio. Ma il dubbio stimola, ti coinvolge … Sperimentalismo? Se lo è, come credo, ben venga; io lo adoro.
Bravissimo. Vero artista.”

“Troverete un urlo e un soffio di amore, un vuoto, immersi nella forza e nella malinconia di chi…”

Prima dell’alba
regalami un verso
così che io possa
sfrontata babbuccia
ricamo sulla brina
imprimere.

Al sole tenero
Vederla piangere di gioia

Bruno Mancini

Info:

Bruno Mancini
Cell. 3935937717 tutti i giorni dalle 14 alle 23
emmegiischia@gmail.com

Acquista un libro 14 euro

Rai-tv-web