leggi anche

Il Dispari 2016-02-22

Il Dispari 2016-02-22

Il Dispari 2016-02-22
Editoriale

In età scolastica, tra le due materie meno importanti del corso degli studi umanistici, preferivo la geografia alla storia.
In effetti c’era una ragione che ho compreso meglio nel corso degli anni.
La geografia mi offriva nozioni e notizie ben più pratiche e di gran lunga meno contestabili di quanto non mi accadesse di leggere nei libri si storia.
Ossia, per quanto riguarda la concretezza delle informazioni, dover imparare che la rivoluzione francese avesse avuto inizio esattamente in un determinato giorno di uno specifico mese di un preciso anno, mi sembrava molto meno utile dell’apprendere in quale continente esistesse il monte più alto della terra. Relativamente alla contestabilità dei dati da studiare nelle due materie, già allora avevo la precisa sensazione che le vicende storiche fossero insegnate secondo la “moda” (per non dire la politica) del momento, mentre la circonferenza della terra poteva essere falsata solo da misurazioni oggettivamente inadeguate.
Tra una mistificazione storica e un errore geografico strumentale, propendevo per l’approfondimento delle nozioni relative a quello tra i due insegnamenti meno deliberatamente inquinato.

Questa premessa è dovuta alla circostanza che ieri, leggendo il volume “Osare e morire per l’Italia e per Mazzini. Giovanni Pianori detto il Brisighellino (Carta Bianca Editore) scritto da Enzio Strada, ho avuta la conferma di come le vicende storiche siano state falsate, minimizzate oppure amplificate, secondo, appunto, le “mode” predominanti nei diversi periodi-
In poche parole, sono rimasto molto colpito dalla mia ignoranza di fatti e di misfatti avvenuti nell’Italia delle lotte risorgimentali.
Venire a conoscenza che le gesta rinomate di Eroi oggi pluri censiti ed incensati fossero state anticipate da azioni, ad esse similari, compiute da Personaggi ancora oggi semisconosciuti e privi di pubblici apprezzamenti; e che nazioni di acclarata fama legalitaria, una delle quali finanche nata dal famosissimo “libertè egalitè fraternità” fossero state risucchiate nell’imbuto del depistaggio e della menzogna e delle peggiori infamie che possano essere riservate agli imputati di qualsiasi reato, questo, sì, mi ha convinto a consigliarvene la lettura.
Non starò qui a tediarvi illustrandovi tutte le speciali qualità del libro soltanto perché… ne sono troppe!

Le interviste possibili: Enzio Strada.

Laureato in lingue presso l’Università di Bologna e laureato in scienze umane presso l’Università di Parma, Enzio Strada è stato
docente e poi preside di scuole statali a Bologna e provincia.
È Socio Fondatore dell’Associazione culturale “Da Ischia L’Arte – DILA”

Domanda: Quali sono le tesi che proponi nel tuo libro “Osare e morire” per l’Italia e per Mazzini?

Enzio Strada: Giovanni Pianori detto il Brisighellino è stato vittima di un “maledetto imbroglio” i cui maggiori responsabili sono stati il Governo Francese di Napoleone III e il Governo Pontificio di Pio IX e del suo Segretario di Stato, il Cardinale Antonelli.
Essi hanno sulla coscienza la rovina di ben otto fratelli PIANORI perseguitati a morte per il loro impegno a favore di un’Italia Libera, Unita, Indipendente e Repubblicana. Giovanni fu ghigliottinato a Parigi il 14 maggio 1855, Senesio ed Alessio sono finiti alla Caienna, Pompeo fu costretto all’esilio, Olinto, Giuseppe, Attilio, Ireneo parimenti rovinati.
Il dossier “Pianori” rintracciato presso l’Archivio Segreto Vaticano è stato risolutivo per la ricostruzione di questa incredibile vicenda conosciuta in Francia, in Gran Bretagna, negli Stati Uniti, perfino in Australia e NON DA NOI: in Italia.

Domanda: Chi era Giovanni Pianori e cosa ha fatto per l’Italia?

Enzio StradaEgli nel 1848 partecipò alla Prima Guerra di Indipendenza, nel 1849, combatté con Garibaldi in difesa della Repubblica Romana distrutta dalle armate francesi di Napoleone III.
Fervente repubblicano mazziniano, sabato 28 aprile 1855, alla vigilia dell’inaugurazione dell’EXPO di Parigi, il Brisighellino sparò due colpi di pistola (andati a vuoto) contro Napoleone III che, a cavallo, percorreva i Campi Elisi.
Pianori si era fatto strumento di un piano ideato a Londra proprio da Mazzini secondo cui la scomparsa dell’Imperatore sarebbe stata la scintilla di un moto da cui sarebbe scaturita la nostra Unità Nazionale.
Immediatamente arrestato, Giovanni motivò politicamente il suo gesto : Napoleone aveva distrutto la Repubblica Romana e rovinato l’Italia. Lunedì 7 maggio, Pianori subì un processo sommario e fu condannato alla pena dei “parricidi”: morte mediante ghigliottina. Le Autorità di Governo gli promisero salva la vita se avesse fatto il nome dei complici.
Pianori non tradì nessuno; si limitò a dire: “Saprò morire”.
Quando all’alba di lunedì 14 maggio 1855 fu in cima al patibolo, gridò forte “Viva la Repubblica, Viva l’Italia”.
Il gesto di Pianori ebbe enorme ripercussione in tutta Europa (e non solo) per le sue conseguenze; Napoleone III rinunciò al suo viaggio in Crimea, rinviò l’inaugurazione dell’EXPO, attuò una politica finalmente più favorevole all’Unità d’Italia.
Mazzini rese, da subito, omaggio alla memoria di Pianori con parole che egli non aveva mai usato per nessuno: il Brisighellino era stato capace di osare e morire” ed aveva reso un “servigio alla Patria”.

Altre pubblicazioni di Enzio Strada
“La Cultura del Sale: il Sale nella Storia, nella Lingua, nella Economia”.
“Mino Gessi; L’Idea e la Forza (Sovversivi, fascisti e spie durante il Ventennio in Romagna e in Francia.”
“Villa Inferno: un po’ della sua storia, un po’ della sua gente”
“Montaletto: un po’ della sua storia ed un po’ della sua gente”
“Cervia: spigolature, curiosità, inediti”.

Bruno Mancini

Giovanni Pianori

Il Dispari 20160222 1 comp
Già oltre 100.000 visitatori per De Chirico a Palazzo dei Diamanti a Ferrara

Grande affluenza alla mostra di Palazzo dei Diamanti
A tre mesi dall’apertura la rassegna De Chirico a Ferrara ha raggiunto la cifra record di 100.000 visitatori, dimostrando così di suscitare un grande interesse e di essere tra gli eventi espositivi italiani più visitati.

DE CHIRICO E LA NUOVA VISIONE METAFISICA IN MOSTRA A FERRARA

A dare una svolta allo stile di De Chirico sono l’atmosfera e il suggestivo paesaggio della città di Ferrara dove l’artista soggiorna per tre anni in seguito allo scoppio della Prima Guerra mondiale, e dove presta servizio militare insieme al fratello Alberto Savinio. Innanzi alla bellezza e ai miti rinascimentali della città emiliana, Giorgio De Chirico, travolto da un’ondata di emozioni inizia a dipingere in modo nuovo dando forma ad un mondo irreale, popolato di meraviglie. Così, nei suoi dipinti, piazze fuori dal tempo immerse in tramonti fantastici o stanze segrete dalle prospettive vertiginose fanno da sfondo agli oggetti enigmatici scoperti nelle peregrinazioni tra i vicoli del ghetto, o diventano il palcoscenico su cui recitano manichini da sartoria e personaggi muti e senza volto. Ed è a Ferrara che De Chirico incontra Carlo Carrà e da inizio a quella fase della sua pittura definita “metafisica” che diventerà punto di riferimento per la coeva arte italiana e per i movimenti internazionali come il Dadaismo e il Surrealismo. Il grande inventore della pittura Metafisica viene ricordato con una grande mostra presso Palazzo dei Diamanti a Ferrara, in occasione del centenario del suo arrivo nella suggestiva città estense.
L’esposizione De Chirico a Ferrara. Metafisica e Avanguardie aperta fino al 28 febbraio 2016, a cura di Paolo Baldacci e Gerd Roos, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalla Staatsgalerie Stuttgart in collaborazione con l’Archivio dell’Arte Metafisica di Milano, presenta, distribuite in sezioni cronologico tematiche, circa ottanta opere provenienti dai principali musei e collezioni di tutto il mondo. Accanto ai capolavori realizzati da De Chirico durante il soggiorno ferrarese tra il 1915 e il 1918, è una selezione di dipinti, ready made, acquerelli, disegni, collage e fotografie degli artisti che a lui si ispirarono: da Carrà a De Pisis, da Magritte a Dalí, affascinati dalla sua capacità di mostrare il mistero impenetrabile delle cose.
Accanto ai dipinti del padre della Metafisica ispirati al ritmo della vita ferrarese tra cui I progetti della fanciulla, 1915, Il grande metafisico, 1917, Le Muse inquietanti 1918, sono quelli della serie metafisica realizzati da Carrà: Composizione TA, Penelope, Natura morta con la squadra, e Madre e figlio.Il percorso prosegue con le opere di Giorgio Morandi legate alla sospensione metafisica e al realismo magico: Natura morta rosa, o quelle con le teste di manichini: Natura morta con manichino. E poi i dipinti di Filippo de Pisis che rivelano unavisione personale della corrente metafisica:i primi collage dadaisti e le opere degli anni Venti dense di citazioni dalle opere di De Chirico (Natura morta accidentalee Natura morta con tarocchi). L’arte di De Chirico ha trovato anche ad Ischia una sede accogliente presso il Complesso Museale di Villa Arbusto di Lacco Ameno dove nel 2010 è stata esposta una mostra con 28 dipinti e 5 sculture della collezione Fondazione Giorgio e Isa De Chirico.

Silvana Lazzarino

DE CHIRICO A FERRARA.
Metafisica e avanguardie
a cura di Paolo Baldacci e Gerd Roos
Ferrara, Palazzo dei Diamanti
Corso Ercole I d’Este, 21
Orari di apertura: tutti i giorni 9.00 -19.00
fino al 28 febbraio 2016
Per informazioni telefono 0532 244949

De Chirico - Mostra Ferrara
Il Dispari 20160222 tutto ridim

Scadenza presentazione testi: 28 Febbraio 2016

Premio internazionale di poesia
“Otto milioni”

Quinta edizione 2016 con la collaborazione del quotidiano
“Il Dispari”
Il regolamento di partecipazione è disponibile alla pagina
http://www.ildispari24.it/it/premio-otto-milioni-2016/
Info:

tel. 3914830355;

e-mail emmegiischia@gmail.com

Premio Otto milioni 2016 sponsor 1

livestream lanostraisola banner bozza 3

Latest

Il Dispari 2016-01-04

Editoriale L’anno che è appena iniziato, ha visto la nascita...

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-11 Editoriale Forse qualcuno di voi ricorderà che in...

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-18 UN’ANTOLOGIA CHE RACCONTA DELL’ASSOCIAZIONE DILA Dare nuova visibilità...

Il Dispari 2016-01-25

Il Dispari 2016-01-25 Editoriale Mercoledì 27 Gennaio in tutto il mondo...

Newsletter

spot_img

Don't miss

Il Dispari 2016-01-04

Editoriale L’anno che è appena iniziato, ha visto la nascita...

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-11 Editoriale Forse qualcuno di voi ricorderà che in...

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-18 UN’ANTOLOGIA CHE RACCONTA DELL’ASSOCIAZIONE DILA Dare nuova visibilità...

Il Dispari 2016-01-25

Il Dispari 2016-01-25 Editoriale Mercoledì 27 Gennaio in tutto il mondo...

Il Dispari 20220801

Il Dispari 20220801 – Redazione culturale DILA Il Dispari 20220801 Carmine...
spot_imgspot_img

Il Dispari 2016-01-04

Editoriale L’anno che è appena iniziato, ha visto la nascita di due nuovi premi made in Ischia.Si tratta di due premi ideati per rendere sempre...

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-11 Editoriale Forse qualcuno di voi ricorderà che in una delle precedenti puntate di questi piacevoli incontri del lunedì avevo accennato a possibili progetti...

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-18 UN’ANTOLOGIA CHE RACCONTA DELL’ASSOCIAZIONE DILA Dare nuova visibilità al mondo dei poeti e non solo, ma anche all’universo di quanti coltivano e portano...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here