lunedì, Settembre 21, 2020

Assicurazione auto con la scatola nera: vantaggi e svantaggi

Must Read

Tromba d’aria a Lacco Ameno, panico tra i bagnanti

Tanta paura e agitazione, stamattina, nella baia di San Montano a Lacco Ameno. Una...

Il Barano ha presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza

Il Barano ha appena presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza. La dirigenza del club bianconero ha...

Ragazza americana si frattura bacino e femore alla Corricella

Una vera e propria giornata da bollino rosso quella emergenziale vissuta sull'isola di Procida. Ben sette gli...

Oggi, rispetto al passato, il mercato assicurativo italiano propone ai potenziali clienti pacchetti diversificati e personalizzati in base alle numerose necessità, formule assicurative in grado di soddisfare al massimo le tante richieste. Un panorama completo di prodotti e servizi ma anche piuttosto costoso, ragioni per cui quando si tratta di assicurare un proprio veicolo ognuno di noi cerca le soluzioni più valide per poter risparmiare sul premio assicurativo finale da pagare. Da un po’ di anni fare installare la scatola nera sulla propria auto significa abbattere i costi dell’assicurazione in maniera considerevole, anche se tale opportunità non presenta esclusivamente dei vantaggi. Con questa guida, scritta insieme agli amici di Qualeconviene, ci occuperemo proprio della scatola nera, analizzando nello specifico i vantaggi e gli svantaggi che possono scaturire dall’eventuale utilizzo di tale strumento.

Alcuni mesi fa tra l’altro la scatola nera è stata oggetto di dibattito fra gli organi competenti e c’è stato chi ha avanzato l’ipotesi di far diventare questo strumento obbligatorio per tutte le auto. Siamo per ora solo nel campo delle ipotesi ma ciò è servito a far ulteriormente crescere l’attenzione intorno a questo strumento, da sempre caldeggiato da alcuni e osteggiato da altri. Prima di entrare nei dettagli e, capire le caratteristiche della scatola nera, è bene fare un passo indietro per capire di cosa stiamo parlando: sostanzialmente di un dispositivo elettronico capace di registrare la posizione e la velocità del mezzo di trasporto sul quale è stato installato. Dunque uno strumento utilissimo in caso di furto per localizzare il veicolo e necessario per tutti coloro che optano per una polizza a consumo, una forma di assicurazione per la quale evidentemente serve conoscere in modo preciso quanti km si percorrono in un anno. Inoltre, in caso di incidente, la scatola nera consente di ricostruire la dinamica del sinistro costituendo così una vera prova per far valere le proprie ragioni.

Ma il dispositivo elettronico dotato di Gps non presenta solamente vantaggi, ma anche alcuni punti negativi. Tanto per cominciare va sottolineato il fatto che sono diverse le compagnie assicurative che garantiscono alla clientela l’installazione gratuita della black box, ma i guai iniziano nel caso in cui si voglia cambiare auto o anche solamente la compagnia di assicurazione. Infatti, purtroppo, nonostante il Decreto Monti del 2012, con il quale è stato stabilito che le società assicurative devono non solo farsi carico dell’installazione ma anche della disinstallazione della scatola nera, l’assenza di precisi regolamenti in grado di provvedere a una corretta classificazione delle black box e dei relativi servizi assicurativi complica di parecchio la situazione. Ecco i motivi per cui, nonostante la normativa del 2012, diverse compagnie assicurative, all’atto della disinstallazione della scatola nera, addebitano i relativi costi al consumatore facendo leva su specifiche clausole contrattuali. Difronte a questi casi è molto opportuno spedire frettolosamente una raccomandata a/r alla compagnia assicurativa per ribadire la disinstallazione gratuita prevista dal Decreto Monti.

Inoltre se, come già sottolineato, avere la scatola nera sul proprio veicolo può essere un vantaggio per ricostruire la dinamica di un incidente, in alcuni casi potrebbe addirittura non essere un beneficio. Giusto a titolo di esempio, ricordiamo che in un eventuale coinvolgimento in un sinistro senza alcuna colpa specifica, la scatola nera potrebbe rivelare un eccesso di velocità e quindi testimoniare una parte di corresponsabilità nell’incidente stesso. Chiaramente la prova registrata sullo strumento elettronico è praticamente inappellabile anche ai fini legali.

Ma non finisce qui, perché un’altra questione delicata è legata alla privacy: che fine fanno i dati registrati sulla scatola nera? Quali sono le modalità di gestione e chi li gestisce? Tutte domande assolutamente lecite anche se in questa logica è opportuno precisare come le compagnie siano autorizzate all’uso dei dati esclusivamente in caso di incidente o per risalire ai chilometri percorsi nel corso dell’anno, presupposti che allontano i rischi di violazione della privacy.

Alla luce di queste considerazioni appare chiaro come per gli automobilisti virtuosi e prudenti la scatola nera sia un’opportunità da capitalizzare al massimo, anche in considerazione degli sconti applicati dalle compagnie e previsti per chi fa installare la black box sulla propria auto.

 

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Latest News

Tromba d’aria a Lacco Ameno, panico tra i bagnanti

Tanta paura e agitazione, stamattina, nella baia di San Montano a Lacco Ameno. Una...

Il Barano ha presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza

Il Barano ha appena presentato la domanda di ripescaggio in Eccellenza. La dirigenza del club bianconero ha portato al Comitato Regionale campano,...

Ragazza americana si frattura bacino e femore alla Corricella

Una vera e propria giornata da bollino rosso quella emergenziale vissuta sull'isola di Procida. Ben sette gli interventi dei medici del 118...

Incontro con la poesia di Angela Barnaba: l’evento venerdì 19 all’Antoniana

In occasione della pubblicazione del libro “Il vento delle cose”, la Biblioteca Comunale Antoniana ospita l’incontro con la...

“BELLE STATUINE” ALL’UTC, sfiduciato il sindaco di Ischia. In 11 firmano contro la gestione di Enzo Ferrandino

Sfiduciato il sindaco in consiglio comunale. E’ questa la sintesi, estrema, del civico consesso che si è svolto ieri mattina a Ischia. Enzo Ferrandino...
- Advertisement -

More Articles Like This

- Advertisement -