Barano, Pendio del Gelso: da 10 anni senza luce!

0
YOUR ARTICLE TOP AD

Luigi Balestriere | Al buio da dieci anni. E’ Via Pendio del Gelso, l’antica strada pedonale in basoli di granito che dal centro collinare conduce a Testaccio. Ogni notte è avvolta dalle tenebre: è cosi da una vita. Nemmeno la rivoluzione dell’illuminazione a led dell’intero Comune di Barano (targata Paolino Buono) è riuscita a dare luce a quel pezzo di strada. Misteri dell’elettricità.

YOUR ARTICLE INLINE AD

Dev’essere molto difficile montare due lampadine o ripristinare una linea elettrica di scarsi duecento metri.

Ma luce non è l’unico problema di questa caratteristica stradina di sessant’anni. Martoriata dal continuo saccheggio delle artistiche pietre di facciavista, è un indecoroso scenario d’incuria e di abbandono. Rifiuti, erbacce, liquami, alberi abbattuti e vegetazione incolta ne fanno un tunnel del degrado.

E pensare che ogni giorno è attraversata da turisti e residenti che s’imbattono in questa avventura indecente e vergognosa.

Come nelle migliori tradizioni di queste parti, tutto tace e nessuno interviene. Negli anni passati e per gli anni che arriveranno.