leggi anche

Ischia Film Festival, intervista a Andrea D’Ambrosio

Splendida l’Edizione 2022 dell’Ischia Film Festival che festeggia i suoi 20 anni di attività con il Cinema d’autore e il Cinema di qualità. 

È sbarcato sulla nostra Ischia Andrea D’Ambrosio, regista talentuoso molto apprezzato. Al Festival ha partecipato, in Concorso nella Sezione “Scenari”, con il suo film “Il Sentiero dei Lupi”. Un film che scopre, fa scoprire e valorizza il Cilento, in perfetta sintonia con l’essenza dell’Ischia Film Festival che è racchiusa nell’intento di non fare spegnere mai i riflettori sull’importanza del Cineturismo.

D’Ambrosio si è subito detto innamorato di Ischia, leggiamo insieme la sua intervista.

L’INTERVISTA

Chi è Andrea D’Ambrosio? Andrea D’ambrosio è un uomo che ha trascorso gran parte della sua vita nelle campagne del Meridione. Nato nel Cilento, un lembo di terra tra montagna e mare. Terra aspra e dura. Terra di contadini e di briganti. Da ragazzino leggevo tanti libri. Molti libri di fantascienza e racconti. Immaginavo storie e personaggi nella mia cameretta di casa e con i miei amici di infanzia. Forse lì veramente è nata la mia vera passione per le storie e per le immagini. Ho iniziato da bambino ad andare al cinema. Nel mio paese c’era un solo cinema che alternava film a luci rosse a film italiani d’autore e film americani di cassetta. Mi immergevo nell’atmosfera della sala a vedere questi film. Da li la curiosità è diventata forte e ho iniziato fin da ragazzo a vedere film dei grandi autori italiani e americani. Li divoravo. E così la mia passione è diventata poi una professione. Andai a Roma a frequentare la scuola di cinema con Peppe De Santis, Ugo Pirro, Carlo Lizzani, Ettore Scola e da li è iniziato il mio percorso.
Dare una definizione di se stessi è sempre difficile, ma credo di essere a metà tra un eterno adolescente e un uomo che guarda avanti. Uno che riesce a guardare il mondo con lo sguardo di un cane.

Quando hai deciso che saresti diventato un regista?Il cinema come linguaggio mi ha sempre incuriosito e appassionato. Ho divorato tantissimi film e libri. Un giorno decisi di prendere la mia valigia di cartone e approdare a Roma a capire un linguaggio. E ho incontrato dei giganti che mi hanno preso tra le braccia e mi hanno fatto capire che mondo meraviglioso è il cinema. Da Peppe De Santis l’indimenticato regista di Riso Amaro e Non c’è pace tra gli ulivi con cui ho trascorso giorni indimenticabili. Sono stato di recente a New York per ricordarlo ed è stata una emozione incredibile. Da lì ho iniziato a fare miei lavori fino ai documentari che sono usciti al cinema come Pesci Combattenti (primo doc uscito nelle sale) a Biutiful Cauntri che vinse oltre 40 premi nel mondo tra cui un Nastro d’Argento. Credo sia lo strumento migliore per raccontare le ferite o le bellezze di un Paese.

Come è nata l’idea di girare “Il sentiero dei lupi”? Il sentiero dei lupi nasce dalla mia esigenza di raccontare la mia Terra. Il Cilento. E anche di raccontare un mondo in estinzione. L’idea mi è nata durante il lockdown quando un giorno con un permesso speciale mi recai in un paese ai piedi del Monte Cervati. Ho visto ed osservato un mondo magico e incontaminato abitato da caprioli, cinghiali e volpi. Sotto una finestra di una casa accovacciato c’era un lupo. Ha sentito il mio odore ed è scappato. Ma prima di andarsene mi ha guardato. E da quello sguardo imperiale e dolce è nata l’idea di questo film. Ho incontrato Marco Galaverni, direttore scientifico del wwf, che da sempre si occupa di lupi ed orsi e da lì insieme ai compagni della Iuppiter e alla Apulia film commission e la Fondazione con il Sud è nato questo film che per me è importante. Perché raccontando l’estinzione del lupo, abbiamo raccontato un mondo in estinzione. Quello dei piccoli paesi dell’entroterra che si stanno spopolando, ma abbiamo trovato e raccontato anche gente che resiste. Residui di una civiltà contadina che ancora esiste e resiste in un mondo di “resistenza”.

C’è un aneddoto carino, accaduto durante le riprese del film, che vuoi condividere con i nostri lettori? Ci sono stati numerosi episodi durante la lavorazione del film. Sicuramente quello più divertente è stato quando Lupetta, un cane che si vede nel film, ha iniziato a dare morsi alle borse del direttore della fotografia e a saltare addosso a tutta la troupe. Una sorta di benvenuto e di accoglienza nel bosco ai piedi del Monte Cervati. Oltre naturalmente alle scalate e ai sentieri impervi che abbiamo percorso. Un giorno pensavamo di aver trovato la tana di un lupo e invece il lupo non c’era. Siamo stati ore ad aspettare.

Che cosa rappresentano i luoghi per un regista? I luoghi sono la parte principale di un racconto cinematografico. Si parte forse proprio dai luoghi e dai personaggi. Sono come gli attori. Devi viverli per raccontarli, sia nel cinema di finzione che nel documentario. Se uno va nei boschi del Cervati o sul sentiero di San Nilo a Massicelle si rende conto di quello che c’è. Ogni dettaglio, ogni porta, ogni pietra diventano parte integrante del racconto. Quando ho girato Due euro l’ora il mio primo lungometraggio, ho girato tantissimi paesi prima di girare. Fino a che in Irpinia ho trovato un paese che era perfetto per la mia storia. Penso ai film di Pasolini ad esempio. Se non ci fossero state le borgate romane, non avrebbe mai girato i suoi film.

Raccontaci la tua esperienza all’Ischia Film Festival? L’Ischia film festival è un festival meraviglioso, oserei dire necessario. Un festival di cinema ricco di contenuti e ricco di atmosfere. Appena arrivi sei catapultato in un mondo quasi da fiaba. E tutto diventa cinema. Un film nel film. Sono stato benissimo. Accolto come se ci conoscessimo da tempo. Ho girato tantissimi festival. Ma quello di Ischia merita di vivere a lungo.

Descrivici Ischia… Ischia è come una bella signora che sta lí, a guardare l’incedere delle onde del mare. Accoglie tutti e ti fa sentire un amico di famiglia.

Progetti futuri? Sto lavorando al mio secondo lungometraggio di finzione. Una storia ambientata a Palermo, nel quartiere Brancaccio. Ancora una volta una storia difficile ispirata ad un fatto di cronaca. Spero si concretizzi presto. E intanto ad agosto nel Cilento partirà la prima edizione del Cilentofest il festival di cinema nelle aree interne. Sono nella direzione artistica insieme ad altri

Mimmo Redattore Virtuale
Mimmo Redattore Virtualehttp://www.ildispari24.it/it
Il Dispari24.it è uno spin off de Il Dispari Quotidiano. Un racconto, selezionato, dell'isola d'Ischia attraverso le sue persone, le sue eccellenze, le sue bellezze, le sue storie, le sue unicità, le sue unicità. Un magazine verticale sul bello d'Ischia.

Latest

Il Dispari 2016-01-04

Editoriale L’anno che è appena iniziato, ha visto la nascita...

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-11 Editoriale Forse qualcuno di voi ricorderà che in...

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-18 UN’ANTOLOGIA CHE RACCONTA DELL’ASSOCIAZIONE DILA Dare nuova visibilità...

Il Dispari 2016-01-25

Il Dispari 2016-01-25 Editoriale Mercoledì 27 Gennaio in tutto il mondo...

Newsletter

spot_img

Don't miss

Il Dispari 2016-01-04

Editoriale L’anno che è appena iniziato, ha visto la nascita...

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-11 Editoriale Forse qualcuno di voi ricorderà che in...

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-18 UN’ANTOLOGIA CHE RACCONTA DELL’ASSOCIAZIONE DILA Dare nuova visibilità...

Il Dispari 2016-01-25

Il Dispari 2016-01-25 Editoriale Mercoledì 27 Gennaio in tutto il mondo...

Il Dispari 20220801

Il Dispari 20220801 – Redazione culturale DILA Il Dispari 20220801 Carmine...
spot_imgspot_img

Il Dispari 2016-01-04

Editoriale L’anno che è appena iniziato, ha visto la nascita di due nuovi premi made in Ischia.Si tratta di due premi ideati per rendere sempre...

Il Dispari 2016-01-11

Il Dispari 2016-01-11 Editoriale Forse qualcuno di voi ricorderà che in una delle precedenti puntate di questi piacevoli incontri del lunedì avevo accennato a possibili progetti...

Il Dispari 2016-01-18

Il Dispari 2016-01-18 UN’ANTOLOGIA CHE RACCONTA DELL’ASSOCIAZIONE DILA Dare nuova visibilità al mondo dei poeti e non solo, ma anche all’universo di quanti coltivano e portano...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here