leggi anche

Liberato incanta Procida con un concerto a sorpresa in “Miez’o mare”

Concerto dell'artista senza identità per omaggiare la capitale italiana della Cultura, dopo che nei giorni scorsi erano stati diffusi dei teaser video con indizi

Da marechiaro a Procida con Liberato la sorpresa è sempre dietro l’angolo. Quasi un’ora di musica a
largo della spiaggia della lingua con un migliaio di persone ad assistere e tante altre in piazza
Marina Grande.
Qualcosa bolliva in pentola da giorni. Nell’ultima settimana l’artista senza identità aveva allertato i
fan con alcuni video che lo vedevano su una barca a remi nel golfo di Napoli. Poi a sorpresa è
arrivato l’annuncio di un concerto per Procida Capitale della Cultura 2022 a poche ore dall’inizio.
L’evento si è svolto mercoledì 20 luglio, gratuito e aperto a tutti, disponibile anche in streaming, al
tramonto e in “Miez’o mare” (come il titolo dei video social e degli hashtag che li hanno
accompagnati), su una chiatta di fronte alla spiaggia della Lingua: una performance live suggestiva
e coinvolgente, che ha visto l’artista accompagnato da un quartetto d’archi per un concerto dal forte
impatto visivo ed emotivo.
Abballanno c”o mare ‘int’ô core”, recita una delle sue nuove canzoni, “Nun ce penzà”. E dal mare,
mentre il sole scendeva verso l’orizzonte, sono arrivati sulla chiatta, posizionata davanti alla
spiaggia, i protagonisti del concerto: da destra a sinistra si sono schierati un quartetto d’archi
mascherato, una figura alla consolle e Liberato, o chi per lui, alla tastiera. Prima che il sole
scomparisse da questo giorno d’attesa, Liberato canta. Canta per la prima volta le nuove canzoni del
secondo album, uscito poco più di due mesi fa.
Il concerto organizzato con Voiello, main sponsor di Procida Capitale Italiana della Cultura, parte
con la sognante e romantica “Anna”, per poi percorrere binari synth dance con “Guaglioncella
napulitana”, e innestando successivamente i sincopati trap di “Nunneover”. Poi tocca alla triade “Oi
Mari”, “9 maggio”, “Gaiola” che con i ricami degli archi prendono una dimensione più
sentimentale, raccolta, soffusa e di grande atmosfera che si sposa con il mare quieto, il tramonto
ocra, l’abbraccio di Procida e la cornice del Vesuvio dietro, in lontananza. Si rimane nelle stesse
camere pennellate con la nuova “Partenope”, per terminare con i due singoli-catalizzatori, ormai
divenuti classici moderni, “Me staje appennenn amó” e “Tu te scurdat e me”.
“Liberato canta ancora” è lo slogan che sta accompagnando l’artista nel corso di questi anni
attraverso sporadiche apparizioni, altrettante pubblicazione, contrariamente alle politiche che il
mercato musicale richiederebbe. Dopo un lustro di (non) presenza sulle scene, mentre il gossip
futile sulla sua identità sta finalmente scemando, la musica torna a ricoprire l’effettivo spazio e peso
della sua proposta: è il momento per lui di misurare la continuità del suo impatto sul pubblico. Lo
scorso 9 maggio Liberato era riapparso sui social per condividere i sette brani del secondo disco e il
videoclip di “Partenope”, diretto dal sodale Lettieri.
E questi nuovi brani hanno saputo mantenere intatto il suo eclettismo, un fil rouge che collega
tradizione napoletana con la musica da club. E sono riusciti ad allargare gli orizzonti della proposta

musicale dell’esordio (che ha conquistato di diritto lo status di culto), mantenendosi fedele a un
immaginario personale e senza epigoni. Tra classica scala minore napoletana, battiti trap,
l’ibridazione del dialetto napoletano con brevi slogan cantati in lingua inglese: un’altra tappa
dell’affascinante progetto crossmediale in cui musica e audiovisivo hanno lo stesso peso, con
l’aggiunta di una strategia di comunicazione dal notevole impatto che hanno creato un’operazione
che rimane senza pari in Italia.
“Son venuto a Procida e tu t’e scurdat’ ‘e me” canta Liberato alla fine del concerto, prima di
riscomparire nella notte e tra i flutti, nell’attesa per il concerto più volte rimandato negli ultimi due
anni che si terrà il 9 settembre all’Ippodromo Snai-San Siro di Milano.

Mimmo Redattore Virtuale
Mimmo Redattore Virtualehttp://www.ildispari24.it/it
Il Dispari24.it è uno spin off de Il Dispari Quotidiano. Un racconto, selezionato, dell'isola d'Ischia attraverso le sue persone, le sue eccellenze, le sue bellezze, le sue storie, le sue unicità, le sue unicità. Un magazine verticale sul bello d'Ischia.

Latest

LA ROSA DI GERICO – VIAGGIO ALLA FINE DEL TEMPO

LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO ROMANZO DI EDUARDO COCCIARDO AL...

Forio, arrivano le Casette della Lettura

Book Crossing, ecco le prime “Casette della Lettura” a...

SERVA DI UN DIO MINORE !

Da bambina da sola giocavi, crescendo hai imparato a sopravvivere inconsapevolmente. Cercavi lo sguardo amorevole, e ti sei ritrovata negli abbracci spezzati...

Ogni Uomo è una storia…

Sull’individualità può agire la selezione naturale e così dar luogo all’evoluzione.

Newsletter

spot_img

Don't miss

LA ROSA DI GERICO – VIAGGIO ALLA FINE DEL TEMPO

LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO ROMANZO DI EDUARDO COCCIARDO AL...

Forio, arrivano le Casette della Lettura

Book Crossing, ecco le prime “Casette della Lettura” a...

SERVA DI UN DIO MINORE !

Da bambina da sola giocavi, crescendo hai imparato a sopravvivere inconsapevolmente. Cercavi lo sguardo amorevole, e ti sei ritrovata negli abbracci spezzati...

Ogni Uomo è una storia…

Sull’individualità può agire la selezione naturale e così dar luogo all’evoluzione.

IO SONO, TU SEI!

Io sono Ok, tu sei Ok, questo è già un buon inizio
spot_imgspot_img

LA ROSA DI GERICO – VIAGGIO ALLA FINE DEL TEMPO

LA PRESENTAZIONE DEL NUOVO ROMANZO DI EDUARDO COCCIARDO AL MUSEO CIVICO DEL TORRIONE Sabato 17 settembre, alle ore 18:30, presso il Museo Civico del Torrione,...

Forio, arrivano le Casette della Lettura

Book Crossing, ecco le prime “Casette della Lettura” a Forio Colorate, personalizzate e piene, pienissime di “cultura”: ecco le prime “casette della Lettura” installate sul...

SERVA DI UN DIO MINORE !

Da bambina da sola giocavi, crescendo hai imparato a sopravvivere inconsapevolmente. Cercavi lo sguardo amorevole, e ti sei ritrovata negli abbracci spezzati...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here